AAA Editore Cercasi

di
Federico Nervi
Buongiorno,
la facilità del mezzo (un indirizzo rubato al web, sempre se sia corretto) mi permette di importunarLa. Non ho alcun titolo per farlo, ed il fatto di seguire il Suo prezioso lavoro, così come l’esser disperato, non penso siano sufficienti. Nel dubbio, scrivo.

Vado alla questione: un anno fa completai un manoscritto piuttosto audace, pur conscio di che grande respiro, dono di linguaggio e proprietà di canto ci vogliano per la messa in crisi della forma romanzo. Lo lasciai lì quale terapeutica personale, senza cercare riscontro. Eppur la presenza di questo scritto nel cassetto mi tormentava, il cassetto rimbombava selvaggiamente, e se appena terminato mi pareva d’aver schiuso un orizzonte, l’averlo lasciato lì a macerare ha bloccato ulteriori derive. Per tacer questo assillo, per silenziarlo, l’ho inviato a qualche casa editrice. Non ho collezionato che sconcerti, rifiuti, silenzi, entusiasmi vuoti e generici, ancora silenzi, il pacchetto integrale delle delusioni. Uno solo m’ha risposto definendolo sperimentale ed eccessivo.

Ora questo indirizzo, piovuto dal caso e dalla sottile logica delle affinità, a cui m’aggrappo fiducioso in una risposta, in un briciolo d’attenzione per questa mia misera voce di nessuno.

Le chiedo: a chi in questo maledetto paese farlo leggere? Dove cercar riscontro? Un riscontro serio, concreto, affidabile: cinque righe, ma generose, anche severe, oneste, non ciclostilate. Editori? Redattori? Agenti? Professori di belle lettere in congedo? Non ne so nulla, vivo in una località sperduta, lontana da ogni centro culturale, sono ingenuo come un bambino. A chi far leggere uno strano romanzo il quale non ha saputo che tracciarsi nella marginalità?

È  una brutta bestia questo scritto. Richiede un grande sforzo per installarsi nel suo meccanismo. E poi magari rimane illeggibile comunque. Cerca pochi lettori, non ama i lettori. Vi è molta ricerca, ossessioni linguistiche, imbecillità alcoliche, carne, soprattutto carne e un’architettura psicotica. Che respingono e non hanno valore, ma vorrei saperlo da qualcuno di cui ho stima. Ho utilizzato varie tecniche per sabotare la struttura, ho costruito piani, non si digerisce, ma amo la letteratura e quindi ho nausea delle forme. Il linguaggio a tratti l’ho drogato, cantilenato, tartassato. Il corpo scrivente è a pezzi. Se funziona, funziona nella somma delle tirate. Se non funziona è per dissanguamento. Forse non è nemmeno un romanzo, ma il quadro clinico è delineato. Sono un fiammiferino che brucia facile, me ne scuso. Chiedo il pensiero d’una mente educata alla bellezza su quelle infami pagine, per liberarmene.
La prego, non voglio pesare oltre su di Lei, mi dia anche solo un indirizzo a cui mandarlo, ho il bisogno fisico d’un vero riscontro.
Estratto
locus solus : infanzia di Elisa
S’era nascosta in un punto dal quale poteva sentire tutto, anche se le voci, attutite, arrivavano a lei come sussurro. Scontate del senso, senza nemmeno la brutalità del tono, era una corrente di suoni indistinti, di sibili smozzicati, ai quali rimaneva solo un vago colore laringeo, che cadevano delicati, come cosa detta in prossimità del loro silenzio, già avviati alla sparizione. Con quel dir di nulla attestavano senza dubbio si potesse essere seppur rarefatti, esser da meno, essere a stento, pressoché non essere.
Ed in tal incerto l’espressione che credeva udire del dolore non distingueva dal piacere, riportando l’uno e l’altro all’intimo di quanto in loro indistinguibile, alla loro caducità. Sola reazione che credeva riconoscere era il riso, le risate giungevano infatti come veicolate da un’onda sonora di maggior breccia, soprattutto se in realtà erano singulti.
Non v’era suono tuttavia che coprisse il ritmo del suo battito, che spesso ragionava per fermare, saltare un colpo, visitando la morte, addestrandosi ad essa.
Venuto meno il suono delle parole, foss’anche riuscita a scordarle del tutto si sarebbe coricata senza fine in quella stanza, eppure al più ne sfiorava un allentamento, e nel buio pesto in cui giaceva sorgevano allora piccole salamandre di luce, pittogrammi delle parole che pensava di non voler pensare, nell’ostinazione della mente a pensare, raccolta com’era in grazia almeno d’un po’ di buio, che le si negava di continuo, di nuovo tutte le parole riversando sulla lingua nera.
da In caso d’incendio, di Federico Nervi
Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.

Les nouveaux réalistes: Pierangelo Consoli

di Pierangelo Consoli
Per questo, quando mia madre divenne Alberta, tramutandosi in qualcosa di più collettivo, io non soffrii tanti cambiamenti, almeno per quello che riguardava la gestione delle faccende, perché erano già molti anni che me ne occupavo. Usciva pochissimo, come ho detto, eppure il giorno dei morti restava, nel suo calendario, un rito al quale non poteva rinunciare.

Colonna (sonora) 2024

di Claudio Loi
15 album in rigoroso ordine alfabetico per ricordare il 2023 e affrontare le insidie del quotidiano con il piglio giusto. Perché la musica, quella giusta, è la migliore medicina che si possa trovare sul mercato. Buon ascolto!

Les nouveaux réalistes: Annalisa Lombardi

di Annalisa Lombardi
Per questa nuova puntata dei nouveaux réalistes, un polittico di esistenze minime perdute tra i massimi sistemi della vita e della storia. Come nei Racconti con colonna sonora di Sergio Atzeni, la voce dei personaggi è incisa sulla musica di fondo delle cose. (effeffe)

Cose da Paz

di Massimo Rizzante
Partiamo da qui: la poesia, l’arte in genere, non ama ripetersi. Ciò non significa che non possa ripetersi. Ecco la mia teoria: quando la poesia non si accorge che si sta ripetendo, la Storia inevitabilmente si ripete. Ciò se si crede, come io mi ostino a credere che, a differenza della poesia di Omero, nessuno studio storico potrà mai dirci qualcosa di essenziale su chi sono stati gli antichi Greci.

I poeti appartati: Enzo Campi

di Enzo Campi
Da quando lo conosco, da più di trent'anni, ho sempre percepito nella "manifattura creativa" di Enzo Campi, che si trattasse di teatro o di poesia, il tentativo di dialogo tra la mano che fabbrica e quella che pensa. La selezione di poesie tratte dalla sua silloge, Sequenze per cunei e cilindri  che il lettore di NI potrà leggere conforta, credo, quella mia percezione dell'origine. effeffe
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: