Dalla vita e dai sogni di Jeanne Cară

jeannecara04
di Davide Orecchio

SULLA SCORZA – di un VHS – senza colore come certi fenomeni – del sogno, del ricordo o del passato – appare – Riccardo Schicchi – (seduto sullo sgabello) – serio – la giacca, la camicia, la cravatta – da uomo Facis – presenta – la fanciulla Jeanne Cară – (seduta sullo sgabello) – sfrontata – Jeanne spazzola la cipria sugli occhi – da sinistra verso destra – e indietro – ma non chiude le palpebre – Jeanne guarda – qualcosa o qualcuno – un orizzonte – col disprezzo per il bisogno proprio e altrui – non necessitosa – contenta della spazzola – attrice del proprio esilio – e Schicchi: Oggi ricomincia – una carriera interrotta – le promesse – il lutto – il dolore –  ma adesso – Jeanne riparte – che la vita abbia inizio.

UN UOMO – nel sogno di Jeanne Cară – da una carrozza bianca – immerso nel profumo che maschera – i corpi non lavati – del passato – o forse del sogno – annuncia – malinconicamente – a una donna – che è finita – nell’avorio – dei loro vestiti – delle piume e dei ventagli – nell’oro dei bottoni e delle corde che stringono – l’uniforme – nel verde – scuro – della foresta – al crepuscolo – quest’uomo – nel sogno di Jeanne Cară – si sporge – dalla carrozza – dal finestrino – attraverso il labbro e dai baffi – e: Addio – separiamoci – spezziamoci – farò di tutto per non dimenticarti – farò di tutto per non ricordarti.

ALLA STAZIONE DI BUDAPEST – sognata da Jeanne – l’amica Hogdan accompagna al treno – Jeanne – per un viaggio – un addio – sognato da – nel sudore di – Jeanne Cară – che vede il poliziotto – l’ascolta esigere – il passaporto – nella tasca di Jeanne – preso da lei ubbidiente e offerto al – funzionario – ma lo stupore – ma la vergogna – di Jeanne – quando scopre – che sul documento la foto è di – il nome è di – l’età è di – Hodgan – l’amica – l’identità – il furto – nella tasca di Jeanne – Perché sul mio passaportoc’era il nome di un’altra? –  Cosa ho io di menoda non meritareil mio nome sulla carta?

jeannecara02

IL TURGORE DEL CORPO – fittizio – abito del lavoro – strumento – maschera – Jeanne usata da Jeanne – Jeanne che sfrutta  Jeanne – il provino – l’uomo – l’altro uomo e l’altra donna – quaggiù – a Fregene – la percezione del mare – dopo le persiane – le pareti – la villa – il sentiero – il regista – la macchina da presa – i due fari di scena – il sapore – di una notte boogie.

AL TELEFONO la madre di – orfana di – Jeanne – chiede – Cosa mangi? – prendi le verdure? – hai soldi per – la carne? – Sì – cara mamma – ma niente pasta – niente legumi – per non gonfiare la pancia – cara mamma – mangio tutti i giorni – due volte al giorno – ma non devo – in alcun modo – gonfiare la pancia.

ADESSO – sulla zizzania macchiata – spruzzata – tra le siringhe e il dissipato – asciugato – seme – nello sguardo dei topi – con l’odore – e il rumore – della melma che scorre – sotto al ponte – (Milvio) – sopra al fiume – (Tevere) – Jeanne Cară la rossa – smucciata per caso – fino a questa malerba – in fuga dal penitenziario del sé – dall’io non voglio – si consente un respiro – fa il calcolo per l’economia – bisbetica – l’uomo chiese – È il tuo primo gang bang? – l’uomo promise – Non ti faranno male – qualcuno gridò – Lubrificante! – qualcuno cantò – Lubrificante! – e adesso in questa – gramigna fluviale – c’è il riposo di Jeanne – Sono io la furbao il mondo è più furbo di me? – sopra – dov’è l’asfalto – nell’attico dei viaggi metropolitani – non liquidi né per roditori – una Mercedes sosta col – motore acceso – motore che ronfa – e un uomo nell’attesa – di Jeanne – accarezza il volante con la mano – sudata.

IL DIZIONARIO che compito – descrive il mansionario – della mia connivenza – le parole della mia – immaturità – traduzioni per le pose – del mio corpo – sinonimi delle – divaricazioni che io – permuto – anglismi di una pronuncia illibata – almeno fino all’atto.

jeannecara03

AL PRINCIPIO – di questi – anni novanta – tutto crolla – con l’eccezione dell’industria voyeur – che vive dopo – la falce – il martello – il Muro – il pentapartito – e diventa istituzione e – Jeanne Cară – fanciulla selvaggia – pretende di essere – a suo agio – nella nuova ideologia – nel monumento e nel discorso triste – sul sesso – Jeanne Cară sabota la coscienza – dei gesti che compie – dei gesti che su di lei – si compiono – degli interminabili – ingressi – dei sorrisi sfregiati – prima dello stop – per poi lavarsi – coprirsi – col panno e la spugna – nell’ossessione della – pulizia – ma gli ammiratori e la musica – ma le rughe e i solchi – (le strade e le grotte) – di Roma – ma l’anagramma inverosimile – (amor) – ma il sedicente compagno – l’impresario – l’amante guardone – ma i cespugli e le radici che divellono – l’asfalto – ma gli intonaci – scorticati – ma le pietre – millenarie – ma il formicaio di preti e suore – vescovi – cardinali – ma l’alveare – politico – nel Palazzo – ma le catacombe – dei faccendieri – ma la conurbazione – dei puttanieri – ma la Salaria d’inverno – sbrinata con – la cocaina – ma la dose e l’overdose – ma la caterva di – (coiti) – getta scompiglio nella vita – e nei sogni – di Jeanne.

