Luigi Lo Cascio: «in ciascuno si annida un deserto»

 

«di dolcissimo odor mandi un profumo, che il deserto consola»

Giacomo Leopardi, La ginestra

 

Sul deserto di Luigi Lo Cascio è il nuovo titolo dei Cervi Volanti, la collana di scritture poetiche che curo insieme a Giuditta Chiaraluce all’interno del progetto Edizioni Volatili.

«Libri come laboratori, primi confronti, materie pensanti, montaggi e scavi attraverso la carta; libri senza profitto, in tiratura limitata, consegnati agli autori e alle autrici, che ne gestiscono liberamente il transito (esoeditoria); libri evidenti nella loro invisibilità, indirizzati a chi saprà ospitarne l’implicita consegna; libri con l’intento di essere vigilie per una geografia del dopo-diluvio.»

Pubblico qui alcune pagine. Le partiture visive sono di Giuditta Chiaraluce.
Il libro verrà presentato in anteprima a Roma, da Tic – Libri e cose fantastiche, il 21 dicembre 2022.
***

 

Qualcosa

sul deserto…

Si prende

un foglio

in mano

e ti ritrovi,

chissà come,

un fatto incerto,

qualcosa

che ti cova

in una piega:

in sé racchiusa

un’inflessione

antica.

Non lo sapevi ancora

ma covava un deserto.

Cova

in ciascuno

di noi

– e scava –

in una parte

mascherata d’acqua

e di false fontane

almeno un rettangolo,

ruvido e attivo,

un trapezio

di sabbia

o di roccia

a volte scarno

di presenze

a volte sparso

d’instancabili ginestre.

Senza eccezioni

in ciascuno

si annida

un deserto,

un silenzio

che prepara.

S’installa

nel petto

(talvolta

nel ventre),

inesorabile

all’istante,

s’incorpora

nascendo

(la prima boccata

– non ricordi? –

d’aria esterna

che ti sorprese

in gola

era un fiato

di scirocco

o d’altro vento

esotico

africano

e ti parlò

della volta celeste

-foss’anche

il neon

azzurro

di un soffitto-

e ti animò

di un respiro

lontano).

È sempre qui

il deserto

e attende

al varco.

Perciò

lo puoi

coi versi

provocare.

Se pure

capitasse

d’ignorarlo

o di dimenticarlo

in superficie,

lui c’è,

c’è

la sola cosa

che, levando

tutto il resto,

resta, sempre

se ne sta

sotto il suo sole

(eterno a mezzogiorno),

inquieto e presente

lo stesso,

macchiando

di rosso

e di altri inferni

la luna,

a mezzanotte.

 

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

CJ Leede: «questa è la mia storia, e voi non potete controllarla»

di Giorgiomaria Cornelio
Nel segno di Hermes e da un'idea di Tiziano Cancelli nasce Mercurio, casa editrice fondata insieme a Matteo Trevisani, Antonio Sunseri, Leonardo Ducros, Simone Caltabellota e Francesco Pedicini.

Carmelo Bene:«“togliere” Leopardi dalla sua poesia.»

di Andrea Balietti
12 Settembre 1987: Invitato dal comune di Recanati a recitare i Canti di Giacomo Leopardi in piena piazza, Carmelo Bene accetta di buon grado tuttavia col “rifiuto del portar la voce”, declinando cioè la recita, il recital, l’asciutta parte di “cantor vago”, con la premessa di dare corpo piuttosto che voce e vocalizzo ai versi del poeta.

Massimo Palma: «c’è un figlio di figli / di figli di schiavi»

  La conta di Massima Palma è il nuovo titolo dei Cervi Volanti, la collana di scritture poetiche che curo insieme a Giuditta Chiaraluce all’interno...

Madre di chi si gratta la crosta

  versi per Giovanna Marini, per chi ancora gratta sulla crosta delle cose, e continua a cantarla   Nella veglia, le Badesse...

Grido, non serenata. Poesie di lotta e di resistenza

Insistendo sull'urgenza di questo 25 aprile, ospito qui alcune poesie (Ángel González, Fayad Jamís,Bertolt Brecht), di lotta e di...

Peter Sloterdijk: Regole per il parco umano

  È in uscita per Tlon Edizioni Non siamo ancora stati salvati. Saggi dopo Heidegger di Peter Sloterdijk. Clonazione, scoperte geografiche...
Giorgiomaria Cornelio
Giorgiomaria Cornelio
Giorgiomaria Cornelio è nato a Macerata nel 1997. E’ poeta, regista, curatore del progetto “Edizioni volatili” e redattore di “Nazione indiana”. Ha co-diretto insieme a Lucamatteo Rossi la “Trilogia dei viandanti” (2016-2020), presentata in numerosi festival cinematografici e spazi espositivi. Suoi interventi sono apparsi su «L’indiscreto», «Doppiozero», «Antinomie», «Il Tascabile Treccani» e altri. Ha pubblicato "La consegna delle braci" (Luca Sossella editore, Premio Fondazione Primoli, Premio Bologna in Lettere) e "La specie storta" (Tlon edizioni, Premio Montano, Premio Gozzano Under 30). Ha preso parte al progetto “Civitonia” (NERO Editions). Per Argolibri, ha curato "La radice dell'inchiostro. Dialoghi sulla poesia". La traduzione di Moira Egan di alcune sue poesie scelte ha vinto la RaizissDe Palchi Fellowship della Academy of American Poets. È il direttore artistico della festa “I fumi della fornace”. È laureato al Trinity College di Dublino.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: