Ancora contro la censura in biblioteca

25 gennaio 2011
Pubblicato da

[In merito all’iniziativa lanciata dall’Assessore alla Cultura della Provincia di Venezia, Raffaele Speranzon, ecco la lettera inviata il 19 gennaio scorso dall’Associazione Italiana Biblioteche al Presidente della Regione Veneto e al Presidente della Provincia di Venezia. Non è la prima volta che l’AIB si occupa della ingerenze politiche in Veneto: qui un caso simile.]

Al Presidente della Regione del Veneto
Luca Zaia
Palazzo Balbi – Dorsoduro 3901
30123 Venezia

Al Presidente della Provincia di Venezia
Francesca Zaccariotto
Palazzo Ca’ Corner, San Marco 2662
30124 Venezia

Egregio Presidente,

sono venuto a conoscenza dalla stampa dell’intento, da parte di un suo Assessore, di intraprendere iniziative volte a eliminare dagli scaffali delle biblioteche civiche e scolastiche del territorio tutti i libri i cui autori firmarono nel 2004 una petizione a favore di Cesare Battisti.

Desidero pertanto sottoporre alla Sua attenzione la posizione dell’Associazione Italiana Biblioteche. L’Associazione esprime la propria solidarietà e vicinanza ai parenti delle vittime. In uno stato di diritto sorretto da istituzioni democratiche e da una società libera e aperta, chiunque sia condannato a quattro ergastoli con sentenze passate in giudicato deve scontare la propria pena. In democrazia, tuttavia, non sono ammissibili liste di proscrizione, censure, divieti espliciti o impliciti di accesso ai documenti della biblioteca. Immaginare provvedimenti di questo tipo, oltre che violare la nostra carta costituzionale, produrre un imbarbarimento del nostro vivere civile e costituire un precedente gravissimo, rischia di danneggiare gli stessi sacrosanti tentativi di far estradare nel nostro paese Battisti.

Questo tipo di iniziative è in netto contrasto con le finalità della biblioteca pubblica, che è strumento essenziale per la democrazia solo se viene garantita la pluralità delle opinioni e l’accesso senza filtri o pregiudiziali ideologiche “a ogni genere di conoscenza e informazione”, come recita il Manifesto UNESCO per la biblioteca pubblica.

Intraprendere azioni simili implica anche una sorta di dichiarazione di sfiducia nei confronti della società civile e dell’intelligenza dei cittadini, che evidentemente non sono ritenuti in grado di formarsi un giudizio critico sulla questione senza un intervento censorio da parte delle istituzioni.

Le biblioteche sono l’emblema stesso della libertà e della democrazia, sono un patrimonio di tutti. La censura è la negazione delle ragioni per cui le biblioteche vengono finanziate dalla collettività.

A nome dell’Associazione Italiana Biblioteche mi appello a Lei e alla alta carica istituzionale che ricopre affinché impedisca ogni intervento che miri a limitare direttamente o indirettamente l’accesso alle collezioni e ai documenti delle biblioteche.

Nell’anno che celebra il centocinquantesimo dell’unità d’Italia l’Associazione Italiana Biblioteche si augura che vengano evitati provvedimenti illiberali e che prevalga piuttosto il rispetto per il nostro vivere civile e democratico.

Confidando sulla sensibilità per le questioni di libertà e democrazia che La contraddistingue e su una risposta positiva a questo appello, Le porgo distinti saluti.

Il Presidente dell’Associazione Italiana Biblioteche
Prof. Mauro Guerrini

Tag: , , , , ,

5 Responses to Ancora contro la censura in biblioteca

  1. véronique vergé il 25 gennaio 2011 alle 13:35

    Chi destina al libro la scomparsa, brucia l’orizzonte visto da un solaio, perde la lingua del vento, della speranza, esilia la parola, intralcia il sogno, ruba la parola a chi voleva scrivere la libertà, ruba l’immaginazione, taglia nel vivo la memoria. Queste scaffale ben ordonate luccicano di disperazione.
    Li, in questo vuoto, si sente il freddo delle terre mute.

  2. […] This post was mentioned on Twitter by Gio Occhipinti, adriana fabiani. adriana fabiani said: #rogodilibri lettera Associazione Italiana #Biblioteche. via nazione indiana http://is.gd/t5kGL7 […]

  3. Fernando Bassoli il 25 gennaio 2011 alle 16:59

    Chi mette anche solo in discussione il diritto ad esistere – e dunque ad essere letto – di un libro non può occuparsi di cultura, deve darsi all’ippica.

  4. […] This post was mentioned on Twitter by ji, vanni santoni. vanni santoni said: Da NI, ancora contro la censura in biblioteca http://bit.ly/eaEWk7 #rogodilibri […]

  5. gherardo bortolotti il 27 gennaio 2011 alle 16:04

    segnalo che mauro guerrini, il presidente dell’aib, ha inviato una lettera a Kai Ekholm, Chair of IFLA Committee on Free Access to Information and Freedom of Expression (FAIFE), ed ha chiesto che venga presa posizione a supporto del ruolo e della professionalità dei bibliotecari e a difesa della natura aperta e democratica delle biblioteche del nostro Paese:

    http://www.aib.it/aib/cen/stampa/c1101l2.htm



indiani