Ricordo di Melita Richter

Il 1° marzo 2019, a Trieste, è improvvisamente mancata Melita Richter, sorella di pensiero e di poesia. La Compagnia delle poete piange in coro la sua assenza con il lamento plurilingue generato dai suoi versi.

MELITA RICHTER

Il flauto

Flauta – A flauta – Το φλάουτο – La flauta – Flöjten – La flûte – Flautul – La flauta – The flute – Die Flöte – Flet

La canna recisa
piange
il suono sale lento
un uomo la stringe tra le labbra
s’avvolge di lamento

Trska zarezana
plače
zvuk se uzdiže polagano
čovjek je stisnuo između usana
zagrnuvši se jadikovkom

A cana cortada
chora
o som sobe lento
um homem a segura entre os lábios
enrolado em lamento

Ξεριζωμένο το καλάμι
Κλαίει
Ο ήχος ξεκινάει αργός
Κάποιος στα χείλη το κρατά
Σφιχτά
Τον αγκαλιάζει ο θρήνος

La caña partida
llora
el sonido sube lento
un hombre la aferra entre los labios
se envuelve de lamento

Den avskurna vassen
gråter
sakta stiger ljudet upp
en man griper den mellan läpparna
den omsluter sig in i jämmer

Le roseau coupé
pleure
le son monte lentement
un homme le serre entre ses lèvres
s’emmaillotant de sanglots

Trestia retezată
plânge
sunetul se ridică alene
un om o strânge intre buzele sale
invăluindu-se-n plans

La canya tallada
plora
el so s’enlaira lent
un home la manté entre els llavis
s’embolcalla de lamen

The cut reed
cries
the sound rises slowly
a man presses it between his lips
enfolded in lamentation

Geschnittenes Rohr
Tränen
Töne steigen langsam
jemand  hält es zwischen den Lippen
taucht ein in das Trauerlied

Laska cięta
płacze
dźwięk unosi się wolno
mężczyzna trzyma ją między ustami
owija się lamentem

——–

traduzioni di: Sarah Zuhra Lukanić, Vera Lúcia de Oliveira, Helene, Paraskeva, Francisca Paz Rojas, Candelaria Romero, Jacqueline Spaccini, Livia Bazu, Begonya Pozo, Brenda Porster, Barbara Pumhösel, Eva Taylor, Barbara Serdakowski.

Melita Richter (Zagabria 1947-Trieste 2019), sociologa e docente universitaria, è stata anche saggista e poeta. Ha collaborato a riviste specializzate e culturali in patria e all’estero. È autrice di diverse ricerche nell’ambito della sociologia urbana, delle questioni balcaniche, degli studi di genere e dell’immigrazione. Ha promosso le antologie dei testi di autori migranti a Trieste. È una delle fondatrici della Casa internazionale delle donne di Trieste. Ha fatto parte della SIL – Società italiana delle letterate e della Compagnia delle poete  (www.compagniadellepoete.com). Tra le numerose pubblicazioni come curatrice e autrice si ricordano l’antologia Libri migranti (Cosmo Iannone, 2015 ) e la raccolta poetica Alcune ragioni minime (Kolibris, 2018).

 

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La regina del fuoco

di Maria Gaia Belli
Molto molto tempo fa, quando il cielo era più alto della dorsale, la bambina Pauni viveva in un villaggio sulla montagna. Suo padre cacciava nei boschi per la lunga estate, portava a casa carne e pellicce in abbondanza.

Pietre da taglio

di Anna Franceschini
Il quartiere si dipana in cortili interni portoni d’entrata   numeri civici i fili da stendere senza fiducia corde antiche che non servono a nulla Con le amiche ci si nascondeva si andava un po’ fuori di casa erano deserti di persone Avevo un’amica senza colpa   e senza casa

La società degli uomini barbagianni

di Emanuele Kraushaar
Io sono A. Una volta ho chiesto a mia madre perché mi avesse chiamato così. Non ha detto niente ed è scoppiata a ridere. Ricordo la sua bocca che si apriva e i suoi denti bianchissimi.

Il Mondo è Queer. Festival dei Diritti

Il Mondo è bizzarro, imprevedibile, queer. Le sue stranezze ne costituiscono la ricchezza. Con queste iniziative vogliamo tenere vivo il dialogo sull’idea di persona, collettività e famiglia planetaria, promuovendo attenzione e consapevolezza verso questioni di genere, fragilità invisibili e il nostro rapporto con il pianeta in un momento critico degli equilibri conosciuti.

Morire, un anno dopo

di Rebecca Molea
Mi sono chiesta a lungo cosa sarebbe successo: come avrei reagito alla notizia – piangendo? con sollievo? –, come sarebbe stato il dopo – un senso di solitudine perpetua o, a un certo punto, un’abitudine? – e, sopra ogni altra cosa, che significato avrebbe avuto, per me, per noi, per tutti, la morte.

Reincarnazioni

Spalancò la porta di metallo sbatacchiandola senza riguardo; la lucetta della sauna che aureolava Samstag sembrava accecante vista dal fondo del corridoio angusto e buio; lo chiamano effetto Brocken: così che appena emerso dalla nuvola di vapore,
francesca matteonihttp://orso-polare.blogspot.com
Sono nata nel 1975. Curo laboratori di tarocchi intuitivi e poesia e racconto fiabe. Fra i miei libri di poesia: Artico (Crocetti 2005), Tam Lin e altre poesie (Transeuropa 2010), Acquabuia (Aragno 2014). Ho pubblicato un romanzo, Tutti gli altri (Tunué, 2014). Come ricercatrice in storia ho pubblicato questi libri: Il famiglio della strega. Sangue e stregoneria nell’Inghilterra moderna (Aras 2014) e, con il professor Owen Davies, Executing Magic in the Modern Era: Criminal Bodies and the Gallows in Popular Medicine (Palgrave, 2017). I miei ultimi libri sono il saggio Dal Matto al Mondo. Viaggio poetico nei tarocchi (effequ, 2019), il testo di poesia Libro di Hor con immagini di Ginevra Ballati (Vydia, 2019), e un mio saggio nel libro La scommessa psichedelica (Quodlibet 2020) a cura di Federico di Vita. Il mio ripostiglio si trova qui: http://orso-polare.blogspot.com/
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: