Articolo precedentePoesia da Camera a Torino
Articolo successivoProse rimate inedite

Ricordo di François Cavanna

François Cavanna se n’è andato. Ha segnato col suo humour dissacrante eppure felice un epoca, la seconda metà del secolo scorso e anche l’inizio di questo. Fondatore di Hara-Kiri negli anni sessanta, intorno al ’68 cambiò titolo alla testata che divenne Charlie Hebdo e tale è restata fino alla sua scomparsa mercoledì scorso per complicazioni polmonari.
Si sono scomodati un po’ tutti a rendergli sinceri tributi a cominciare da Hollande. Perché per oltre cinquant’anni è stata la voce a tratti caustica dell’intelligenza. E forse è da ascrivergli il merito di aver smantellato quanto rimaneva della pomposa retorica che aveva accompagnato la Francia nella prima metà del secolo.
Cavanna non è morto, è andato solo a prendere per i fondelli la morte, ma torna presto…
Su questo pianeta usato ci ritroviamo adesso con un po’ meno intelligenza e memoria e vita e parole vere…
Perché Cavanna è stato uno scrittore pas mal a cominciare dall’autobiografico Les ritals, come erano chiamati con un certo disprezzo i poveri italiani emigrati.
Un po’ di tempo fa la sede di Charlie Hebdo a Parigi era stata data alle fiamme a seguito di vignette ironiche sull’Islam. Attenzione ma proprio per la massiccia presenza di arabi nord africani, integrati nella società francese da mezzo secolo, per questo loro essere a tutti gli effetti francesi che Charlie Hebdo ha voluto dare un segnale in qualche modo definitivo, basta con il fondamentalismo religioso e i suoi eccessi. Certo vi sono stati disordini, interventi della polizia ma il segnale è stato dato e a quel basta dato da Cavanna non sono seguite le maledizioni e le minacce di morte dei tempi di Versetti satanici.
Journal bete et méchant recitava (ancora?) il sottotitolo (sessantottesco) eppure questo foglio ‘cattivo’ e ‘stupido’ ha attraversato impavido più di cinquant’anni di vita francese e non solo inducendo il Presidente della Repubblica ad ammettere che….per la sua impertinenza e le sue provocazioni ha scosso la società francese. Lui, Cavanna, diceva:..la Francia è mia madre, l’Italia mia sorella….

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

“L’Arbulu nostru” di Giuseppe Cinà

di Daniele Ventre
L’àrbulu nostru (La Vita Felice ed., gennaio 2022) non è la prima prova poetica di Giuseppe Cinà, che per i tipi di Manni aveva dato alla luce,...

Circolarità senza ritorno ne “Le meduse di Dohrn” di Carmine de Falco

di Daniele Ventre
"Le Meduse di Dohrn è un'opera interamente Covid-free, che si è stratificata negli anni ed è frutto di innumerevoli incontri...". Esordire, nella recensione e nell'analisi di un'opera...

Corporum primorum fragmenta – Rewriting dal Canzoniere di Stranamore

di Daniele Ventre
(-2013 -con un contributo di F. P.) ...corpora prima, quod ex illis sunt omnia primis... LUCREZIO 1. Voi che sentite nel boato il suono degli isotopi fissili nel 'core'* della centrale fuso...

Callimaco – Quattro epigrammi

trad. isometra di Daniele Ventre A. P. V 6 Glielo giurò Callignòto, a Iònide, di non avere altro più caro, nessuna altra...

Bacchilide – Ditirambi III-IV

trad. di Daniele Ventre III I GIOVANI O TESEO - PER I CEI A DELO La nave scura di prua portava Tèseo...

SPLENDE A CASCATA/ L’ORO DEI CEFALI

Nota sull’ultima silloge di Giancarlo Consonni (Pinoli, Einaudi, 2021) di Giuseppe Cinà “Nel suo andare per il mondo, la poesia è...
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: