Sebben che siamo donne…

http://www.youtube.com/watch?v=Y6IkWxXyuM0

7 Commenti

  1. 8 marzo 1973:
    esterno giorno, nuvole che in cielo corrono ‘come cani’, varia umanità assorta;
    (risalendo ‘Mezzocannone’ (NA), dalla sfilata dell’8 marzo).

    Carrellata di volti, lenta, in risalita; eccole:
    si voltano allegre, salutano, ridono , belle bellissime, ciaociao!;
    “… io sono mia, mia! Mi-ja!” e’ il sonoro di fondo.

    Nessuno lo disse, nessuno parlò.
    Il nostro destino si sarebbe compiuto altrove.
    Altrove rimbomberanno nomi, cose, eventi,
    stazioni, le parole di sole.
    Per anni.

    Vedemmo crescere e morire nostra terramadre:
    Talvolta la visitammo, matti e schivi.
    Giro lo sguardo al sole: cosa daresti per riveder quei denti?
    per risentir quel chiasso?

    Eccolo finalmente il mio 8 marzo.
    Un bel succoso cuore rosso a tutti.

    montecristo

  2. ma quanto le ami le donne gianni biondillo? ma quanto le ami le donne gianni biondillo!
    ma quanto, sei, gentile, gianni, biondillo :)
    ssssssssssssssmuack!
    la fu

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

L’asimmetria della violenza

di Mariasole Ariot

Quando arrivano a denunciare? – ho chiesto. A volte mai, mi ha risposto. A volte dopo 40 anni di convivenza.

E tu splendi

di Gianni Biondillo Giuseppe Catozzella, E tu splendi, Feltrinelli editore, 2018, 231 pagine Anche questa estate, come ogni anno, Pietro e...

A caccia nei sogni

di Gianni Biondillo Tom Drury, A caccia nei sogni, NNeditore, 2017, 232 pagine, traduzione Gianni Pannofino C'è un'America, nel cuore dell'America,...

Il club dei bugiardi

di Gianni Biondillo Mary Karr, Il club dei bugiardi, edizioni e/o, 2017, 413 pagine, traduzione Claudia Lionetti L'intera opera di Mary...

Uscire di casa, entrare in città (1 di 2)

(Condivido la prima parte di un testo pubblicato ieri su L'Ordine - inserto culturale de La Provincia di Como...

Testimoni involontari del tempo

Il 6 marzo 2020 ancora non mi rendevo conto di quanto le nostre vite sarebbero cambiate per colpa della...
gianni biondillo
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Nel 2011 il romanzo noir I materiali del killer ha vinto il Premio Scerbanenco. Nel 2018 il romanzo storico Come sugli alberi le foglie ha vinto il Premio Bergamo. Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.