Articolo precedenteIl mondo di Fiorino: estate
Articolo successivoSei poesie di Volker Braun

Face to Face

Photoshoperò per una videoconferenza “attorno al corpo di Eluana Englaro“, di Barbara Gozzi che si terrà a Bruxelles il 30 gennaio 2010. Nel rispetto dell’ altrui e della propria sofferenza. Le musiche, originali, sono del mio amico Franck Lassalle e della nostra Georgia la citazione Magritte.

Print Friendly, PDF & Email

8 Commenti

  1. hai trovato la misura giusta per parlare del tema, immagini assai belle, avrei voluto però capire qualcosa di più di guattari…

  2. E’ un post ricco, un albero che ha rami in pieno cielo.
    Il volto è la nostra identità, il segno del nostro riconoscimento.
    La maschera: Il volto sotto la maschera tragica del destino: un giorno abbiamo
    il sentimento di avere perso il nostro volto. Siamo dietro una pelle
    morta, rigida, ammalata. Il volto dice della scomparsa del mondo.

    Il volto fantasma. Uno non abita il volto che possiede.
    E’assorto in una vita altra. L’interiore ha divorato
    la sensazione di avere una pelle.

    Il volto nell’amore. Solo una carezza o un bacio dà vita
    al rifletto che vedo in uno specchio. Odio il mio volto.
    Non lo incontro mai.

    I volti che incrociamo passano come invisibili,
    eccetto uno o due che svegliano la memoria,
    uno strappo negli occhi,
    o la punta di un amo.

    Il scrittore ha il volto del personnagio
    che inventa.

    Quando si vive in esilio dal suo paese,
    il volto ritrova nitidezza.

    La morte rende vivo il volto che hanno
    custodito gli altri.

    Ho trovato il post profundo, l’articolo di Barbara Gozzi
    interessante e la musica crea un ambiente poetico.

    Complimenti a tutti.

  3. tiziobo è forte! :-)
    le conferenze di Vincennes insieme a Deleuze le trovi su You- tube. a me interessa assai questo discorso della visageité, una categoria fondamentale per capire la sottrazione del corpo al reale. Non è l’esperienza che manca ma il corpo che ormai ridotto alla sua viseità non traduce più i suoi linguaggi relazionali autentici. Io quando incrocio una persona che balbetta – e uno scrittore che fa balbettare la sua lingua d’origine direbbe il buon Gilles- ovvero che si ri-volta alla faccia (in francese si usa la parola figure, per faccia, allora perdere a faccia è fare una brutta figura ) resto incantato.
    effeffe

  4. Si potrebbe parlare di un’esperienza di identità naufragata nello specchio.
    La visagéité non sociale come è analizzata da Deleuze, ma quella solitaria.
    Questo volto nel riflesso, non ho la certezza che è il mio.
    E’ un esperienza angosciante.
    L’intimità del volto che si porta è cosi familiare che diventa straniero.
    C’è anche l’abitudine che fa dimenticare il volto, diventa un tessuto
    trascurato, deformato. Si sente noia per il suo propio volto che porta nessuno desiderio.
    Non si puo credere che qualcuno abbia desiderio per un volto trascurato.
    Invece alla mia sperienza, qualche usare del trucco per mettere in festa il volto. Ignoro se Deleuze ha pensato a questo superficie di solitudine che è il volto.

  5. sottile il discorso sulla lingua contro la faccia… l’ff dovrebbe fare però qualche esempio… (la mia esperienza è sul visage di levinas, che ha un senso mi sembra un po’ diverso)

  6. Lascio anche qui i miei ringraziamenti di cuore a Francesco per l’ascolto, il lavoro e l’impegno per questo progetto. Grazie!
    Barbara

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La vie en bleu ( France): laboratorio di scritture

di effeffe
Dossier a cura di Giulia Molinarolo, Patrizia Molteni, Francesco Forlani, Wu Ming 2, con la partecipazione degli “scrittori” dell’atelier condotto da Wu Ming 2 e sostenuto dalla Consulta per gli emiliano-romagnoli del mondo su un progetto di Alma Mater, UniBo. Racconto fotografico di Sergio Trapani

Colonna (sonora) 2023

di Claudio Loi
Come ogni anno eccoci alle solite classifiche, un’operazione che non serve a nulla e proprio per questo indispensabile. Un giochino che serve – così spero - a tenere viva una passione che a sua volta ci tiene vivi e a continuare a divertirci ascoltando musica, cercando di cogliere i nuovi fremiti che arrivano dalle diverse parti del mondo conosciuto.

Lost in translation

di Francesco Forlani
Manuel Cohen che mi aveva voluto nell'antologia mi chiese di provvedere alla traduzione in italiano dei testi scritti in furlèn, nel mio idioletto come del resto ogni poeta aveva fatto per le proprie composizioni in dialetto. È stata la sola volta in cui ho tentato di autotradurmi e sinceramente non so se l'esperimento sia andato a buon fine

Così parlò Malatestra

di Errico Malatesta
Ma è possibile abolir la famiglia? È desiderabile? Questa è stata, e resta ancora, il più gran fattore di sviluppo umano, poiché essa è il solo luogo dove l'uomo normalmente si sacrifica per l'uomo e fa il bene per il bene, senza desiderare altro compenso che l'amore del coniuge e dei figli.

Diaporama

di Enrico De Vivo
La sera del 15 settembre 2022 Salvatore Cuccurullo, maestro di pianoforte di Angri ed emigrato in Veneto circa vent’anni fa per insegnare, stava morendo in un ospedale di Vicenza. Dopo aver ricevuto la notizia, ho trascorso la serata fino a tardi a guardare le sue foto

Limina moralia: Méli Mélo

di Francesco Forlani
Com’è possibile che tra il XIX e il XX secolo, mentre in tutta Europa nascevano i grandi classici, in Italia esce solo un romanzo considerato degno di nota, "I promessi sposi" di Manzoni? Si parte da questa affascinante anomalia per ricostruire il complesso rapporto tra letteratura e musica, delineando i contorni d'una invenzione made in Italy: il melodramma.
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: