Articolo precedenteLetteratura come filosofia naturale
Articolo successivoBrenda, R.I.P.

Il clamoroso non incominciar neppure

:::

venerdì 27 novembre 2009

.

presso l’Archivio di Stato di Torino, Piazza Castello 209

(ingresso Piazzetta Mollino)

«Il clamoroso non incominciar neppure»


Giornata di studio in onore di Augusto Blotto


Ore 9,30
Saluti di apertura: Marco Carassi, Direttore dell’Archivio di Stato di Torino; Sergio Roda, Prorettore
dell’Università di Torino; Paolo Garbarino, Rettore dell‘Università del Piemonte Orientale; Mariarosa
Masoero, Direttore del Centro Studi Interuniversitario «Guido Gozzano – Cesare Pavese»

Presiede: Guido Davico Bonino

Giovanni Tesio, I tempi di Blotto tra l’ “orrida fiaba” e la sorpresa dell’ “enfin!”
Stefano Agosti, Genealogie del Reale
Philippe Di Meo, Camminando

Ore 11,30
Marco Conti, Il presente e lo sconfinato nella poesia di Augusto Blotto
Giorgio Barberi Squarotti, Le cinque dita del rivoluzionario

Ore 14,30
Tavola rotonda: Storia di un piglio, di un entusiasmo
Intervengono: Dario Capello, Anna Grazia D’Oria, Emilio Jona, Stefano La Notte, Marica Larocchi,
Sandro Montalto, Antonio Rossi, Roberto Rossi Precerutti.
Coordina: Giovanna Ioli

Per informazioni: tel. 011.670 47 43 (ore 10-13) mail: info@gozzanopavese.it
CENTRO STUDI
“GOZZANO –

______________________________________________

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. ah, non avevo visto che hai postato anche i testi, stavo quasi per farlo io, ma è tutto il libro, o una selezione? cmq, sono contenta, su Blotto c’è una nota di Eco (la persona meno adatta a capirlo, direi:-)), che se trovo copio qui, ma magari qualcuno la trova prima di me, non dice nulla della sua poesia, ma dice qualcosa sulla forza del poeta che continua a lavorare seguendo ostinatamente la propria strada e che da pazzo che può sembrare all’inizio, riesce a imporsi e a trovare dei lettori affini

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

L’amore viene prima

di Andrea Bajani
Ecco un altro figlio della luna, dice
il dottore entrando in sala parto.
Fino a ieri il reparto era semivuoto,
in sei ore si sono rotte sette acque,
sette donne sono già in travaglio.

Da “Dopo il libro”

di Emanuele Canzaniello
Che non parli, non dica niente / Non si muova, / Che stia ferma. / Non succeda nulla qui / Dentro, dentro fino a sparire...

Da “Ecfrasi”

di Fabrizio Maria Spinelli
Oggi sono andato a rivedere i famosi coniugi / Arnolfini di Jan Van Eyck, 82 X 59,5 cm, olio / su tela, alla London Gallery anche se a Londra...

Lorenzo Mizzau: due poesie

La ricerca poetica di Lorenzo Mizzau in questi anni si è concentrata su due aspetti. Il primo è quello della tensione narrativa. I suoi testi, infatti, descrivono situazioni, in cui agiscono dei personaggi e si riconoscono scenari, ambienti, luoghi.

La guerra come forma della pubblicità. Un breve poema

di Guido Caserza Non tutto è come sembra chiede cosa pensa della guerra cosa pensa un istante e ci vediamo non tutto è come sembra pote

Da “Ghost track”

di Marilina Ciaco
Presentiamo alcuni testi da "Ghost Track", il decimo libro della collana “Manufatti poetici” diretta da Paolo Giovanetti, Michele Zaffarano e Antonio Syxty (Biblion-Zacinto 2022).
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: