Ipocondria da Ciao

sardomobili3 di
Giacomo Sandron 1

‘l motorin par mi no, mai, costa schei,
intanto xe da comprarlo e sa lì xe schei
e poi asicurasion e manutension
e se se rompe i tochi compra i tochi novi e xe schei
e poi te ga da tignirlo da conto, netarlo, starghe drio,
no te son bon gnanca a starte drio a ti, figurite,
e poi a cos che te serve, no te ga sa i pie par moverte?
‘l Signor te ga fato i pie, usa i pie,
e poi te ga da butarghe dentro roba parchè ‘l vada avanti
miscela, do par sento oio, ‘l resto benzina
a benzina costa schei, te pensi per caso
che i schei vegna su ta l’orto?
mi go visto patate, carote, sevòle, brocoeti,
radisee, ravanei, peveroni, suche, sucheti,
schei mai, go visto pomi, pomidori, limoni, naranse,
biete, coste, costine che a magnarle me vien mal de pansa
go visto anca bissi longhi e curti, s-ciosi, slacài
ma schei, te giuro, ta l’orto, no li go visti mai
e poi mi go paura, me fa impresion
no te senti tute e disgrassie che i dise in teevision?
quante robe brute che te senti, tuto che i copa,
no i fa gnanca più bei film, tute s-ciopetae, quanta reclàme
se te vol vardar ‘na roba te ga da star su do ore in più
par vardar tuto, pora Italia come che te ga ridoto,
co’ te va fora no te son più sicuro, ti col motorin
va a finir che te te fa mal, sa me vedo
te finissi dentro i fossi, dentro i canai
te te spachi i ossi te te russi i senoci
passa ‘na machina te tira soto, sa me vedo,
un pulman, passa un pulman e te tira soto,
un camion, che i core come i mati,
i sorpassa sempre in meso aa strada
i se buta in meso e no i mete mai a frecia
quando che i passa, passa un camion
e sa me imagino, sa me vedo, te tira soto,
un tren, passa un tren, i treni xe veoci,
me fa paura anca i treni, sa me vedo
e sbare no se sbassa ti te passi in motorin
in quel momento ‘riva ‘l tren e bam!
te tira soto, o se no
e sbare le xe so, ti te rivi in motorin
no te te acorsi e bam!
te ciapi a sbara drita in muso e te va in tera
te bati a testa e te mori, o se no
e sbare le xe so, ti te rivi in motorin
te passi soto e sbare, sa me vedo, che ti
sempre premura, sempre, mai ‘spetar un fià,
te passi soto e sbare, te passi i binari e trac!
te se incastra un pedal ta i binari, sa me vedo,
‘l cavaeto, te casca ‘l cavaeto, mi so, no sta mai su,
te casca ‘l cavaeto e se incastra ta i binari,
o se no te sbrissi, che xe sempre piere, pierute
sporchess ta i binari, te ghe meti i pie de sora,
te sbrissi, te va in tera, te bati a testa, te vien ‘l motorin in torno
in quel momento ‘riva ‘l tren e bam!
te tira soto e se te tira soto un tren
te s-ciopi bam!
tuti tochi tochini tocheti te diventi
tuti tochi tochini tocheti e noi altri
tuti tochi tochini tocheti a rincurarli
un par un, no te ga cuor, mi ‘l motorin, te digo,
par mi no, me fa paura, te va a farte mal
meti caso te vien fora un in bicicleta dal stop
che quei in bicicleta no i se ferma mai ai stop
i va via per strada come i singari, dapartuto,
gnanca fussi lori i paroni, gnanca a pagarli oro i se ferma,
meti caso te vien fora un in bicicleta dal stop
te vien intorno, te va par tera e te bati a testa,
anca a zia Gigia ‘na volta iera drio tornar dal mercà
in bicicleta, se ga rebaltà, ga batuo a testa, come niente,
xe tornà a casa, dopo do giorni a xe morta,
o se no anca quei a pie i va in giro no i varda mai
co’ i traversa a strada i xe insiminii,
un te traversa a strada, te ghe va intorno,
te va par tera, te bati a testa, lu ‘l se fa mal
te ghe spachi ‘na gamba, un brasso, deventa un rudinasso
ne toca pagarghe ‘l dotor, l’asicurasion, e so schei
e mi, varda, son stufa, no ghe ne posso più
‘l motorin te te o scordi, se te vol andar in giro
te va a pie, ‘l Signor te ga fato i pie, usa i pie,
te camini, che te fa ben, te ciapi aria, te te vardi intorno,
te va via pian, che chi va pian va san e va lontan
o se no te sta a casa, te lesi un libro, te meti a posto
camera tua che xe un bordel che no te digo
xe da far lavori, svangar ‘l giardin, spacar a legna,
lavar i piatti, stirar, ciapar su co’ l’aspirapolvere
e se te va ben cussì, benon, altrimenti
quea xe la porta e ciao!

sardomobili5

Print Friendly, PDF & Email
NOTE
  1. Poesia dedicata dall’autore a effeffe in occasione dell’uscita del libro “Il peso del Ciao, ed. Arcolaio

articoli correlati

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.

Les nouveaux réalistes: Pierangelo Consoli

di Pierangelo Consoli
Per questo, quando mia madre divenne Alberta, tramutandosi in qualcosa di più collettivo, io non soffrii tanti cambiamenti, almeno per quello che riguardava la gestione delle faccende, perché erano già molti anni che me ne occupavo. Usciva pochissimo, come ho detto, eppure il giorno dei morti restava, nel suo calendario, un rito al quale non poteva rinunciare.

Colonna (sonora) 2024

di Claudio Loi
15 album in rigoroso ordine alfabetico per ricordare il 2023 e affrontare le insidie del quotidiano con il piglio giusto. Perché la musica, quella giusta, è la migliore medicina che si possa trovare sul mercato. Buon ascolto!

Les nouveaux réalistes: Annalisa Lombardi

di Annalisa Lombardi
Per questa nuova puntata dei nouveaux réalistes, un polittico di esistenze minime perdute tra i massimi sistemi della vita e della storia. Come nei Racconti con colonna sonora di Sergio Atzeni, la voce dei personaggi è incisa sulla musica di fondo delle cose. (effeffe)

Cose da Paz

di Massimo Rizzante
Partiamo da qui: la poesia, l’arte in genere, non ama ripetersi. Ciò non significa che non possa ripetersi. Ecco la mia teoria: quando la poesia non si accorge che si sta ripetendo, la Storia inevitabilmente si ripete. Ciò se si crede, come io mi ostino a credere che, a differenza della poesia di Omero, nessuno studio storico potrà mai dirci qualcosa di essenziale su chi sono stati gli antichi Greci.

I poeti appartati: Enzo Campi

di Enzo Campi
Da quando lo conosco, da più di trent'anni, ho sempre percepito nella "manifattura creativa" di Enzo Campi, che si trattasse di teatro o di poesia, il tentativo di dialogo tra la mano che fabbrica e quella che pensa. La selezione di poesie tratte dalla sua silloge, Sequenze per cunei e cilindri  che il lettore di NI potrà leggere conforta, credo, quella mia percezione dell'origine. effeffe
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: