Articolo precedente
Articolo successivo

PhenomeNoilogy – act II

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. Flâneries, effeffe è il poeta idealista della città,
    anima della flânerie, cogliere fiocchi di luce,
    salire da terre al cielo, unire elementi mai
    uniti. Le scale hanno merletto di fiori.
    Salire
    con niente nella tasca, il cielo con breccia,
    el il cuore di effeffe.

    Un’antenna capta le notizie del mondo
    di quelli che hanno,
    e silenzio per quelli che hanno niente
    nella tasca.
    Effeffe capta il mondo in movimento,
    acquatico, trasparente
    il vertigine, il rumore quasi silenzio
    dell’acqua di un “lavoir”.

    Ora sento il canto antico delle lavandaie
    del Vomero, e credo che è questo canto
    a cantare il lento amore,
    il sole puro del canto delle ragazze
    al lavaro, il core delle anime con mani
    in dolore di acqua fredda in inverno
    del calore, nebbia di piombo in estate,
    canto della tradizione,
    in un napoletano altro tempo
    poesia del canto che raggiunge altre
    canti dal parte del mondo.

    Grazie per la promenade,
    lo sguardo,
    la sensibilità…

    véronique

  2. cara verò il canto delle lavandaie del vomero, nel PS interpretata da Roberto Murolo era un antico canto di rivolta. ti giro la nota:

    Altri titoli: Canzone delle lavandaie del vomero
    Interpreti: Nuova Compagnia di Canto Popolare (1972)

    Canto d’amore risalente al Duecento (secondo altri, al XIV secolo) divenuto canto di protesta contro la dominazione aragonese, in cui il fazzoletto (moccafora) assume il significato di terra.

  3. Grazie a te, effeffe: sai che sono appassionata
    di cultura napoletana.
    Ho canzoni di tradizione napoletana a casa,
    vedro se si trova il canto.

  4. giusto per la precisione, è “moccadora” o “moccatora”, non “moccafora” (come nel tuo ultimo commento).
    Molto bello, effeffe, con quel leitmotiv del ferro merlettato…..

  5. :-)
    effeffe
    la p di piazza era diventata K di kiazze
    di piove chiove
    più chiù
    e così quando si copiaincollette lo testo
    la t di moccatora divenette moccafora

    ettette

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Les nouveaux réalistes: Gennaro Pollaro

di Gennaro Pollaro
Il signor Aiello mi spiega - senza aprire bocca - in quale luogo sarebbe sensato trovarsi l’origine delle mie preoccupazioni. Muove le mani sulla sua testa come a formare un cerchio e poi tira fuori ancora quel maledetto pendolo.

Rêveries

di Mirco Salvadori
Il diario di bordo di una due giorni dove è questione di pratica di gioventù e di trasmissione generazionale. Un'esperienza tradotta in uno scritto che speriamo incontri con piacere i lettori di Nazione Indiana. M.S.

Memento Moro

Poesie di Alida Airaghii
Come nei Sillabari di Goffredo Parise, dove sono i luoghi a fare le persone e le persone i titoli dell'abécédaire in questa raccolta è il tempo a definire l'ordine, e la storia a sconvolgere la cronologia mutando la semplice successione degli anni- le poesie sfilano come date precise, giorno, anno...

Les nouveaux réalistes: Luigi Macaluso

di Luigi Macaluso
Narrano le cronache non scritte di Trizzulla, paese dell’entroterra madonita, che all’indomani della legge Merlin l’arrivo del nuovo parroco don Basilicò fu accompagnato dalla presentazione d’un prodigio: la nipote Lina, meglio nota alla memoria dei fedeli come l’Ovarola o la Moglie del Serpente.

Avanguardia Vintage: l’intervista

a cura di di Nadia Cavalera
"C’è un brano di Kafka che dice che la scrittura deve essere come un’ascia, che rompe uno strato di ghiaccio. Per cui, sostanzialmente, al povero lettore gli diamo, come dire, delle botte sulla testa."

Deus ex Makina: Maniak

di Francesco Forlani
Da un po'sto collaborando con Limina Rivista, con delle autotraduzioni dal francese di piccoli assaggi ( essais) letterari pubblicati in oltre vent’anni sulla rivista parigina l’Atelier du Roman diretta da Lakis Proguidis. Dopo Philip K Dick, Franz Kafka, Anna Maria Ortese, Charles Dickens è stata la volta di Boris Vian. Qui una nota a un libro indispensabile.
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: