Tra due-trecento anni

Angelo Maria Ripellino

Tra due-trecento anni la vita sarà migliore.
Ma intanto noi siamo ormai alla frontiera,
senza gli angeli di Elohim precipita la scala del Novecento,
e il Duemila già sventola la sua bandiera
per coloro che sono sicuri di entrarvi.
Io resterò da questa parte, in questo buio,
in questo viluppo di meschinità e bisogno,
senza conoscere il terso luccichìo del futuro.
A me sarà bastato visitarlo nel sogno,
come uno sciamàno che scenda con piatti e sonagli
nel reame dei morti a conversare coi lèmuri.
Resterò sulla porta come un rèprobo, come uno spergiuro.
Perché scusatemi, posteri, che freddo,
che vitreo deserto, che uniformità, che sbaragli
soffiano da quel futuro.

da Notizie dal diluvio, Einaudi 2007, p. 78.

10 Commenti

  1. TUTTO SI PERDE

    Tutto si perde in un vischioso, amorfo
    disperato brulichio di amebe,
    in un nauseante pantano di miele.
    Tutto s’ingolfa in un giallo, in un putrido
    magma di cisposa fanghiglia,
    naufraga nella morchia d’una gora,
    tra un funesto corale di gufi.
    Tutto il tuo fervore, la tua fretta
    d’incollare i frantumi della vita,
    tutto l’entusiasmo con cui edifichi
    in ore felici viadotti di immagini,
    teatrini di parole imbellettate,
    tutto è corroso dall’indifferenza,
    dalla pigrizia, dal cruccio di chi ti circonda.
    Tutto s’accartoccia e si deforma
    nello specchio ricurvo dell’accidia,
    tutto raggela in un abulico stupore,
    come una vecchia città spaventata.
    E intanto da ogni piega dello spazio
    ammicca, guercio e beffardo, il Burlesco,
    intanto squilla sempre più vicina
    la lunghissima tromba del Giudizio.

  2. Mi è capitato, recentemente, di cenare allo stesso tavolo con alcuni promotori, partecipanti e sostenitori dei TQ. Parlavano, e io ho ascoltato trascurando le mie polpette al sugo. Volevo conoscere, sapere, imparare. Per sicero interesse, ma anche perché (credo) che la vecchiaia vera sia il rifiuto del desiderio di imparare.
    Ho ascoltato i progetti, le aspettative, i desideri dei rappresentanti dei TQ.
    Alla fine ho domandato, solo per avere più chiara la situazione, cosa distinguesse il TQ dal Gruppo ’63 o, appunto, dall’Alleanza per la difesa della cultura alla quale partecipò proprio Angelo Maria Ripellino.
    Ho riscontrato una conoscenza a dir poco approssimativa del Gruppo ’63 e buio totale su Angelo Maria Ripellino.
    Ho ritenuto opportuno riprendere a dedicarmi alle mie polpette.

  3. Immensità confermata di Ripellino, ma freddo, vitreo deserto, uniformità, sbaragli non soffiano solo dal futuro

  4. “Ripellino, slavista!” (come era inteso e come irrise in versi) –

    e, invece, sulla popria tomba si fece incidere “Angelo Maria Ripellino – poeta” , quel che era davvero

    (per me, siciliano, assieme a Cattafi, una voce diversa ed irripetibile)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Vesti la Giuba

  di Francesco Forlani La ganga dei poeti si premia e incensa sui giornali manifestamente di sinistra. Che poi tutti sanno che...

Mariano Bàino – Prova d’inchiostro e altri sonetti – mini-antologia con nota (in-)esplicativa

Da Prova d'inchiostro e altri sonetti di Mariano Bàino 1. mundus (homeless man) chiuso il tuo chiuso dentro un cassonetto conchiglia inconchigliata col suo...

Note per una critica futura

di Biagio Cepollaro La critica come "esperienza di lettura". 1. Cosa vuol dire, leggendo della poesia, fare poi della critica? Cosa vuol...

Biagio Cepollaro, undici poesie da La curva del giorno

di Biagio Cepollaro * il corpo scrive il suo poema e lo fa a giornate questa è la sua scansione accordata al...

L’oscurità e il godimento: una lettura di “Il Galateo in Bosco”

di Andrea Inglese   Ho letto Il Galateo in Bosco molto giovane e ovviamente poco ne capivo. Non ricordo neppure se...

Esce L’Ulisse n.18. Poetiche per il XXI secolo.

L'ULISSE n. 18. Poetiche per il XXI secolo.   INDICE   Editoriale, di Stefano Salvi   IL DIBATTITO IDEE DI POETICA Fabiano Alborghetti Gian Maria Annovi Vincenzo Bagnoli Corrado Benigni Vito...
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.