ΤΑ ‘ΔΑΤΕ ΤΑ ΜΑΘΑΤΕ

di Odysseas Elytis

trad. isometra di Daniele Ventre

Ήταν μια θεία θέληση
κι ενός αγίου τάμα
Εμείς οι δυο να σμίξουμε
και να γενεί το θάμα:

Οι βάρκες ν’ ανεβαίνουνε
ως τα ψηλά μπαλκόνια
Κι οι ορτανσίες να πετούν
καθώς τα χελιδόνια

Ν’ ανάβουν οι άγιοι κερί
στη χάρη των δυονώ μας
Και τα ψαράκια να φυλούν
την άκρη των ποδιών μας

Όλος ο κόσμος ν’ απορεί
μωρέ τι να ‘ν’ και τούτο
Με το μπουζούκι να λαλεί
και το μικρό λαγούτο:

Τα ‘δατε τα μάθατε
μια αγάπη που εγεννήθη
Άνθρωπος δεν την κατελεί
κι ο Άδης ενικήθη

_________

LO VEDETE, INTENDETELO

Fu divino proposito
come il voto di un santo
che noi due ci incontrassimo
e nascesse l’incanto:

le barche che risalgono
fino agli alti balconi
e le ortensie che volano
somiglianti alle rondini

I santi un cero accendano
in grazia di noi due,
pesciolini ci bacino
i piedi sulla punta

l’intero mondo dubiti:
Che cos’è questo, dimmi?
e con il liuto piccolo,
con il buzuchi gridi:

Lo vedete, intendetelo,
ora un amore è nato,
uomo non può distruggerlo
e l’Ade è sgominato.

6 Commenti

  1. Grazie sempre, Daniele. Solo, va corretta la traslitterazione di «μπουζούκι» in «bouzouki» o «buzuchi». Io suggerirei quest’ultima, e non per smania traduttoria, ma perché godrebbe d’un precedente d’eccellenza in Ennio Flaiano: «Vede, nel buzuchi il ballerino guarda a terra, ciò dipende da un rito antico, si può azzardare l’ipotesi che il buzuchi sia un rito apollineo e le danze africane siano riti dionisiaci» (Il gioco e il massacro, Adelphi).

  2. un grande poeta…riscoperto dopo un recente viaggio a creta e amato come la sua isola ispiratrice

  3. Perdonami, Daniele, umilmente… andrebbe pure corretta la svista —per iotacismo— Elitis in Elytis (Ελύτης).

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La quadrilogia della fine di internet: il ritorno alla Fonte come superamento del collasso della techne

di Sonia Caporossi Canteremo la resurrezione dell’anima consumata nella tecnologia. La notte, il sogno, la visione e la connessione....

Cinque poesie di Antonio Bux tratte da “La diga ombra” (Nottetempo, 2020) – nota introduttiva di Giuseppe Munforte

Ogni poesia ci pone la domanda di cosa sia la poesia. Arriva di fronte ai nostri occhi come un...

Annotare il dolore. – Su “Taccuino dell’urlo”di Sonia Caporossi

di Antonio Francesco Perozzi Mi piace parlare di Taccuino dell’urlo (2020, Marco Saya Edizioni) di Sonia Caporossi in termini di...

Odissea – Libro XIX – Il colloquio di Odísseo con Penelope – il riconoscimento fra Euriclea e Odísseo

trad. isometra di Daniele Ventre (da Omero, Odissea, ed. Mesogea, Messina, 2014) Dentro la sala, frattanto, lo splendido Odísseo...

Fastidiosa e sputacchina, ovvero come abbattere milioni d’ulivi in silenzio.

di Lele Amoruso O miseras hominum mentes, o pectora caeca.  O misere menti degli uomini, o ciechi cuori. Lucrezio, De rerum...

Inno ps. omerico ad Apollo

trad. in esametri di Daniele Ventre Ricorderò, né potrei scordarmelo, Apollo l'arciere lui per cui tremano i numi, se avanza alla...
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).