Face to Face

Photoshoperò per una videoconferenza “attorno al corpo di Eluana Englaro“, di Barbara Gozzi che si terrà a Bruxelles il 30 gennaio 2010. Nel rispetto dell’ altrui e della propria sofferenza. Le musiche, originali, sono del mio amico Franck Lassalle e della nostra Georgia la citazione Magritte.

  8 comments for “Face to Face

  1. 14 gennaio 2010 at 00:08

    quale onore :-)))))
    Non avrei mai immaginato che l’avresti usata, però mi piace molto la cosa.

  2. tiziobo
    14 gennaio 2010 at 17:37

    hai trovato la misura giusta per parlare del tema, immagini assai belle, avrei voluto però capire qualcosa di più di guattari…

  3. véronique vergé
    14 gennaio 2010 at 18:34

    E’ un post ricco, un albero che ha rami in pieno cielo.
    Il volto è la nostra identità, il segno del nostro riconoscimento.
    La maschera: Il volto sotto la maschera tragica del destino: un giorno abbiamo
    il sentimento di avere perso il nostro volto. Siamo dietro una pelle
    morta, rigida, ammalata. Il volto dice della scomparsa del mondo.

    Il volto fantasma. Uno non abita il volto che possiede.
    E’assorto in una vita altra. L’interiore ha divorato
    la sensazione di avere una pelle.

    Il volto nell’amore. Solo una carezza o un bacio dà vita
    al rifletto che vedo in uno specchio. Odio il mio volto.
    Non lo incontro mai.

    I volti che incrociamo passano come invisibili,
    eccetto uno o due che svegliano la memoria,
    uno strappo negli occhi,
    o la punta di un amo.

    Il scrittore ha il volto del personnagio
    che inventa.

    Quando si vive in esilio dal suo paese,
    il volto ritrova nitidezza.

    La morte rende vivo il volto che hanno
    custodito gli altri.

    Ho trovato il post profundo, l’articolo di Barbara Gozzi
    interessante e la musica crea un ambiente poetico.

    Complimenti a tutti.

  4. francesco forlani
    14 gennaio 2010 at 22:06

    tiziobo è forte! :-)
    le conferenze di Vincennes insieme a Deleuze le trovi su You- tube. a me interessa assai questo discorso della visageité, una categoria fondamentale per capire la sottrazione del corpo al reale. Non è l’esperienza che manca ma il corpo che ormai ridotto alla sua viseità non traduce più i suoi linguaggi relazionali autentici. Io quando incrocio una persona che balbetta – e uno scrittore che fa balbettare la sua lingua d’origine direbbe il buon Gilles- ovvero che si ri-volta alla faccia (in francese si usa la parola figure, per faccia, allora perdere a faccia è fare una brutta figura ) resto incantato.
    effeffe

  5. véronique vergé
    15 gennaio 2010 at 11:03

    Si potrebbe parlare di un’esperienza di identità naufragata nello specchio.
    La visagéité non sociale come è analizzata da Deleuze, ma quella solitaria.
    Questo volto nel riflesso, non ho la certezza che è il mio.
    E’ un esperienza angosciante.
    L’intimità del volto che si porta è cosi familiare che diventa straniero.
    C’è anche l’abitudine che fa dimenticare il volto, diventa un tessuto
    trascurato, deformato. Si sente noia per il suo propio volto che porta nessuno desiderio.
    Non si puo credere che qualcuno abbia desiderio per un volto trascurato.
    Invece alla mia sperienza, qualche usare del trucco per mettere in festa il volto. Ignoro se Deleuze ha pensato a questo superficie di solitudine che è il volto.

  6. tiziobo
    16 gennaio 2010 at 23:38

    sottile il discorso sulla lingua contro la faccia… l’ff dovrebbe fare però qualche esempio… (la mia esperienza è sul visage di levinas, che ha un senso mi sembra un po’ diverso)

  7. Barbara Gozzi
    18 gennaio 2010 at 15:55

    Lascio anche qui i miei ringraziamenti di cuore a Francesco per l’ascolto, il lavoro e l’impegno per questo progetto. Grazie!
    Barbara

Comments are closed.