ΤΑ ‘ΔΑΤΕ ΤΑ ΜΑΘΑΤΕ

di Odysseas Elytis

trad. isometra di Daniele Ventre

Ήταν μια θεία θέληση
κι ενός αγίου τάμα
Εμείς οι δυο να σμίξουμε
και να γενεί το θάμα:

Οι βάρκες ν’ ανεβαίνουνε
ως τα ψηλά μπαλκόνια
Κι οι ορτανσίες να πετούν
καθώς τα χελιδόνια

Ν’ ανάβουν οι άγιοι κερί
στη χάρη των δυονώ μας
Και τα ψαράκια να φυλούν
την άκρη των ποδιών μας

Όλος ο κόσμος ν’ απορεί
μωρέ τι να ‘ν’ και τούτο
Με το μπουζούκι να λαλεί
και το μικρό λαγούτο:

Τα ‘δατε τα μάθατε
μια αγάπη που εγεννήθη
Άνθρωπος δεν την κατελεί
κι ο Άδης ενικήθη

_________

LO VEDETE, INTENDETELO

Fu divino proposito
come il voto di un santo
che noi due ci incontrassimo
e nascesse l’incanto:

le barche che risalgono
fino agli alti balconi
e le ortensie che volano
somiglianti alle rondini

I santi un cero accendano
in grazia di noi due,
pesciolini ci bacino
i piedi sulla punta

l’intero mondo dubiti:
Che cos’è questo, dimmi?
e con il liuto piccolo,
con il buzuchi gridi:

Lo vedete, intendetelo,
ora un amore è nato,
uomo non può distruggerlo
e l’Ade è sgominato.

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. Grazie sempre, Daniele. Solo, va corretta la traslitterazione di «μπουζούκι» in «bouzouki» o «buzuchi». Io suggerirei quest’ultima, e non per smania traduttoria, ma perché godrebbe d’un precedente d’eccellenza in Ennio Flaiano: «Vede, nel buzuchi il ballerino guarda a terra, ciò dipende da un rito antico, si può azzardare l’ipotesi che il buzuchi sia un rito apollineo e le danze africane siano riti dionisiaci» (Il gioco e il massacro, Adelphi).

  2. un grande poeta…riscoperto dopo un recente viaggio a creta e amato come la sua isola ispiratrice

  3. Perdonami, Daniele, umilmente… andrebbe pure corretta la svista —per iotacismo— Elitis in Elytis (Ελύτης).

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Bacchilide – Ditirambi III-IV

trad. di Daniele Ventre III I GIOVANI O TESEO - PER I CEI A DELO La nave scura di prua portava Tèseo...

SPLENDE A CASCATA/ L’ORO DEI CEFALI

Nota sull’ultima silloge di Giancarlo Consonni (Pinoli, Einaudi, 2021) di Giuseppe Cinà “Nel suo andare per il mondo, la poesia è...

La poesia di Edgar Allan Poe nella traduzione di Raffaela Fazio “Nevermore. Poesie di un Altrove” (Marco Saya Edizioni, 2021)

Trad. di Raffaela Fazio Postfazione di Leonardo Guzzo È nel breve saggio Filosofia della composizione, scritto nel 1846, che Poe...

Il cielo per Roma – l’ipercalisse ilarotragica di Mariano Bàino

di Daniele Ventre “Chiamatemi Chiaffredo. Ma non chiedetemi il perché…”: così si inizia, con richiamo evidente all’Ismaele del Moby Dick,...

Inno ps.omerico a Pan

trad. isometra di Daniele Ventre Musa, raccontami tu la cara semenza d’Ermete, lo strepitante bicorne dai piedi caprini, che in valli d’alberi...

Appunti su “EDENICHE” di Flavio Ermini. Ovvero: Il tramonto della luna.

di Bruno di Pietro “Un pensatore lo si onora pensando” (E.Jünger) 1. Il tramonto della luna Giunge a compimento con “Edeniche” (Moretti...
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: