i poeti appartati: Antonio D’Agostino

di vilio
Immagine di Salvatore Di Vilio

 

Poesie

di

Antonio D’Agostino

 

 

Chi porta il peso di questa assenza
le rondini di confine tremano sul ramo

la solitudine si contorce nell’aria
impigliate ai fili le foglie non cadono
più non germina il papavero
il neon della casa bassa perde luce
nei campi ridotti a discarica
poche anime a rovistare tra i sassi
la nuvola scende ad altezza di mano
il bambino curioso entra nel cirro
chiama al gioco i compagni
figurando una scala riportano
l’elemento fugace al suo posto

la pioggia cade dal cirro risalente
forma un pantano di luce

 

hai rimosso la pietra dal silenzio
fremevi per indovinare il punto esatto
quell’origine che si assenta
in cui prendesti posto alzando la voce
temendo la solitudine di chi non sente

trascini la sedia nei tuo pressi
puntelli la gamba indebolita
con la torcia illumini il soffitto
ti illudi di eclissare un astro
con un interruttore di gomma a scatto

 

 

 

Perdemmo lo sguardo nel campo
l’iride si fece betulla filo d’erba argilla
restammo a sciupare tutta la forza
la giovinezza il vino la rabbia volatile
sempre a cercare ruderi sentieri patrie
nel pozzo di stelle dormienti foglie e rami
contorti pensieri legni ornamenti vani

quel tempo non vuole ricordi
nella sagoma si consuma un cero
giochiamo a campana ad indovinelli
ma tutto vuole tacere
nel torace le arterie costole
si addensano le insane questioni
le smarrite apparizioni senza voce
prima di rovistarle dimenticarle

 

 

 

porta fuori il dolore nel cortile nel rigo
d’acqua ferma lascia scolare materia
la ferita abbandona all’erba consuma il suono
del dolore costringilo a correre tra i rampicanti
lascialo nella rissa di terra e polvere
nella presa di calce perdilo nell’accecamento
restituisci al campo le doglie del verbo

il tuo occhio aprilo l’apparenza insegna
scherza con noi strilla origlia bestemmia
ferma il chiodo fisso nel sangue
la visione è a te figlia rendila orfana
deponila nelle mani di lari e streghe

Print Friendly, PDF & Email

7 Commenti

  1. testi molto belli, una tendenza meditativa che passa attraverso una grande vivacità e precisione di immagini

  2. Le assenze come catarsi del presente; i ricordi come consistenza esistenziale; il mito come rifugio delle solitudini. Le gioie vanno e vengono, come ellissi atemporali ci spingono a contemplare la bellezza quando arriva. Siamo tutti complici del divenire, ma beato chi riconosce nella Poesia la solidità dell’animo umano ancorato alla terra. I miei più sinceri complimenti ad Antonio D’Agostino, Poeta dei luoghi. Arrivederci.

  3. L’ispirazione poetica, in cui forse alcuni non credono più credondo piuttosto nel tavolino e nelle sue algebre, probabilmente è nella sua essenza proprio una nuvola che scende ad altezza di mano e in cui noi entriamo curiosi, l’immagine che più mi è rimasta impressa di questa breve e bella carrellata. Tutto mi sembra pieno di misura pur senza essere stato misurato col righello, sono versi che risvegliano morbide scintille di qualcosa che si potrebbe chiamare incanto della lettura, e che per quanto mi riguarda non accade spesso. Ricordo intanto con piacere la serata del 24 settembre 2011, quando D’Agostino partecipò a un reading in Capua, e l’intensità e delicatezza delle sue poesie di allora, che in queste altre ritrovo. Quando la sensibilità raffinata e l’umiltà si trovano congiunte, com’è nel suo caso, si hanno, credo, i migliori risultati che si possano avere nello scrivere. I raffinatoni senza umiltà e gli umiloni senza raffinatezza stiano a casa loro; a casa mia D’Agostino sarà sempre ospite graditissimo.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Rêveries

di Mirco Salvadori
Il diario di bordo di una due giorni dove è questione di pratica di gioventù e di trasmissione generazionale. Un'esperienza tradotta in uno scritto che speriamo incontri con piacere i lettori di Nazione Indiana. M.S.

Memento Moro

Poesie di Alida Airaghii
Come nei Sillabari di Goffredo Parise, dove sono i luoghi a fare le persone e le persone i titoli dell'abécédaire in questa raccolta è il tempo a definire l'ordine, e la storia a sconvolgere la cronologia mutando la semplice successione degli anni- le poesie sfilano come date precise, giorno, anno...

Les nouveaux réalistes: Luigi Macaluso

di Luigi Macaluso
Narrano le cronache non scritte di Trizzulla, paese dell’entroterra madonita, che all’indomani della legge Merlin l’arrivo del nuovo parroco don Basilicò fu accompagnato dalla presentazione d’un prodigio: la nipote Lina, meglio nota alla memoria dei fedeli come l’Ovarola o la Moglie del Serpente.

Avanguardia Vintage: l’intervista

a cura di di Nadia Cavalera
"C’è un brano di Kafka che dice che la scrittura deve essere come un’ascia, che rompe uno strato di ghiaccio. Per cui, sostanzialmente, al povero lettore gli diamo, come dire, delle botte sulla testa."

Deus ex Makina: Maniak

di Francesco Forlani
Da un po'sto collaborando con Limina Rivista, con delle autotraduzioni dal francese di piccoli assaggi ( essais) letterari pubblicati in oltre vent’anni sulla rivista parigina l’Atelier du Roman diretta da Lakis Proguidis. Dopo Philip K Dick, Franz Kafka, Anna Maria Ortese, Charles Dickens è stata la volta di Boris Vian. Qui una nota a un libro indispensabile.

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: