Dreamwork China


Dreamwork China è un progetto che nasce per dare un volto e una voce ai lavoratori migranti cinesi di nuova generazione.

Fra la fine del 2010 e l’inizio del 2011, gli autori hanno viaggiato a Shenzhen e nella zona del Delta del Fiume delle Perle, dove hanno incontrato migranti, attivisti e organizzazioni della società civile che si occupano della promozione dei diritti sul lavoro.

Da questo viaggio sono nati una serie di ritratti fotografici e un documentario in cui questi giovani lavoratori parlano di se stessi, raccontando la vita quotidiana, le aspettative, le lotte per i diritti e, soprattutto, i sogni di una nuova generazione di lavoratori nella fabbrica del mondo.

Il corto è un estratto dal documentario integrale (55 minuti), scritto e diretto da Tommaso Facchin e Ivan Franceschini, ritratti fotografici di Tommaso Bonaventura.

www.dreamworkchina.tv

[Quest’estate Tommaso Facchin mi segnalò il documentario dandomi la sua disponibilità per eventuali proiezioni e per la sua diffusione. Mi è tornato in mente leggendo oggi un articolo di Wu Ming 1 che cita il documentario Deconstructing Foxconn. I tre di Dreamwork China sono italiani che fanno ricerca e documentazione sul posto, in modo originale: diamogliene atto e facciamo conoscere il loro lavoro. JR]

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Lo sberleffo di Badiucao: come bucare il bavaglio cinese

di Daniele Ruini
Per entrare nel corpo vivo del regime cinese il pubblico italiano ha a disposizione un’occasione da non perdere: mi riferisco alla bellissima esposizione dedicata all’artista cinese Badiucao La Cina non è vicina, allestita nel Museo di Santa Giulia di Brescia per la cura di Elettra Stamboulis.

Letteratura belga: “Cina” di Jean Jauniaux

di Jean Jauniaux
[Le edizioni Mincione hanno lanciato una nuova collana di narrativa dedicata al Belgio. Pubblico in anteprima uno dei Racconti trappisti (2021) di Jean Jauniaux, trad. di Thea Rimini].

Hong Kong è una nevrosi

di Alessandro Malaterra

Lottare contro un sistema nevrotico porta alla nevrosi, come fosse un contagio.

A un’amica (lettera da Shanghai) # 2

di Matthias Schäfer (Traduzione dal francese di Andrea Inglese) Messaggio del 04/02/20 15:52 à « Dove sono finiti i milioni di persone?! » Oggi...

A un’amica (lettera da Shanghai) # 1

di Matthias Schäfer (Traduzione dal francese di Andrea Inglese) Messaggio del 28/01/20 10:50 à « Brevi nuove dal Grande Est » Sono in vacanza...

Amore e repressione

di Alessandro Malaterra

Durante il fascismo italiano c’era una comunità di oppositori all’estero. Stampavano e distribuivano opuscoli, facilitavano la fuga dall’Italia dei perseguitati dal regime. Neanche per loro era facile.
jan reisterhttps://www.nazioneindiana.com/author/jan-reister
Mi occupo dell'infrastruttura digitale di Nazione Indiana dal 2005. Amo parlare di alpinismo, privacy, anonimato, mobilità intelligente. Per vivere progetto reti wi-fi. Scrivimi su questi argomenti a jan@nazioneindiana.com Qui sotto trovi gli articoli (miei e altrui) che ho pubblicato su Nazione Indiana.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: