Articolo precedenteLetteratura come filosofia naturale
Articolo successivoBrenda, R.I.P.

Il clamoroso non incominciar neppure

:::

venerdì 27 novembre 2009

.

presso l’Archivio di Stato di Torino, Piazza Castello 209

(ingresso Piazzetta Mollino)

«Il clamoroso non incominciar neppure»


Giornata di studio in onore di Augusto Blotto


Ore 9,30
Saluti di apertura: Marco Carassi, Direttore dell’Archivio di Stato di Torino; Sergio Roda, Prorettore
dell’Università di Torino; Paolo Garbarino, Rettore dell‘Università del Piemonte Orientale; Mariarosa
Masoero, Direttore del Centro Studi Interuniversitario «Guido Gozzano – Cesare Pavese»

Presiede: Guido Davico Bonino

Giovanni Tesio, I tempi di Blotto tra l’ “orrida fiaba” e la sorpresa dell’ “enfin!”
Stefano Agosti, Genealogie del Reale
Philippe Di Meo, Camminando

Ore 11,30
Marco Conti, Il presente e lo sconfinato nella poesia di Augusto Blotto
Giorgio Barberi Squarotti, Le cinque dita del rivoluzionario

Ore 14,30
Tavola rotonda: Storia di un piglio, di un entusiasmo
Intervengono: Dario Capello, Anna Grazia D’Oria, Emilio Jona, Stefano La Notte, Marica Larocchi,
Sandro Montalto, Antonio Rossi, Roberto Rossi Precerutti.
Coordina: Giovanna Ioli

Per informazioni: tel. 011.670 47 43 (ore 10-13) mail: info@gozzanopavese.it
CENTRO STUDI
“GOZZANO –

______________________________________________

2 Commenti

  1. ah, non avevo visto che hai postato anche i testi, stavo quasi per farlo io, ma è tutto il libro, o una selezione? cmq, sono contenta, su Blotto c’è una nota di Eco (la persona meno adatta a capirlo, direi:-)), che se trovo copio qui, ma magari qualcuno la trova prima di me, non dice nulla della sua poesia, ma dice qualcosa sulla forza del poeta che continua a lavorare seguendo ostinatamente la propria strada e che da pazzo che può sembrare all’inizio, riesce a imporsi e a trovare dei lettori affini

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Da “Il tempo che trova”

di Pierluigi Lanfranchi
Didascalia per un quadro di Mark Rothko Occhio che passi, fissa questa tela, tuo autoritratto fedele, mia stele tombale. Ascolta bene ciò che dice: non c’è nient’altro, solo superficie.

Luigi Di Ruscio e il paradigma del dubbio

La tesi di laurea di Niccolò Di Ruscio dedicata al suo omonimo marchigiano. La lezione etica e politica di un poeta.

Nosferatu non esiste

di Andrea Accardi
. NI presenta alcuni testi tratti da "Nosferatu non esiste", Arcipelago Itaca, 2021.

Da “Betelgeuse e altre poesie scientifiche”

di Franco Buffoni
Circola un'arietta leopardiana, ironica e frizzante, a tratti glaciale, nell'ultimo libro di Franco Buffoni, BETELGEUSE e altre poesie scientifiche, Mondadori, 2021. Un'arietta rara nei libri di poesia contemporanea A. I.]

Lumelli: (tutte) Le poesie

di Angelo Lumelli

Presento qui un estratto del libro che raccoglie l'opera poetica di Antonio Lumelli "Le poesie", a cura di Eugenio Gazzola, il verri edizioni. È un libro molto importante questo come lo è il suo autore, che ha sfidato, nel suo percorso, tutte le corsie ben riconoscibili.

Il demone meridiano

di Fabrizio Bajec
1. una controfigura dicevano che amavi il rischio mettendoti al servizio dei più nobili sapevi parlare in pubblico e posare al sole imitando certe donne dagli occhiali scuri stese sul bordo di un terrazzo in attesa di una foto
Avatar
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.