De crowdfunding 25 passi in file indiani

In occasione del suo prossimo evento pubblico, la Festa annuale che quest’anno si svolgerà il 28-29 Ottobre nella sede della ⇨ Mediateca Montanari di FANO (Pesaro Urbino), Nazione Indiana promuove un’operazione di crowdfunding, legata sia a necessità tecniche, sia alla volontà di assicurare una gestione migliore delle sue iniziative.
Dopo anni di attività gratuita e di autofinanziamento, su cui si è retta finora l’attività del sito, l’idea che ci è sembrata più apprezzabile si è concretizzata nell’ebook autoprodotto e autocostruito “25 passi in file indiani”, una selezione di testi degli attuali componenti della Redazione, scelti dallo sterminato archivio della rivista.
“25 passi in file indiani” è il tentativo di estrarre dal flusso quotidiano della forma blog la forma libro. L’ebook rispecchia le diverse anime e personalità di NI e i temi d’interesse dell’attuale Redazione.

In questo senso, “25 passi in file indiani” può essere definito come un’antologia estrema in ragione della grande varietà dei testi: se infatti nella tradizione letteraria un’antologia presuppone almeno un denominatore comune a livello di genere (poesia, racconti, critica ecc.), qui il tentativo è quello di riportare un tipo, o meglio un ritmo di discorso che non rientra nelle categorie canoniche o canonizzate. [ dall’Introduzione ]

Fin dall’inizio Nazione Indiana è stata un ambiente di dibattito libero, svolgendo una funzione di apertura, insieme ad altri blog amici, in un paese che in questi ultimi decenni è a continuo rischio di asfissia culturale. Con la sua attenzione quotidiana e costante, rivolta sia a nuove forme di scrittura letteraria, sia a pezzi d’intervento e di analisi critica della realtà sociale, con lo scouting incessante di nuovi autori e nuove voci, ha svolto il suo ruolo in modo autonomo e indipendente, in un continuo scambio fra redattori e lettori.

L’acquisto dell’ebook “25 passi in file indiani”, uno zip in formato epub, MOBI e PDF, in forma di libera sottoscrizione, ci consentirà di proseguire la nostra attività quotidiana e di organizzare al meglio le feste annuali e gli eventi collaterali di Nazione Indiana.

G R A Z I E!

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA!


IMPORTI CONSIGLIATI:

  • €3 (è il pensiero che conta)
  • €5 (Lettore)
  • €10 (Sostenitore)
  • €20 (Bravi! Bis!)
  • €50 (Super sostenitore)
  • €100 (Mecenate)


[ Una volta fatta la donazione, confermata via mail, si verrà indirizzati al download dei file di “25 passi in file indiani” ]

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Nazione Indiana compie 18 anni e cambia… veste

di Orsola Puecher
Nazione Indiana ha raggiunto la maggiore età e cambia veste grafica. Sono passati già 18 anni dal lontano 2003, anno della sua fondazione.

[1938-1940] ILIO BARONTINI “vice-imperatore” dell’Abissinia

di Orsola Puecher

In questo 25 aprile 2018, che ancora pervicacemente mi sento in dovere di “commemorare” contro il rigurgito di tutti i fascismi e razzismi, manifesti o striscianti che siano, nel raccontare l’avventurosa e straordinaria missione di sostegno alla resistenza etiope compiuta dal 1938 al 1940 da Ilio Barontini...

una rete di storie I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI


STORIE DI EMIGRAZIONE
di Andrea Inglese
Il migrante è senza dubbio una delle grandi e terrificanti figure del nostro tempo, lo è a tal punto grande (e terrificante) da evocare una quantità di immagini estremamente forti, perturbanti e spesso contraddittorie: il migrante è colui che annega, che non può essere salvato, che nessuno vuole sia salvato, ma il migrante è anche quello che viene salvato, agguantato per un soffio, strappato alla morte quasi esausto.

una rete di storie STORIE DEL TRAUMA DEL TERREMOTO


Storie del trauma del terremoto
di Renata Morresi
La catastrofe ha questo potere: di mostrare come la questione non è tanto quella della lotta ‘contro la natura’, ma della costituzione di una comunità consapevole. Quella, insieme alle case, da ricostruire. Ci siamo rimessi a pensare, a litigare, a discutere, ma con tutte le facoltà politiche atrofizzate, con tutte le decisioni affidate altrove. Abbiamo scoperto persino di amarli i posti, solo ora, dopo averli usati fino all’estenuazione. E che sia nessuna regola che la pletora di regole a poco valgono senza la fiducia. Che persino ad amarlo un posto dobbiamo reimparare.

una rete di storie CALUMET VOLTAIRE cabaret letterario


Cose mai viste (le riviste)
di Francesco Forlani
Ci saranno performance, musica improvvisata, reading, convivialità, conversations, preferendo questo termine, civile, a quello di dibattito generalmente stantio come l’acqua nelle caraffe posate sul tavolo dei relatori. Le feste di Nazione Indiana sono state e saranno questo. A Fano faremo come a Milano, Mesagne, Pistoia, Torino, Parigi, Fos’di Novo, Bolzano, dunque non mancate.

una rete di storie SCRIVERE LA STORIA


Scrivere storie di Storia
(letture e riflessioni)
di Giacomo Sartori
I confini tra i testi degli storici e le narrazioni dei romanzieri sono ora molto meno netti di quanto lo fossero in passato. Pur nelle nette differenze di metodo e di finalità, i contributi vicendevoli sono innegabili, e i territori in comune numerosi.