Cerco volontari per revisione di traduzioni Tor

Sono il traduttore italiano del progetto Tor, software per l’anonimato in rete, e cerco delle persone che mi aiutino nel lavoro di revisione della versione italiana del sito web torproject.org.

Ho bisogno del lavoro prezioso di una (o più) persona volontaria che riveda la traduzione e mi segnali:

  1. refusi, errori di ortografia e di impaginazione – è la cosa più apprezzata e di semplice esecuzione, grazie!
  2. frasi non scorrevoli, troppo ambigue, sbagliate – tieni conto che sono testi tecnici;
  3. scelte stilistiche grossolane e discutibili – come sopra, bassa priorità ed importanza.

Se hai anche solo 5 minuti da dedicare, prendi una delle pagine qui sotto e segnalami nei commenti tutti i problemi che trovi. Il tuo contributo è prezioso, grazie!

Aggiornamento 12/10/2009: ringrazio marnon, saretta, alanina, sparz, Laura, Add3r, fabo, shatzy per il loro contributo, ho cancellato dalla lista le pagine completate. Se nei commenti oltre alle correzioni mi segnali anche il link al tuo sito, lo citerò con piacere.

Pagine principali: le più lette e importanti, comincia da qui!

  1. index.html.it
  2. easy-download.html.it
  3. finding-tor.html.it
  4. download.html.it
  5. docs/tor-doc-windows.html.it
  6. bridges.html.it
  7. torbrowser/index.html.it
  8. torbrowser/split.html.it

Pagine secondarie: utili per chi vuole approfondire

Pagine marginali:  molto specifiche, poco lette

Anche 3 minuti del tuo tempo sono preziosi. Quel che faccio per il Tor Proejct è lavoro volontario non pagato, altrettanto è il  contributo che vorrai dare, per il quale sarà dato credito.

Se ti stupisci per tutti gli strafalcioni che trovi, sappi che sono esclusivamente di mia responsabilità, ma che sono nati da un aggiornamento incrementale di ciascuna pagina nell’arco di almeno 4 anni.Per maggiori informazioni sulla traduzione di Tor, leggi le translation guidelines.

Print Friendly, PDF & Email

22 Commenti

  1. “che osservi la tua connesione Internet” nella quarta riga della pagina index.html.it: c’è da correggere connesione che diventa connessione.

    Poi, alla dodicesima riga della stessa pagina, dopo la parentesi tonda di apertura io userei la minuscola: “… aprono un relay (Non è così difficile da…” diventerebbe “aprono un relay (non è così difficile da”.

  2. ho guardato il 4. download.html.it:
    dele ->delle (all’inizio)
    inscriviti ->iscriviti
    e poi credo ci sia un riferimento <href non preso perché con sintassi scorretta (forse < href invece di <href, non so). Ciao.

  3. Alla pagina easy-download, sottopagina “Ti interessa conoscere meglio Tor in generale?”:
    quinto capoverso: pubbblico dominio→pubblico
    sesto capoverso: e` in reatla`→realta`
    al paragrafo “perche` abbiamo bisogno di Tor”, quinto rigo: la connessione e` orginata→originata
    settimo rigo stesso paragrafo: ci si connetti→connette
    Ciao!

  4. Pagina “downloads:

    “Fai attenzione se apri documenti o applicazioni che hai scaricato tramite Tor, a meno che tu ne abbia verificato l’integrità. ”
    ==>”a meno che tu ne abbia verificato l’integrità.

    Pagina “Tor panoramica”:
    “aumentando la capacità di Tor rimettere nelle tue mani il controllo della tua sicurezza e della tua privacy.”

    fra le ho messo cio’ che manca, ciao lavoro eccellente! ;-)

    • …rispedisco il commento perche’ ho usato dei caratteri non accettati:
      Pagina “downloads:

      “Fai attenzione se apri documenti o applicazioni che hai scaricato tramite Tor, a meno che tu ne abbia verificato l’integrità. ”
      ==>”a meno che tu NON ne abbia verificato l’integrità.