AL PRINCIPIO – di questi – anni trenta – del ventunesimo secolo – la fanciulla Jeanne Cară – fanciulla non più – né selvaggia – ma coraggiosa e – ospite di un corpo – che Jeanne non volle ritoccare – contenere – mascherare – ospite del corpo che per vita – naturalezza – o abuso – è diventato il suo corpo – fissato in una tuta che – ne puntella la sagoma – o forse il budino – accende il computer dove vivrebbe – per scardinare i tumori – gli infarti – l’affanno dei rimedi – l’Alzheimer – con l’upload prematuro – della psiche – nel computer – nel disco rigido – che diventerebbe – la sua memoria – il suo Io – e Jeanne Cară parla alla macchina – conversa – ascolta – Cos’hai mangiato – per cena? – che film – vuoi vedere? – Un vecchio Truffaut – per cortesia – stanotte desidero – un vecchio Truffaut – per compagnia – e la donna – e il computer – e la stanza – e la sera – e non ho altro da aggiungere.

JEANNE CARĂ SI SVEGLIA – sul sedile – di un camper – (macro) – sognato da Jeanne – poggiata a un volante – (macro) – dinanzi a uno schermo – (macro) – poi vede un prato – un cortile – una piscina – testimonia la vita degli amici – e delle amiche – del liceo – adesso felici e ritrovati – senza di lei – che è cresciuta – la Jeanne sognata e sognatrice – fino alla soglia di – quarant’anni d’età – e sogna da un letto romano – ed è sognata sul sedile di un camper – e le sfugge la misura – di tanta distanza – il calcolo della – dismisura.

IL PADRE DI JEANNE – sognato da Jeanne – muore col rantolo – nella clinica – col silenzio improvviso che interrompe – il rantolo – e sveglia Jeanne sognata da – Jeanne – e la prima Jeanne – la Jeanne sognata – si precipita e grida – Papà muore! – svegliando così – Jeanne dal suo sogno – e la Jeanne che si desta – esclama – No, non muore – papà è già morto – era solo un sogno – per fortuna papà – è morto da tempo – e non deve morire – di nuovo.

jeannecara01

SULLA SPIAGGIA – questa notte – dei primi anni novanta – un’estate lontana – dal lavoro – dalla plastica – dall’artificio – in VHS – del letto sexy – dell’aula sexy – dell’ufficio e della doccia – sexy – una volta sospesa – l’erogazione – cinematografica – di sperma – un’estate non industriosa – di Jeanne Cară – questa notte sulla spiaggia – il modello Hans si denuda – sfila la maglietta – come la pelle usata – di un serpente – slaccia i calzoni di lino – che si accasciano – come un palazzo – dinamitato – il modello Hans si volta – e dice – Tuffiamoci – e Jeanne Cară gli mostra – di andare avanti e che – lei seguirà – il modello Hans – raggiunge l’acqua – immerge le cosce nel nero – dell’acqua – sveglia il plancton – esclama – È calda! – e Jeanne Cară vede il biancore – dei suoi glutei – luminosi – le due natiche – di Hans – come lune – candide – come sintomi – abbaglianti della possibilità – questa estate – lontano dal cinema – sexy – di essere – felice.

 

(I personaggi descritti sono d’invenzione. Ogni riferimento a fatti o persone realmente esistiti è puramente casuale.) 

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Storia di un fiore

di Francesca Caponi
Questo racconto si ispira alle principali e controverse ipotesi sull’origine di Bella ciao.

Dialogo degli infimi sistemi

di Igor Antonio Lipari
E un giorno per qualche suo strano motivo lei disse tutto d'un fiato: sembra che tu sia una persona vera.

Quattro sonetti di Terrance Hayes

di Terrance Hayes
La terra dei miei occhi da nigga viene assassinata. / Il pozzo profondo della mia gola da nigga viene assassinato

Un «insopprimibile senso di vivere». L’«inverno freddissimo» di Fausta Cialente

di Francesca Rubini
Il romanzo, quasi teatrale, assente nelle librerie da oltre 40 anni, mette in scena la Milano del 1946

Nero bruciato

di Francesca Caponi
E poi succede che torni a casa. Succede che non muori nella Battaglia di Rodi e che non sei morto neanche da prigioniero, davanti a un plotone d’esecuzione

Miraggio di quiescenza

di Paola Ivaldi
Tutto sommato, crepare prima della pensione sarà molto meglio per tutti, e sotto certi tragici aspetti potrebbe giungere a rappresentare il male minore
davide orecchio
Vivo e lavoro a Roma. Libri: Qualcosa sulla terra (racconto, Industria&Letteratura, 2022), Storia aperta (romanzo, Bompiani, 2021), L'isola di Kalief (con Mara Cerri, Orecchio Acerbo 2021), Il regno dei fossili (romanzo, il Saggiatore 2019), Mio padre la rivoluzione (racconti, minimum fax 2017. Premio Campiello-Selezione giuria dei Letterati 2018), Stati di grazia (romanzo, il Saggiatore 2014), Città distrutte. Sei biografie infedeli (racconti, Gaffi 2012. Nuova edizione: il Saggiatore 2018. Premio SuperMondello e Mondello Opera Italiana 2012). Provo a leggere i testi inviati, e se mi piacciono li pubblico, ma non sono in grado di rispondere a tutti. Perciò, mi raccomando, non offendetevi. Del resto il mio giudizio, positivo o negativo che sia, è strettamente personale e assolutamente non professionale. Questo è il mio sito.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: