Overbooking for Sarajevo!

16 febbraio 2011
Pubblicato da

Azra Nuhefendic mi ha scritto quest’oggi chiedendomi di aiutarla a diffondere questo importante appello. Chiedo allora ai lettori di NI, agli scrittori e ai blogger, di far circolare a loro volta quest’appello e di aiutare i lettori di Sarajevo ad esaudire un desiderio che ben conosce chi ama quello strano mondo abitato dai libri e che in molti si ostinano a chiamare letteratura. effeffe

L´organizzazione “Humanity in Action Senior Fellow Network”, da Sarajevo ha lanciato l’ appello “Books 4 Vijecnica” per rinnovare il fondo bibliotecario della biblioteca universitaria e nazionale della BiH, conosciuta come Vijecnica.
Il 25 agosto 1992 la Vijecnica fu bombardata e nel rogo sono andati persi un milione e mezzo dei libri, rari manoscritti e documenti. S´invitano tutti coloro che desiderino sostenere l’iniziativa, ad inviare non soldi ma due volumi. Un libro in qualsiasi lingua del mondo, per le seguenti materie: medicina, legge, economia, letteratura, l’arte e filosofia e un altro nella lingua materna dei donatori con contenuti specifici legati alla sua regione, alla gente di quel paese, o altri libri che si ritengano socialmente utili. I libri, bisognerà mandarli al seguente indirizzo: University of Sarajevo – Campus Zmaja od Bosne, bb. 71000 Sarajevo, Bosna i Hercegovina

Tag: , , ,

16 Responses to Overbooking for Sarajevo!

  1. […] This post was mentioned on Twitter by Francesco Cingolani and puntomovimento, nazioneindiana. nazioneindiana said: Overbooking for Sarajevo!: http://bit.ly/ib2fQO [francesco forlani – 16 febbraio 2011] […]

  2. gherardo bortolotti il 16 febbraio 2011 alle 09:36

    ho segnalato la cosa sulla lista di discussione dell’associazione italiana biblioteche.

    spero che ci siano molte risposte. proprio l’anno scorso ero a sarajevo e alloggiavo praticamente di fronte ai ruderi della biblioteca, ingabbiati nei ponteggi e tra le impalcature. non sto neanche a dire la tristezza della cosa, anche perché, pur con tutti i limiti della situazione in cui si trova la bosnia, parecchie ricostruizioni sono state fatte mentre la biblioteca è stata abbandonata.

  3. alcor il 16 febbraio 2011 alle 09:54

    ma come è meglio spedire? pacco, piego di libri, altro? te lo ha detto? un terzo dei libri che spedisco o mi spediscono non arriva.

  4. effeffe il 16 febbraio 2011 alle 10:33

    chiedo lumi
    effeffe

  5. Azra Nuhefendic il 16 febbraio 2011 alle 10:51

    Penso che il modo migliore di spedire è piego di libri; se sono due libri non devono pagare le tasse.
    Grazie.
    Azra

  6. Gabriele D. L. il 16 febbraio 2011 alle 12:13

    Se non mi sbaglio è una vicenda trattata anche in questa canzone dei C.S.I. http://www.youtube.com/watch?v=RamTcWdfBZY

    Vedo di mandare qualche libro e di diffondere l’iniziativa

  7. carmine vitale il 16 febbraio 2011 alle 15:59

    mando,subito e condivido, spargo notizie
    saluti
    c.

  8. maria luisa il 16 febbraio 2011 alle 20:59

    Porto la richiesta in università… vediamo che accade…

  9. Irene il 17 febbraio 2011 alle 12:38

    Bellissima iniziativa, sto facendo girare. Quando si tratta di diffondere libri, di tentare di riportarli nelle loro sedi naturali per farli tornare tra le mani delle persone, è sempre un bel segnale!

  10. Overbooking per Sarajevo - ScrittInediti il 17 febbraio 2011 alle 23:41

    […] Overbooking per Sarajevo venerdì, 18 febbraio 2011 | Di Luca | Sezione: Cronache dalla rete Fonte Nazione Indiana (link all’articolo) […]

  11. roberto sambo il 18 febbraio 2011 alle 00:33

    come presidente di una associazione di volontariato, ho la possibilità di avere centinaia di contatti sia nel mondo universitario veneziano e romano, sia nel mondo del volontariato. volentieri inoltro il vostro appello e personalmente contribuirò con l’invio di svariati libri.
    con affetto Roberto Sambo

  12. ida il 20 febbraio 2011 alle 18:37

    bellissima iniziativa, ma l’Aib potrebbe forse collegare Sarajevo al MLOL e fornire anche ebook, ovviamente se c’è modo e se ci sono i mezzi.

  13. Valeria il 22 febbraio 2011 alle 20:02

    faccio girare e spedisco. iniziativa lodevole, bravi!

  14. Andrea D'Onofrio il 23 febbraio 2011 alle 12:16

    Bello, davvero. Grazie.

  15. […] Nazione Indiana, un appello: ridare alla biblioteca di Sarajevo i suoi libri. Basta inviarne due: uno in qualsiasi lingua del mondo, l’altro nella propria. I […]

  16. astrid il 28 febbraio 2011 alle 18:58

    attenzione: piego di libri è solo per spedire in Italia, non all’estero.



indiani