      Pagina “Tor panoramica”:
      “aumentando la capacità di Tor DI rimettere nelle tue mani il controllo della tua sicurezza e della tua privacy.”
      In maiuscole cio’ che manca, ciao, lavoro eccellente! ;-)

  5. io l’avrei riscritto così

    Tor è un software libero ed una rete volontaria e aperta per difendersi dalle tecnologie per la sorveglianza della rete che minacciano le libertà individuali e la privacy, le comunicazioni confidenziali personali e d’impresa, e la sicurezza di stato.

    Tor funziona deviando le tue comunicazioni su una rete distribuita di server (relay) gestiti da volontari in tutto il mondo: impedisce a qualcuno che osservi la tua connessione Internet di sapere quali siti stai visitando, ed impedisce ai siti che visiti scoprire la tua collocazione geografica. Tor funziona con molti programmi di frequente uso su internet: i browser web (explorer, Firefox, Safari), i client per la chat (IRC, Skype, ICQ ecc…), i programmi per il controllo remoto (PC Anyware, Ultra VNC ecc..)) e tante altre applicazioni basate sul protocollo TCP.

    Al mondo centinaia di migliaia di persone usano Tor, per motivi diversi: giornalisti e blogger, operatori umanitari, membri delle forze dell’ordine, militari, grandi aziende, abitanti di regimi autoritari e repressivi, semplici cittadini. Leggi le loro storie alla pagina Chi usa Tor?
    Navigare in sicurezza e anonimità si può fare. Per capire meglio quello che TOR può fare e quello che non può fare, leggi la descrizione generale. Tor è uno strumento potente non una scatola magica e la privacy è un bene sempre più prezioso e difficile da difendere.

    Più sono gli utenti che usano Tor aumentano maggiore saranno la sicurezza e la velocità della navigazione anonima che Tor garantisce.
    Per contribuire al progetto puoi installare un server TOR e diventare un nodo della rete (è più facile di quello che pensi), contribuire allo sviluppo, tradurre la documentazione, donare e raccogliere fondi per il progetto.

    Tor è un’associazione non-profit registrata 501(c)(3) il cui scopo è fornire agli utenti della rete strumenti per l’analisi del tuo traffico Internet. Per favore, fai una donazione! E’ deducibile dalle tasse.

  6. Pagina finding-tor.html.it
    capoverso: Cercare Tor tramite IRC: gettor
    Prima riga, inserire uno spazio: usando ilprotocollo –> usando il protocollo

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Un tuffo al cuore: Gigi Spina

Tuffo in lungo di Gigi Spina       Il tuffo in lungo è una specialità olimpica. Lo praticavano gli dèi dell’Olimpo. Non fu mai...

L’indicibile Necessarium

Il bagno nell’architettura contemporanea di Alberto Giorgio Cassani «Se vuoi il mio consiglio, abbellisci il tuo cesso e abbellirai la tua...

Agricoltura convenzionale, agricoltura biologica, nuove tecnologie

intervista a Giacomo Sartori di Dario De Marco
DDM Partiamo dal principio: la dicotomia biologico / convenzionale. Noi ce li figuriamo spesso come due cose distanti e distinte, in teoria è così ma poi nella pratica,

Il mercato metropolitano

di Gianni Biondillo Non riesco a starci dietro. Una volta era tutto più semplice. Negli anni Novanta a Milano non...

Appunti su “EDENICHE” di Flavio Ermini. Ovvero: Il tramonto della luna.

di Bruno di Pietro “Un pensatore lo si onora pensando” (E.Jünger) 1. Il tramonto della luna Giunge a compimento con “Edeniche” (Moretti...

La conversazione: Rossana Valle ( fu Anna Giuba )

a cura di effeffe         Farsi un nome. Anna Giuba e Rossana Valle. Sorelle, amiche, separate dalla nascita, due nomi distinti di...
jan reisterhttps://www.nazioneindiana.com/author/jan-reister
Mi occupo dell'infrastruttura digitale di Nazione Indiana dal 2005. Amo parlare di alpinismo, privacy, anonimato, mobilità intelligente. Per vivere progetto reti wi-fi. Scrivimi su questi argomenti a jan@nazioneindiana.com Qui sotto trovi gli articoli (miei e altrui) che ho pubblicato su Nazione Indiana.
Print Friendly, PDF & Email