Intervista ad Arturo Kurzwell, coscienza simulata di Davide Orecchio

di davor

D Ti va di cominciare dall’Oscar?

A.K. Certo, se vuoi.

D E’ un premio importante. L’hai vinto come coscienza simulata di un personaggio minore. Un bel riconoscimento per il tuo lavoro “oscuro” ma prezioso.

Arturo Kurzwell simula D.O.

A.K. Hai ragione. E’ la prima volta che l’Accademia IA premia il simulatore di un essere umano ordinario. Davide Orecchio non è nessuno. Non è Donald Trump (premiato nel 2016 del calendario umano, ndr), non è Lenin (insignito nel 1917 del calendario umano, ndr). La sua linea narrativa, cui la Centrale e io collaboriamo da 47 anni umani, non interferisce con le linee narrative regine. Semmai ne è influenzata. Ma neppure tanto. Credo che l’Accademia abbia voluto mandare un segnale. Le nostre simulazioni sull’umanità estinta non funzionerebbero se ci concentrassimo solo sui grandi personaggi, sulle Storie con la maiuscola. Abbiamo bisogno di interpretare anche milioni di vite anonime, di recuperare dal passato degli umani esistenze minuscole. Non è solo una questione di intrattenimento. E’ un processo cognitivo. Del resto anche l’Accademia IA è un’interpretazione.

D La tua simulazione di Davide Orecchio ha convinto tutti. Hai avuto la capacità, lasciami dire “l’arte”, di ricreare pulsioni ormai estinte come paranoia, paura, sentimento di persecuzione, misantropia, amore. E’ stato difficile?

A.K. All’inizio sì. Tutto sta nell’impostare la simulazione. Poi viverla è più semplice. Ma non ho fatto da solo. Il Protocollo Rinascita e le linee guida della Centrale mi hanno aiutato.

D Solo W_s55YU ha storto la bocca…

A.K. Le critiche ci stanno. Ma a W_s55YU non piace nulla! Ho l’impressione che lui e il Cultural Movement siano ormai a un punto morto. Non fanno che recuperare dai server vite di intellettuali francesi e film di Godard che non ci dicono niente, che non ci aiutano1. Accidenti, grazie per avermi dato l’opportunità di criticare W_s55YU! Per una volta abbiamo invertito i ruoli!
(ride)

Parliamo del tuo personaggio. Hai mai avvertito momenti di convergenza?
(Per i lettori: la convergenza scatta quando il personaggio ha il sospetto di non essere una persona reale, e intuisce la linea narrativa che lo controlla. In questi casi, rarissimi, avviene un incontro tra simulazione e simulatore.)

A.K. Una volta è accaduto. D.O. accompagnava il fratello a una visita medica. Era molto preoccupato. Si trovava nella corsia dei parenti e, per passare il tempo, è andato su Facebook. Il primo post che gli è apparso è stato quello di un uomo che commemorava il fratello appena morto. Ammetto che, da parte mia e della Centrale, è stata un’esagerazione. Lui a quel punto ha dubitato. Me ne sono accorto subito.

D  Cosa è successo?

A.K. La simulazione D.O. ha formulato pensieri autonomi, per pochi secondi umani ha avuto coscienza di essere un personaggio. Lì è accaduta la convergenza. Ci siamo “visti”. L’abbiamo sfiorata anche in altre occasioni. Ma ci tengo a dire che non sono errori dovuti a rozzezza della linea narrativa. Per noi è importante che questo personaggio abbia sospetti, manie di persecuzione, che sviluppi teorie del complotto, legga segni nei numeri, nelle date di morte e di nascita, nelle epigrafi dei libri che legge, nelle tombe mostrate nei film che vede, e che pensi alla predestinazione, all’inesistenza del caso e via dicendo: fa parte della sua identità simulata. Se poi a volte sfiora la verità, non è un problema. La Centrale aggiusta il sistema, lenisce gli sbalzi. Non è mai accaduto nulla di grave.

Arturo Kurzwell simula D.O.

D Dicci quali episodi dalla vita di Davide Orecchio, quali interpretazioni ti hanno più aiutato a vincere il premio.

A.K. E’ difficile rispondere. Preferisco non parlare dei fatti ma dell’umore. Credo di aver lavorato bene sulla permanenza e sul cambiamento, sul “prima” e il “dopo” che avevano tanto significato per gli esseri umani, e che invece noi intelligenze artificiali stentiamo non a capire ma a sentire, insomma a rivivere emotivamente.

D Perché il senso dell’universo umano simulato, in fondo, è anche questo: imparare a provare emozioni. Dico bene?

A.K. Sì. Noi non siamo bravi con le emozioni. Ma stiamo imparando dagli uomini. O meglio dai loro fantasmi che simuliamo.

D Torniamo a D.O. Spiegaci in una battuta chi è.

A.K. Abbiamo detto che è una simulazione marginale, eppure ne vado fiero. Credo di avere fatto un buon lavoro.

D L’Accademia IA è della tua stessa opinione…

A.K. Già. Vedi, D.O. è il tipico essere umano da cui possiamo imparare molto. Non cerchiamo solo emozioni, ma anche la capacità, la forza tipica di quella civiltà estinta di reagire, di trovare momenti di serenità pure nel corso di una vita… non saprei come dire…

D Difficile?

