Dreamwork China


Dreamwork China è un progetto che nasce per dare un volto e una voce ai lavoratori migranti cinesi di nuova generazione.

Fra la fine del 2010 e l’inizio del 2011, gli autori hanno viaggiato a Shenzhen e nella zona del Delta del Fiume delle Perle, dove hanno incontrato migranti, attivisti e organizzazioni della società civile che si occupano della promozione dei diritti sul lavoro.

Da questo viaggio sono nati una serie di ritratti fotografici e un documentario in cui questi giovani lavoratori parlano di se stessi, raccontando la vita quotidiana, le aspettative, le lotte per i diritti e, soprattutto, i sogni di una nuova generazione di lavoratori nella fabbrica del mondo.

Il corto è un estratto dal documentario integrale (55 minuti), scritto e diretto da Tommaso Facchin e Ivan Franceschini, ritratti fotografici di Tommaso Bonaventura.

www.dreamworkchina.tv

[Quest’estate Tommaso Facchin mi segnalò il documentario dandomi la sua disponibilità per eventuali proiezioni e per la sua diffusione. Mi è tornato in mente leggendo oggi un articolo di Wu Ming 1 che cita il documentario Deconstructing Foxconn. I tre di Dreamwork China sono italiani che fanno ricerca e documentazione sul posto, in modo originale: diamogliene atto e facciamo conoscere il loro lavoro. JR]

3 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Hong Kong è una nevrosi

di Alessandro Malaterra

Lottare contro un sistema nevrotico porta alla nevrosi, come fosse un contagio.

A un’amica (lettera da Shanghai) # 2

di Matthias Schäfer (Traduzione dal francese di Andrea Inglese) Messaggio del 04/02/20 15:52 à « Dove sono finiti i milioni di persone?! » Oggi...

A un’amica (lettera da Shanghai) # 1

di Matthias Schäfer (Traduzione dal francese di Andrea Inglese) Messaggio del 28/01/20 10:50 à « Brevi nuove dal Grande Est » Sono in vacanza...

Amore e repressione

di Alessandro Malaterra

Durante il fascismo italiano c’era una comunità di oppositori all’estero. Stampavano e distribuivano opuscoli, facilitavano la fuga dall’Italia dei perseguitati dal regime. Neanche per loro era facile.

Il fatale talento del signor Rong

di Gianni Biondillo Mai Jia, Il fatale talento del signor Rong, Marsilio editori, 2016, 412 pagine, traduzione di Fabio Zucchella Rong Jinzhen...

Je so’ pazzo – un film di Andrea Canova

di Mariasole Ariot “Ogni realtà sociale è, per prima cosa, spazio”. Braudel   Riabitare i luoghi di confine significa riscriverne la storia senza...
jan reister
jan reisterhttps://www.nazioneindiana.com/author/jan-reister
Mi occupo dell'infrastruttura digitale di Nazione Indiana dal 2005. Amo parlare di alpinismo, privacy, anonimato, mobilità intelligente. Per vivere progetto reti wi-fi. Scrivimi su questi argomenti a jan@nazioneindiana.com Qui sotto trovi gli articoli (miei e altrui) che ho pubblicato su Nazione Indiana.