Un Post a tavola : festa di Nazione Indiana e Primo Amore

12 Commenti

  1. Grazie Francesco e Davide per avere condiviso qualche brano della festa. Una parola mi fa fatto commozione. L’idea che tanti scrittori sono hanno scritto per Nazione Indiana qualche anno, poi sono partiti verso altre avventure, forse più solitaria nella scrittura. Succede come per la casa natale. È sempre li in un tempo nimbato.
    Mi fa commozione di sapere che tanti talenti so sono incontrati nel blog, si sono sfiorati, confrontati. Nazione Indiana rimane per me il blog di elezione, la mia lingua letteraria, la mia lingua e il mio amore.
    Non si puo paragonare con facebook o twitter, anche se consulto un facebook particolare per cogliere una presenza, un’anima.
    Credo che Nazione Indiana occupa uno spazio nella rete, unico, perché non è animato dal narcissismo, ma dall’incontro per fare emergere la litteratura italiana.

  2. Effeffe non hai dimenticato Les Voyelles du coeur, françaises. Ho avuto il privileggio qualche anno fa di entrare nella libreria e di sentire l’ambiente misterioso, l’ombra, la poesia dei libri.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Dioniso e Adorno. La musica e il dominio

Di Daniele Barbieri. Ho comperato La vendetta di Dioniso. La musica contemporanea da Schönberg ai Nirvana, di Marco Maurizi (Jaca Book 2018), non tanto un libro di musicologia, quanto un libro di filosofia nella tradizione di Adorno: perché mi ha dilettato, perché mi ha irritato.

Camera ecoica. Da César Vallejo a Giuliano Mesa (e ritorno)

di Lorenzo Mari
Nella preparazione della traduzione di Trilce di César Vallejo, recentemente pubblicata da Argolibri, sono tornato più volte in direzione di un incontro che avevo

Da “L’uomo avanzato”

di Mariano Bàino
[Per Oèdipus, esce in questi giorni L'uomo avanzato di Mariano Bàino, prefazione di Remo Ceserani e postfazione di Cecilia Bello Minciacchi. Il libro è la riedizione della prima prova narrativa di Bàino, uscita nel 2008. Oggi appare in nuova veste grafica firmata 8ki e con un nuovo finale.]

Il mio dio che sapeva stare al mondo

di Jacopo Napolitano
Mi ha fatto salire sul suo dorso e l'incavo tra il collo e la spalla sembrava fatto apposta per riposarci la mia faccia

Bianca Battilocchi: il ritmo che ritorna

    «Territori dell'esplorazione / li legge chi corre / distante dalle pagine» Il ritmo che ritorna di Bianca Battilocchi è il quinto...

Qui nessuno dice niente. Un anno di scuola tra i carcerati – Domenico Conoscenti

Brani dalla ristampa del libro di Domenico Conoscenti (il Palindromo, 2021)  pubblicato da Marietti nel 1991: il diario di insegnamento...
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux