Articolo precedenteSistema Repubblica?
Articolo successivoSincronie 2010 – Bios

Call for plot

Gentili Autori e Lettori di Argo,

dopo Oscenità (Argo XV) e Id – La materia che amava chiamarsi umana (Argo XVI), il collettivo Argo si appresta a realizzare il suo terzo romanzo di esplorazione. E chiama a raccolta chiunque voglia partecipare.

Call for plot

Fino al 30 novembre 2010 potrete inviare a argo@argonline.it Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. una trama adatta a diventare il filo conduttore di ARGO XVII. Dopo un attento e costruttivo confronto, la Redazione, sulla base della traccia ritenuta più adatta e percorribile, costruirà un motore narrativo, un contenitore suddiviso in sezioni che corrispondano ad altrettante suggestioni “narrative”, in cui sistemare i contributi. In pratica, un luogo testuale con diversi vani. La trama di ARGO XVII dovrà tener conto delle linee guida che sono state individuate dalla Redazione e che trovate di seguito.

La trama narrativa verrà esplicitata nel Diario di bordo, che funge da incipit del romanzo, e nelle cornici narrative, poste prima di ogni contributo. Ma che tipo di viaggio sarà quello di Argo XVII? Quale sarà la trama del romanzo?

I romanzi collettivi di esplorazione di Argo sono narrazioni critiche a più voci e trans-gender, in cui le voci e i generi si mescolano dando vita a un «oggetto narrativo non identificato», per usare una felice definizione coniata dal collettivo Wu Ming.
Sono molti gli esploratori che danno vita a ciascun viaggio del collettivo Argo. I loro contributi costituiscono altrettante tappe del viaggio, entrando dunque all’interno della trama del romanzo. Essendo Argo un progetto di scrittura collettiva, anche la trama del romanzo viene elaborata collettivamente, diventando il filo conduttore entro cui i vari contributi che giungono in Redazione vengono ordinati.

ARGO XVII – Numero bianco (titolo provvisorio)

Linee guida

Nel Numero bianco il collettivo Argo esplorerà la morte e il suo tabù. Saranno due le facce del fenomeno prese in considerazione: la spettacolarizzazione della morte e la sua rimozione.

Da una parte dunque l’esaltazione, l’esibizione, lo splatterismo e dall’altra l’ibernazione, l’occultamento, la rimozione. Da un lato la morte esterna, di piazza, di Stato, sotto la bandiera, e dall’altro la morte interna, nella stanza, nell’ospedale, sotto il lenzuolo. Lo strazio del corpo per un verso e la fuga dal dolore per l’altro. La corporalità e il misticismo. La morte degli altri e la morte del Sé. La strumentalizzazione della morte e il ricordo dei morti. L’esaltazione vitalista e/o nichilista della morte e la paura del viaggio verso l’ignoto. Non mancherà lo sberleffo corporale e giullaresco nei confronti della morte. E i cascami trash della cultura contemporanea che si misura con il culto e con la rimozione della morte. Insomma, sarà un viaggio all’insegna del «catarsi addosso», per citare un verso del poeta Luigi Socci, aperto anche al demenziale.

Scopo del numero rimane spogliare la nera Signora degli abiti con cui passeggia per le strade del mondo contemporaneo.

Possibile trama: un esempio

Una possibile trama potrebbe essere il viaggio dantesco nell’al di là, con la Selva, la Porta dell’inferno, il Limbo e i vari Cerchi con i vari Gironi. In questo ipotetico caso, i contributi che giungessero in Redazione e trattasero il tema del suicidio, verrebbero collocati nel girone dei Violenti contro se stessi, ovvero il secondo del settimo cerchio.

http://www.argonline.it

Print Friendly, PDF & Email

5 Commenti

  1. Ringraziamo NI per aver affisso questa nostra chiamata. Affabulatori e fabbricanti di storie, vi attendiamo..

  2. Si vince una bara fatta di pagine di Argo pressate e calcinate. Se si ama il sesso post-mortem, anche un servizietto della famiglia Misseri. Bien sûr

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La regina del fuoco

di Maria Gaia Belli
Molto molto tempo fa, quando il cielo era più alto della dorsale, la bambina Pauni viveva in un villaggio sulla montagna. Suo padre cacciava nei boschi per la lunga estate, portava a casa carne e pellicce in abbondanza.

Pietre da taglio

di Anna Franceschini
Il quartiere si dipana in cortili interni portoni d’entrata   numeri civici i fili da stendere senza fiducia corde antiche che non servono a nulla Con le amiche ci si nascondeva si andava un po’ fuori di casa erano deserti di persone Avevo un’amica senza colpa   e senza casa

La società degli uomini barbagianni

di Emanuele Kraushaar
Io sono A. Una volta ho chiesto a mia madre perché mi avesse chiamato così. Non ha detto niente ed è scoppiata a ridere. Ricordo la sua bocca che si apriva e i suoi denti bianchissimi.

Il Mondo è Queer. Festival dei Diritti

Il Mondo è bizzarro, imprevedibile, queer. Le sue stranezze ne costituiscono la ricchezza. Con queste iniziative vogliamo tenere vivo il dialogo sull’idea di persona, collettività e famiglia planetaria, promuovendo attenzione e consapevolezza verso questioni di genere, fragilità invisibili e il nostro rapporto con il pianeta in un momento critico degli equilibri conosciuti.

Morire, un anno dopo

di Rebecca Molea
Mi sono chiesta a lungo cosa sarebbe successo: come avrei reagito alla notizia – piangendo? con sollievo? –, come sarebbe stato il dopo – un senso di solitudine perpetua o, a un certo punto, un’abitudine? – e, sopra ogni altra cosa, che significato avrebbe avuto, per me, per noi, per tutti, la morte.

Reincarnazioni

Spalancò la porta di metallo sbatacchiandola senza riguardo; la lucetta della sauna che aureolava Samstag sembrava accecante vista dal fondo del corridoio angusto e buio; lo chiamano effetto Brocken: così che appena emerso dalla nuvola di vapore,
francesca matteonihttp://orso-polare.blogspot.com
Sono nata nel 1975. Curo laboratori di tarocchi intuitivi e poesia e racconto fiabe. Fra i miei libri di poesia: Artico (Crocetti 2005), Tam Lin e altre poesie (Transeuropa 2010), Acquabuia (Aragno 2014). Ho pubblicato un romanzo, Tutti gli altri (Tunué, 2014). Come ricercatrice in storia ho pubblicato questi libri: Il famiglio della strega. Sangue e stregoneria nell’Inghilterra moderna (Aras 2014) e, con il professor Owen Davies, Executing Magic in the Modern Era: Criminal Bodies and the Gallows in Popular Medicine (Palgrave, 2017). I miei ultimi libri sono il saggio Dal Matto al Mondo. Viaggio poetico nei tarocchi (effequ, 2019), il testo di poesia Libro di Hor con immagini di Ginevra Ballati (Vydia, 2019), e un mio saggio nel libro La scommessa psichedelica (Quodlibet 2020) a cura di Federico di Vita. Il mio ripostiglio si trova qui: http://orso-polare.blogspot.com/
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: