Immaginate di essere un giornalista freelance

lettera22

Immaginate di essere un giornalista freelance. Immaginate di essere parte di una piccola realtà che da quindici anni, nel mare tempestoso della stampa italiana, cerca di parlare e raccontare di esteri e cultura con serietà. Convinto che l’unica linea che un giornalista deve seguire è quella ferroviaria, magari cercando di andare un po’ più in là degli stereotipi in voga. Immaginatevi poi un sabato sera di un inizio ottobre quasi estivo, ritornare a casa dopo un pomeriggio di piazza, gli occhi e le orecchie ancora carichi delle voci, dei visi, dei colori, delle parole di 300mila persone, colleghi e semplici cittadini, anziani e famiglie con bambini, accorsi a manifestare per ricordare l’importanza di un articolo della Costituzione.

Entrate in casa, stanchi ma felici, e accendete la televisione. Un po’ per abitudine, un po’ per curiosità, per sentire come il pomeriggio di piazza, un pomeriggio che sentite a pieno titolo anche vostro, sarà raccontato. Una frase vi colpisce allo stomaco: Lettera22, associazione di giornalisti, non ha aderito alla manifestazione. Ve la ripetete nella mente increduli. E questa da dove è saltata fuori? Altro canale, altro tg, stessa notizia. Che si siano sbagliati? Ma perché tirarci in mezzo dicendo una colossale panzana? Noi in piazza c’eravamo tutti, compatti e convinti. Poi, l’illuminazione. Da un anno o poco più, vi ricordate, esiste un’altra Lettera22, che con voi non ha nulla a che fare. Che ha preso lo stesso nome e si definisce nello stesso modo, ma che è composta da giornalisti con interessi e orientamenti diversi. Soprattutto, che non scrive per giornali e periodici come fa l’associazione di cui fate parte, ma pare abbia più che altro un’intenzione lobbistica. E molti contatti, evidentemente. Tanto che la sua non-adesione è diventata notizia da tg delle 20. Il giorno dopo, le mail dei lettori. Sorpresi, preoccupati, sapete che ci sono ‘altri’ che si spacciano per voi?, a tratti amareggiati da un atteggiamento che non comprendono e non pensavano potesse essere vostro. E infatti non lo è. La linea ferroviaria non lo permetterebbe. Poi la sveglia suona. E mentre lentamente riaprite gli occhi, la bocca impastata e il timore che in fondo non fosse solo un brutto sogno, nella testa vi ronza un monito: diffidare sempre dalle imitazioni! Noi siamo qui.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

metti una sera al…

di Maria Angela Spitella La sera andavamo al Kino E se l’ultimo mercoledì del mese ci si vedesse tutti al...

la confusione è precisa in amore

di Luca Alvino Uno dei meriti più importanti della poesia è quello di saper rendere il disordine tollerabile. Come ogni...

carta st[r]ampa[la]ta n.47

di Fabrizio Tonello Gentile Signorina/Signora Mariarosa Mancuso, come vedrà dai miei commenti qui sotto la Sua tesina “Addio al radical chic”,...

hanksy

di Sabina de Gregori Il mondo si sa, gira e rigira su se stesso, ma ogni tanto improvvisa e sorprende...

se c’è una cosa che non ti fa stare zitta, è un segreto

di Chiara Valerio Ha i suoi vantaggi essere nel posto più brutto, perché non ti preoccupi di perderti qualcosa. Nella...

è tutto compresso in un istante

di Chiara Valerio La sera festeggiammo. Stappammo una bottiglia di vino rosso, lo stesso del nostro primo incontro, il Chianti,...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: