Articolo precedenteDI LEOPARDI
Articolo successivo“Nina dei lupi” di Alessandro Bertante

LEZIONI PER FRANCESCO ORLANDO

In ricordo di Francesco Orlando, uno dei maggiori teorici della letteratura del secondo Novecento, l’Università di Napoli organizza un importante ciclo di lezioni presso la 
Biblioteca BRAU, Sala del Refettorio, Piazza Bellini 56/60.
Venerdì 11 marzo, ore 17,00.
Teoria freudiana delle emozioni e interpretazione del testo.
Presiede e introduce: Francesco Fiorentino (Università di Bari).
Relatore: GUIDO PADUANO (Università di Pisa).

Mercoledì 16 marzo, ore 17,00.
La letteratura dice altro da quello che dice
Presiede e introduce: Paolo Amalfitano (Università di Napoli “L’Orientale”).
Relatore: GUIDO MAZZONI (Università di Siena).

Giovedì 24 marzo, ore 17,00.
Su Proust
Presiede e introduce: Giuseppe Merlino (Università di Napoli “Federico II”).
Relatore: MARIOLINA BERTINI (Università di Parma).

Venerdì 1 aprile, ore 17,00.
Cesure e continuità nella storia letteraria.
Presiede e introduce: Antonio Gargano (Università di Napoli “Federico II”).
Relatore: PAOLO TORTONESE (Université de Paris III – Sorbonne nouvelle).

Giovedì 7 aprile, ore 16,30.
L’eredità critica e gli scritti inediti di Francesco Orlando.
Presiede e introduce: Francesco De Cristofaro (Università di Napoli “Federico II”).
Tavola rotonda con: Paolo Amalfitano, Stefano Brugnolo, Francesco Fiorentino, Antonio Gargano, Gianni Iotti, Piero Toffano, Sergio Zatti.

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. grande, il mio docente preferito, ricordo ancora l’esame con lui, quando lo incrociavo e salutava, un genio, una persona umile, quindi, che ascoltava solo la radio, che ti ascoltava, uno dei pochissimi italiani la cui memoria mi fa sopportare ancora di essere italiano.

  2. Diedi con lui un esame di teoria di letteratura, a Pisa, nel 1985. Non posso che concordare con Gianluca. Resta uno dei miei ricordi più preziosi.

  3. francesco orlando, un maestro. credo, entro le dita di una mano, e anche meno, tra i miei padri fondatori. non fosse altro per l’energia e lo stile comunicativo. ho ricordi vivissimi delle sue lezioni.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Nostalgie della terra

di Mauro Tetti Ogni cosa vissuta o immaginata continuava a ingannarmi trascinandomi dabbasso in qualche buco sconosciuto della vita. Sentimento...

Nota di lettura su “Unità stratigrafiche” di Laura Liberale, Arcipelago Itaca, 2020.

di Carlo Giacobbi
La morte, dunque. E la si pronunci questa parola, se ne indaghi anzitutto il significato letterale-biologico, se ne prenda atto: questo pare essere l’invito del dettato poetico dell’autrice, il motivo della sua ars scribendi.

Distopia del ritorno

di Lisa Ginzburg
C'è in ogni ritorno un moto circolare; quasi, verrebbe da dire, è essenza del rivolgersi all'indietro, sua prospettiva obbligata, una geometria concentrica

Su «Quando tornerò» di Marco Balzano

di Antonella Falco
Un romanzo di grande impatto emotivo. Mediante una scrittura asciutta, ma nello stesso tempo calvinianamente “leggera”, racconta la fatica di vivere

Sporcarsi le mani con Dostoevskij

di Claudia Zonghetti
Questa è la sfida per i traduttori attuali e futuri di Dostoevskij: sporcarsi le mani con la pasta sonora e sintattica della sua lingua plastica e veemente

L’odore dell’arrivo

(Per gentile concessione della casa editrice Ferrari Editore, che qui volentieri ringrazio, pubblico uno stralcio del nuovo romanzo di...
franco buffonihttp://www.francobuffoni.it/
Franco Buffoni ha pubblicato raccolte di poesia per Guanda, Mondadori e Donzelli. Per Mondadori ha tradotto Poeti romantici inglesi (2005). L’ultimo suo romanzo è Zamel (Marcos y Marcos 2009). Sito personale: www.francobuffoni.it
Print Friendly, PDF & Email