Articolo precedenteUn cartello sulla galassia
Articolo successivoA Alda

Ruderi del Tauro

Si pubblica una scelta di poesie da: Enrico De Lea, Ruderi del Tauro, L’arcolaio, 2009.

10 Commenti

  1. “un’arte” è una vera e propria dichiarazione di poetica Enrico, è sempre un piacere leggerti, Viola

  2. Ho letto il libro questa estate e devo dire che è di valore assoluto.
    Complimenti a Enrico e un grazie per proporcelo anche qui.

  3. Una lingua antica e al contempo nuova, inventiva, un’immersione nella natura e nella storia.

    Complimenti a Enrico e grazie a Domenico, e un grande in bocca al lupo a questo libro

  4. sono davvero grato a tutti per l’attenzione e la simpatia,

    a cominciare da Domenico, per la selezione dei testi e per questa splendida simulazione grafica

    ciao, e.

  5. ciao, marco, grazie

    miei cose su LPELS, e su carta (Atelier, Sud, etc.), nonché su siti di amici (Marotta, Aglieco) – su NI in “quattuor passi fare” di FF

    parecchi sono testi di qlc. anno o decennio

    un mio precedente libro “pause”, era uscito nel 1992 da Ediz. del Leone

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Lumelli: (tutte) Le poesie

di Angelo Lumelli

Presento qui un estratto del libro che raccoglie l'opera poetica di Antonio Lumelli "Le poesie", a cura di Eugenio Gazzola, il verri edizioni. È un libro molto importante questo come lo è il suo autore, che ha sfidato, nel suo percorso, tutte le corsie ben riconoscibili.

Il demone meridiano

di Fabrizio Bajec
1. una controfigura dicevano che amavi il rischio mettendoti al servizio dei più nobili sapevi parlare in pubblico e posare al sole imitando certe donne dagli occhiali scuri stese sul bordo di un terrazzo in attesa di una foto

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.

Intervista a Italo Testa su “Teoria delle rotonde”

di Laura Pugno e Italo Testa   Laura Pugno: Vuole una tesi forte che molta della migliore poesia italiana contemporanea –...

da “Somiglianze di famiglia”

di Matteo Pelliti   Essi   Essi, loro i pronomi della lontananza, della distanza, della genealogia, della progenitura, gli antenati, gli spettri evocabili, avi, trisavoli, siamo noi...

Due descrizioni di quadri

  di Andrea Inglese   Una carta moschicida dorata – certo che no – (potrebbe essere un’ocra, allora, a quest’ora, che lo guardiamo molto...
Avatar
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.