Articolo precedentePer chi svuota la campana
Articolo successivoAlcor gentil rempaira sempre

Maxime Cella / Due poesie

Si pubblicano due componimenti tratti da: Maxime Cella, Dieci poesie, con una nota di Rodolfo Zucco, Edizioni del Tavolo Rosso, maggio 2011.

Noi non abbiamo guerre
né tempi di necessità
e se pure si cova ancora amore
è coda di lucertola il suo disperdersi.
Effacez, effacez vite incalzava il maestro e questa
nostra è neve d’accatto, oblitera le forme sperando
di sfondarle

Strali a dar fiato e nulla più si dirà
ma giunti al fondo invece? quel giorno
il sole tramontò come previsto
, geni-smeraldo
intatti da intuizione e la trama del leone
ormai piegato dall’avanzo-arretro

_______________________________

IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII… un rilevare nuovi a vecchi indizi
assimilando parzialità e frammento:
IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIl’errore fu forse farsi ultimi
nel non cedere al mito sempre più esile
di un campo totale, la gran vista, l’utopia
di un iride che nello spupillìo del camaleonte
ha l’abbraccio di una simultanea unità

IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIma qui dove le cose della loro istanza
ripropongono la superficie (non cedono le coste
dei libri impilati, la finestra che aggetta,
il quadrato di linoleum sbordato)
e
le resistenze all’appello vi solidarizzano
IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIaltro non si sa che…
(dunque con cieca misura?)
IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII… di un nuovo interrogare la valanga

Maxime Cella (Rueil Malmaison, 1980) vive e lavora a Udine. Ha pubblicato Quattro poesie ne l’immaginazione, XXVI, 250, novembre 2009.

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Nota di lettura su “Unità stratigrafiche” di Laura Liberale, Arcipelago Itaca, 2020.

di Carlo Giacobbi
La morte, dunque. E la si pronunci questa parola, se ne indaghi anzitutto il significato letterale-biologico, se ne prenda atto: questo pare essere l’invito del dettato poetico dell’autrice, il motivo della sua ars scribendi.

Su «Quando tornerò» di Marco Balzano

di Antonella Falco
Un romanzo di grande impatto emotivo. Mediante una scrittura asciutta, ma nello stesso tempo calvinianamente “leggera”, racconta la fatica di vivere

Sporcarsi le mani con Dostoevskij

di Claudia Zonghetti
Questa è la sfida per i traduttori attuali e futuri di Dostoevskij: sporcarsi le mani con la pasta sonora e sintattica della sua lingua plastica e veemente

L’odore dell’arrivo

(Per gentile concessione della casa editrice Ferrari Editore, che qui volentieri ringrazio, pubblico uno stralcio del nuovo romanzo di...

In principio fu il male

    Pubblichiamo qui di seguito un estratto dell'ultimo libro di Davide Gatto, In principio fu il male, Manni, 2021. Il capitolo...

Niente di personale, di Fabrizio Venerandi

ho scoperto il corso di laurea in fisioterapia ho cliccato e aumentato in modo sicuro la mia potenza sessuale ho scoperto i vantaggi a me riservati ho approfittato subito di questa offerta
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.
Print Friendly, PDF & Email