da Porta a Porta

Untitled-1

Da Antonio Porta, Tutte le poesie, 2009 Garzanti

nel luogo delle alture ruotanti
semplici farfalle alzano brevi pascoli
un lago a fondamento del moto
tutto si produce all’interno dei presenti
ecco quanto ho da dirvi, carissimi
(…) 1972

(…)
Mi chiedo se puoi o chi può
capire queste parole se i superstiti
soli seduti intorno al buco
o altri, sconosciuti, lontani…
ma questo solo conta che io ti parli
che io stia respirando
insieme a voi tutti che non vedo
che ho chiamato, un giorno,
carissimi.

10.9.1978

Carissimi
Sono passati vent’anni e la ‘scommessa della comunicazione’ di Antonio Porta continua…
martedì, 24 novembre ore 18 al Teatro Verdi, una serata organizzata con la passione che Antonio ha lasciato in tanti e che continua nella gratuità della disponibilità del Teatro Verdi, nella presenza degli attori, nell’organizzazione della regia dei fratelli Buscaglia, nell’adesione di chi parlerà del Teatro di Antonio e nel vostro esserci.
E vi chiedo aiuto: diffondetelo più che potete, vi prego, a tutti i vostri amici e agli amici degli amici.
E venite a confermare anche la vostra passione per la poesia.
Rosemary Liedl Porta
Segue il programma

Via Pastrengo, 16 – Milano
24 novembre 2009

PORTA DEL TEATRO
ANTONIO PORTA TRA TEATRO E POESIA

a cura di Gianni Buscaglia, Rosemary Liedl Porta, Giordano Sangiovanni.
In collaborazione con Teatro del Buratto.

Il 20 novembre 1990 debuttava al Teatro Verdi La festa del cavallo, poema per teatro di Antonio Porta. Il poeta era morto improvvisamente nell’aprile dell’anno precedente e lo spettacolo, caparbiamente voluto dai suoi realizzatori, non voleva essere semplicemente un omaggio all’amico scomparso, ma la conclusione di un progetto sul quale si lavorava insieme da tempo.
A venti anni dalla morte del poeta e sullo stesso palcoscenico che ha ospitato La festa del cavallo, con l’evento Porta del Teatro vogliamo ricordare Antonio Porta nella sua dimensione forse meno conosciuta di scrittore teatrale, autore di testi rappresentati e pubblicati, che, alla pari della sua poesia, dei suoi romanzi e racconti, si muovono tutti all’interno di una complessa ricerca progettuale.“Non mi sono mai appagato di una forma, ho sempre cercato di provocarne molte”, diceva Antonio Porta parlando della sua poesia: una dichiarazione di poetica che si può senz’altro estendere a tutto il suo lavoro creativo, compreso quello di organizzatore culturale, di editore e di critico, tutte attività che interagivano costantemente con la sua “poesia dinamica”, sicuramente tra le più intense esperienze poetiche della seconda metà del Novecento.

Primo tempo – ore 18.00

SIMPOSIO
La scelta della voce: Antonio Porta tra teatro e poesia
Al Simposio partecipano studiosi, critici teatrali, poeti, scrittori, registi, musicisti, operatori dello spettacolo: Oliviero Ponte di Pino, Dario Del Corno, Maurizio Cucchi, Franco Loi,
Mario Santagostini, Alberto e Gianni Buscaglia, Paolo Bessegato, Sergio Porro, Marzio Porro, Filippo Del Corno, Tommaso Leddi, Paolo Malgara, Giordano Sangiovanni
Invasioni
Reading di attori – all’interno del Simposio – che hanno dato voce al teatro e alla poesia di Antonio Porta, con letture di brani, frammenti, brevi monologhi dai testi teatrali del poeta.

Secondo tempo – ore 21.00

DRAMMALETTURA
Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters nella traduzione di Antonio Porta (Milano,1987)
direzione artistica di Alberto e Gianni Buscaglia
musiche di Tommaso Leddi
contributi scenici: Francesca Piotti e Luciana Andreani
disegno luci e suono: Giovanni Paolazzi
con gli attori: Antonio Ballerio, Paolo Bessegato, Marcello Cortese, Enrico Maggi, Valeria Magli, Milvia Marigliano, Caterina Mattea, Elda Olivieri, Silvano Piccardi, Gianni Quillico, Umberto Tabarelli.
Nel corso della serata verrà proposto il video dello spettacolo LA FESTA DEL CAVALLO, poema per teatro di Antonio Porta, diretto da Alberto e Gianni Buscaglia (registrato al Teatro Verdi nel dicembre 1990).
Ingresso a invito su prenotazione.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI: 02 27002476 – www.teatrodelburatto.it – info@teatrodelburatto.it Teatro Verdi – Via Pastrengo 16, Milano – Tel. 02 6880038
Informazioni per la stampa:Teatro del Buratto – 02 27002476 – stampa@teatrodelburatto.it

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.

Les nouveaux réalistes: Pierangelo Consoli

di Pierangelo Consoli
Per questo, quando mia madre divenne Alberta, tramutandosi in qualcosa di più collettivo, io non soffrii tanti cambiamenti, almeno per quello che riguardava la gestione delle faccende, perché erano già molti anni che me ne occupavo. Usciva pochissimo, come ho detto, eppure il giorno dei morti restava, nel suo calendario, un rito al quale non poteva rinunciare.

Colonna (sonora) 2024

di Claudio Loi
15 album in rigoroso ordine alfabetico per ricordare il 2023 e affrontare le insidie del quotidiano con il piglio giusto. Perché la musica, quella giusta, è la migliore medicina che si possa trovare sul mercato. Buon ascolto!

Les nouveaux réalistes: Annalisa Lombardi

di Annalisa Lombardi
Per questa nuova puntata dei nouveaux réalistes, un polittico di esistenze minime perdute tra i massimi sistemi della vita e della storia. Come nei Racconti con colonna sonora di Sergio Atzeni, la voce dei personaggi è incisa sulla musica di fondo delle cose. (effeffe)

Cose da Paz

di Massimo Rizzante
Partiamo da qui: la poesia, l’arte in genere, non ama ripetersi. Ciò non significa che non possa ripetersi. Ecco la mia teoria: quando la poesia non si accorge che si sta ripetendo, la Storia inevitabilmente si ripete. Ciò se si crede, come io mi ostino a credere che, a differenza della poesia di Omero, nessuno studio storico potrà mai dirci qualcosa di essenziale su chi sono stati gli antichi Greci.

I poeti appartati: Enzo Campi

di Enzo Campi
Da quando lo conosco, da più di trent'anni, ho sempre percepito nella "manifattura creativa" di Enzo Campi, che si trattasse di teatro o di poesia, il tentativo di dialogo tra la mano che fabbrica e quella che pensa. La selezione di poesie tratte dalla sua silloge, Sequenze per cunei e cilindri  che il lettore di NI potrà leggere conforta, credo, quella mia percezione dell'origine. effeffe
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: