Christa Wolf

È morta oggi a Berlino, Christa Wolf, una delle più amate scrittrici contemporanee. Aveva 82 anni. Alla Wolf, Fahrenheit dedica l’apertura delle 15,00, ospiti i germanisti Michele Sisto e Luigi Reitani, e la giornalista Paola Sorge. Così dell’autrice hanno scritto, tempo fa, Anita Raja (la sua traduttrice) e Domenico Starnone: continua a leggere qui

4 Commenti

  1. Appello ai cittadini della D.D.R. [8 novembre 1989]

    Care concittadine, cari concittadini, noi tutti siamo inquieti. Vediamo migliaia di persone che ogni giorno lasciano la nostra terra. Noi sappiamo che la politica degli ultimi giorni ha rafforzato la sfiducia nel rinnovamento. Noi siamo consapevoli della debolezza delle parole di fronte al movimento di massa, ma non abbiamo nessun altro mezzo che le parole. Che ancora adesso mandano via, mitigano la nostra speranza. Noi vi preghiamo, rimanete nella vostra patria, rimanete da noi.

  2. Un’ autrice che parla anche al presente e al futuro e resterà un esempio immenso per chi vuole ancora dare senso alla letteratura: leggete ad esempio “Guasto.Notizie di un giorno”, oppure “Trama d’infanzia”

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Post in translation: Thomas Bernhard

      Da In hora mortis di Thomas Bernhard traduzione di Luigi Reitani         * Inquietudine è tra le erbe le capanne sono colte da inquietudine la...

Dell’inutilità di Kafka

di Michele Sisto Kafka non serve, non aiuta. È questa la sentenza pronunciata dal filosofo Günther Anders a conclusione del...

Considerazioni personali sulla lingua

Friedrich Dürrenmatt / traduzione di Michele Sisto Io parlo in bernese e scrivo in tedesco. Non potrei vivere in Germania...

Antimodelli del maschile nella DDR

di Michele Sisto La sessualità quale noi l’intendiamo è effettivamente un’invenzione storica, un’invenzione tuttavia che si è andata operando  a...

Verifica dei poteri 2.0

Verifica dei poteri 2.0 Critica e militanza letteraria in Internet...
Avatar
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.