Articolo precedenteRue Franklin
Articolo successivoI maledetti toscani

Da “Wasurenamu”

di Valeria Ferraro

.

bisogna considerare
chi ti ha manovrato
assemblato ispezionato
curato levigato
con assoluta pietà
tutta la gente che vedi
ha stigmate
profonde come le tue
– è sopravvissuta –

*

«non preoccuparti –
nemmeno per noi
è chiara questa commistione
di nuova e vecchia vita –
non vergognarti
della tua logica imitativa»

«noi vorremmo talvolta
seguirti, nella tua sparizione»

«la sera è finita, ci resta
un po’ di quiete dispersiva
e i bambini da addormentare»

*

a volte ci hanno utilizzato
come depositi di scorie
inattive ma dotate
di inesplicabile potenza,
raccolte vive
di materiale contaminato:
memorie –

*

la finestra spalancata
alle mie spalle

posso immaginare
tutto ciò che avviene
lì dietro

piove

lo scorso inverno
eravamo in due?

da tempo non pioveva –
ogni cosa che torna
a intervalli
mi commuove

*

in quanto tempo
si raffredda una stanza

a quale velocità
ha viaggiato il mio sonno

in quanto tempo
guarisce un corpo
allenato a cadere

di quanta acqua
ha bisogno il crisantemo

a quali ordini
ubbidisce
chi mi dà ordini

in quanto tempo
si consuma il piacere
di camminare nel tempo
*

«si cercano volontari…
lo sapevi? esseri viventi
alla prova di una nuova dimensione
esperimenti garantiti,
massimo un quaranta per cento
di feriti…»

sembri un monaco
nel suo saio
sai che non posso accompagnarti
(né spegnere
questo primo gennaio
duemilanovecentosettanta)

cercano esseri viventi
cosa credevi? impazienti
di lasciare la lotta
mercenari già condannati
a una rotta ignota
soluzioni spettacolari

per popolare i deserti
di nuovi smarriti

*

come per un rito
come un’adolescente al debutto
ho voglia di vendermi –

cedere la mente fossile
che gli anni non hanno addolcito

*

la zona è stata risanata
solo io ne soffro
torniamo nel mondo
e nella storia –
incolonnati nel silenzio,
senza memoria d’altre mete
che è la felicità massima
in cui vi esprimete

.

Da Wasurenamu, Trento, Forme Libere, 2011

8 Commenti

  1. splendida sospensione in queste poesie. qualcosa che viene dal futuro remoto, a conti fatti e ad apocalisse compiuta, dove consumare un pasto freddo di memorie atemporali

    • Gentile Andrea,

      come ultimo testo del libro un trafiletto in prosa dice: “Il 30 agosto 2997 vennero trovati alcuni circuiti funzionanti sul corpo dilaniato di un’androide dell’ultima generazione, pulsanti nell’oscurità. Contenevano testi scritti in una lingua morta, l’italiano, preceduti da una parola isolata, wasurenamu, che in giapponese significa voglio dimenticare. Nonostante la bizzarria del contenuto e la loro evidente scarsa importanza, i dati furono archiviati come memorie di un’androide. Ora riposano muti nel ventre di uno dei tanti Centri Computazionali Periferici e sono attraversati da rari impulsi elettrici che li tengono ancora in vita”.

      Wasurenamu è il primo verso di una poesia di Fujiwara no Teika:

      Voglio dimenticare.
      Non dirmi che magari
      mi stanno aspettando,
      vento d’autunno che soffi sulle vette
      dei monti di Inaba

      Grazie

      Valeria

      • “wasurenamu” come immagino saprai è un verso molto importante nella poesia classica, e l’uso che ne fa teika nella poesia che citi ne è senz’altro uno dei picchi. per questo semplicemente mi chiedevo come ci sei arrivata :) grazie a te!

        • Io sono arrivata a questo verso, wasurenamu, che suona come un bel quinario, grazie alla lettura delle poesie di Fujiwara no Teika splendidamente curate e tradotte da Pierantonio Zanotti in “Il ponte sospeso dei sogni”, Edizioni Ariele, 2006, dove si rende conto dei tanti meccanismi di recupero e rielaborazione degli stessi versi all’interno della poesia giapponese. Mi sembrava poi potesse andar bene come titolo di queste memorie ambientate in un lontano futuro, come uno dei tanti relitti del passato custoditi in una mente artificiale

          v.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Luigi Di Ruscio e il paradigma del dubbio

La tesi di laurea di Niccolò Di Ruscio dedicata al suo omonimo marchigiano. La lezione etica e politica di un poeta.

Nosferatu non esiste

di Andrea Accardi
. NI presenta alcuni testi tratti da "Nosferatu non esiste", Arcipelago Itaca, 2021.

Da “Betelgeuse e altre poesie scientifiche”

di Franco Buffoni
Circola un'arietta leopardiana, ironica e frizzante, a tratti glaciale, nell'ultimo libro di Franco Buffoni, BETELGEUSE e altre poesie scientifiche, Mondadori, 2021. Un'arietta rara nei libri di poesia contemporanea A. I.]

Lumelli: (tutte) Le poesie

di Angelo Lumelli

Presento qui un estratto del libro che raccoglie l'opera poetica di Antonio Lumelli "Le poesie", a cura di Eugenio Gazzola, il verri edizioni. È un libro molto importante questo come lo è il suo autore, che ha sfidato, nel suo percorso, tutte le corsie ben riconoscibili.

Il demone meridiano

di Fabrizio Bajec
1. una controfigura dicevano che amavi il rischio mettendoti al servizio dei più nobili sapevi parlare in pubblico e posare al sole imitando certe donne dagli occhiali scuri stese sul bordo di un terrazzo in attesa di una foto

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.
andrea inglese
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.