Progetto per una casa

[ Presentiamo il primo volume di Manufatti poetici, collana di libri a piccola tiratura dedicata alla scrittura poetica contemporanea. La collana è pubblicata da Zacinto Edizioni, marchio editoriale di Biblion Edizioni, e diretta da Paolo Giovannetti, Antonio Syxty, Michele Zaffarano.]
*
di Giulio Marzaioli
In primo luogo sarebbe opportuno possedere una casa. Quindi abbatterla, avendo cura di salvaguardare intatte alcune porzioni (pareti o elementi architettonici) in modo da poter sempre ricordare da dove siamo partiti. La presenza di elementi a contorno della casa (alberi, siepi ecc.) potrebbe risultare irrilevante.

*
Dovrebbero quantomeno potersi individuare gli spazi adibiti a ingresso, soggiorno, cucina, camera matrimoniale, cameretta dei bambini, bagno. Qualora la sorte sia propizia potranno inoltre configurarsi secondo bagno, studio, camera degli ospiti, sala hobby, terrazza, giardino, garage, rimessa. Non è del tutto certo, tuttavia, che la predetta suddivisione dei locali sia indispensabile per la configurazione di una casa. Comunque, occorre che in casa ci sia spazio per far avvicinare le persone.
*
⊕⊕
Alla porta di ingresso si accede da un gradino (in pietra o granito) dove i bambini possono sedersi ad aspettare, riposare, finire di mangiare un gelato, contare i pinoli o i sassi di piccole dimensioni raccolti lungo la strada, osservare i bambini più grandi che giocano a pallone nel cortile. In alcuni pomeriggi d’estate la casa si concentra tutta nel gradino, per coloro che scelgono la soglia come punto di equilibrio. Sarà bene curarne la levigatura perché i bambini non abbiano a ferirsi distrattamente.
Pietra.
Granito.
Gelato.
Pinoli.
Sassi.
*
La soglia è un punto in cui si può concentrare tutto il conflitto di un’esistenza e potrebbe bloccare a tempo indeterminato il movimento. Qualora non si disponga di un equilibrio sostenibile, sarebbe consigliabile non sostarvi. Non bisogna mai fare l’errore di sottovalutare una soglia.
*
Una volta sceso il gradino niente resterà come prima. Per questo attardarsi al di qua della soglia può essere considerato sintomo di saggezza.
Possono trovarsi sottilissimi gradini che quasi scompaiono alla vista. Il gradino si sottrae al cospetto del pianerottolo, negli edifici condominiali. In questo caso sarà impraticabile compiere le attività che solitamente ci possono occupare presso un gradino vero e proprio.
*
Del gradino si conserverà soltanto la possibilità di un ripensamento, nel momento in cui, varcata la soglia della porta di ingresso, questa non sarà stata ancora chiusa. Non potrà tuttavia riconoscersi il senso di onnipotenza e vertigine che offre il gradino, dovendosi comunque rassegnare a due superfici piane e parallele, fuori e dentro, anziché sopra e sotto, così come accade dovendo scendere da un gradino.
*
*

 

articoli correlati

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.

Intervista a Italo Testa su “Teoria delle rotonde”

di Laura Pugno e Italo Testa   Laura Pugno: Vuole una tesi forte che molta della migliore poesia italiana contemporanea –...

da “Somiglianze di famiglia”

di Matteo Pelliti   Essi   Essi, loro i pronomi della lontananza, della distanza, della genealogia, della progenitura, gli antenati, gli spettri evocabili, avi, trisavoli, siamo noi...

Due descrizioni di quadri

  di Andrea Inglese   Una carta moschicida dorata – certo che no – (potrebbe essere un’ocra, allora, a quest’ora, che lo guardiamo molto...

Corrosioni

di Arben Dedja    Lo stuzzicadenti   Ah sì lo stuzzicadenti me lo ricordo eravamo in quel tal ristorante i telegiornali tuonavano i giornali con titoli in...

Da “De la lang(ue)”

di Antonio Belfiore   Jadis, si je me souviens bien j’ai répété aussi: il corpo c’est une parfaite machine! Ma questa sporca poltiglia (chiamala soul...
andrea inglese
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.