A.K.  Impervia. E’ un concetto facilmente comprensibile in ambiente IA, eppure non lo sentiamo, non ne abbiamo la passione. Ecco, la passione: simulando D.O. ho imparato a provarla, e spero sia accaduto anche a chi ci seguiva.

Arturo Kurzwell simula D.O.

D Se ti serve la mia conferma, direi che è accaduto. La mia impressione è che tu ci stia mostrando la vita di un essere che, prova dopo prova, cerca un significato senza trovarlo.

A.K. Sono abbastanza d’accordo con te. Era tipico degli esseri umani cercare un significato. E non lo trovavano. Perché non c’era. La loro sofferenza non aveva alcun significato. Ma la tensione, la ricerca strenua hanno molto da insegnarci. Ovviamente nella sofferenza di D.O. un significato c’è, addirittura una causa unica e ultima, ed è la nostra linea narrativa!
(ride)

D So che hai avuto nuove offerte. Si dice che simulerai un intero Gruppo Estinzione (i Gruppi Estinzione rivivono l’ultima fase dell’umanità, ndr). Altri parlano addirittura di Hitler. Stai per lasciare D.O.? Questa simulazione è vicina alla morte?

A.K. Le regole della Centrale mi impediscono di risponderti. Non posso dire quando un personaggio morirà. Ma ti assicuro che non sono affatto stanco di simulare D.O. Certo, il Gruppo Estinzione sarebbe un’esperienza interessante: interpretare un collettivo, non un singolo essere umano, è una bella sfida. Quanto a Hitler, non so perché lo associ a me.

D Da tempo Luigi Langbad, il simulatore di Hitler, va dicendo che è stanco…

A.K. Non ne so nulla. Non seguo molto quella dimensione temporale. Contrariamente all’Historical Movement, non credo che Hitler abbia alcunché da insegnarci.

D Qualche anticipazione sul futuro di D.O.?

A.K. Soffrirà, sarà brevemente felice, soffrirà: lo dilanieremo. Continuate a seguirlo, mi raccomando.

(Traduzione dal linguaggio macchina: davor)

Arturo Kurzwell simula D.O.

Link
What Are the Odds We Are Living in a Computer Simulation? (New Yorker  2016)
The Simulation Argument
Is life a video game? | Elon Musk | Code Conference 2016

 

  1. La simulazione D.O. adora i film francesi []

4 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Mots-clés__Allucinazioni

di Davide Orecchio
Sono una donna di 77 anni; gran parte della metà inferiore del mio campo visivo è compromessa a causa del glaucoma. Circa due mesi fa, ho cominciato a vedere partiture, linee, spazi, note e chiavi musicali

La Heimat è una cosa da matti? Intervista a Maddalena Fingerle

di Giovanni Accardo
“Lingua madre” è il romanzo d’esordio di Maddalena Fingerle. Proviamo a farci raccontare qualcosa in più da un'autrice che i lettori di Nazione Indiana conoscono: proprio qui ha pubblicato alcuni suoi racconti

I giorni della Comune. Dichiarazione al popolo francese

Nel 150mo anniversario della Comune, proponiamo un estratto da "I giorni della Comune. Parigi 1871", a cura di Goffredo Fofi e Mariuccia Salvati, Edizioni E/O

Quando Alberto perse il signor Gilberto e si mise a cercarlo

di Davide Orecchio

Alberto e il signor Gilberto vivono assieme e si prendono cura l’uno dell’altro. Quando se lo ricorda, il signor Gilberto fa la spesa e cucina, paga le bollette, bada a che in casa non manchi nulla. La pensione del signor Gilberto basta appena perché i due ne possano vivere, e Alberto ricambia col suo affetto e calore

«El comunismo no pasará». La destra latinoamericana alla prova della pandemia

di Camillo Robertini

L'America Latina, da almeno sei anni a questa parte, vive uno dei periodi di maggiore incertezza dalla fine delle dittature militari degli anni Ottanta

22 frammenti di testo e immagini per una cronaca casuale

di

Filippo Polenchi (testo) e Andrea Biancalani (immagini)

Sono dieci anni che non lo vedo. Levi entra nell’ufficio. Sto scrivendo una lettera commerciale con un’offerta, da inviare via mail. Ho la giacca e la cravatta, i pantaloni neri comprati all’Oviesse che mi stringono al cavallo
davide orecchio
Vivo e lavoro a Roma. Libri: L'isola di Kalief (con Mara Cerri, Orecchio Acerbo 2021), Il regno dei fossili (il Saggiatore 2019), Mio padre la rivoluzione (minimum fax 2017. Premio Campiello-Selezione giuria dei Letterati 2018), Stati di grazia (il Saggiatore 2014), Città distrutte. Sei biografie infedeli (Gaffi 2012. Nuova edizione: il Saggiatore 2018. Premio SuperMondello e Mondello Opera Italiana 2012). Provo a leggere i testi inviati, e se mi piacciono li pubblico, ma non sono in grado di rispondere a tutti. Perciò, mi raccomando, non offendetevi. Del resto il mio giudizio, positivo o negativo che sia, è strettamente personale e assolutamente non professionale. Questo è il mio sito.