Giulia Bocchio: «ti venero come sangue sale e grano»

Testi inediti di Giulia Bocchio

 

II

Quanto tempo sarà passato davvero?

Le ombre sono cambiate, il preavviso è un tranello inascoltato

c’è sempre stata una certa pigrizia di mezzo

è un torto al mondo:

quel giorno  qualcuno uscì dall’acqua

per essere più di un batterio.

 

Qualcosa ribolle dal fondo di un fiume che sembra anonimo

si dice avesse il potere di addormentare le persone

infatti qualche secolo prima di oggi trovarono un uomo addormentato da giorni

lo pensarono morto

quando si svegliò era certo di aver mutato sangue,

si ferì per verificare: ne uscì del miele.

C’era un merlo lì: bevve dalla ferita.

Cambiò piumaggio. E cominciò a parlare.

 

Chiederemo a Midjourney di fargli un ritratto.

 

*

 

Per trovarlo dovrete percorrere un sentiero di ghiaia

il suono dei passi si fece friabile, infatti.

 

Cosa si chiede a un oracolo?

Non importa se non parlerà

anche il suo silenzio allude a qualcosa di vero.

 

È nato il giorno in cui piovvero spine

da allora non si contano più gli inverni

sappiamo solo che fece un sogno

l’unico della sua vita:

uno sciame di api gli invase le viscere entrando dal culo

per poi uscire dalla bocca.

Quando si svegliò

il suo sangue ormai era melassa, s’era trasformato in qualcosa

di molto vicino al miele.

Fu una rivelazione:

cominciò a predicare, a disconoscere il dovere e il lavoro

era la sua stessa pelle a dettare la via della ragione.

 

Per trovarlo dovrete abbandonare l’io

tornare al tempo precedente la nascita: non esistere

perché qui non esiste prima persona.

 

Divenne ciò che non troviamo oggi

e se questo è un bene oppure un male ce lo dirà un nuovo sogno.

 

Caen

 

C’era una festa molto sudata ai piedi del castello

parlavamo lingue ibride

lingue straniere senza aggettivi

per meglio andare al sodo, al nocciolo della visione.

 

L’erba era umida

non avevo nulla addosso

i piedi nudi,

la voglia di un tuo tocco umano

segno di ogni liberazione dall’ansia

dal futuro sonno meridiano

 

nel sangue scorreva il grado di qualcosa

asterisco per l’ipocondriaco

il sollievo per il sifilitico

l’indifferenza del vaccinato.

 

Sapevo che non ti avrei amato

più di quell’atmosfera

uscita dalla testa di un fratello Grimm

degna figlia di un aborto di Baba Jaga.

 

Un merlo color panna ci osservava inquieto:

era una festa o un sabba interiore

se al centro l’essenza di chi non era ancora arrivato

danzava con lo spirito di chi non sarebbe mai venuto?

 

*

 

Ti venero come sangue sale e grano

che verbo inutile stantio marciforme

furono le sue uniche parole davanti a un fiume in secca.

È quel sentiero di ghiaia

che avrebbe dovuto condurci all’oracolo, all’unica risposta

alla non esistenza dell’essere e del tempo.

 

Per raggiungerlo abbiamo bevuto il nostro piscio

ingoiato terra cruda in nome di un sogno solarpunk

Le sue parole potrebbero essere lontane dal vero, ma utili.

 

Tutto prende fuoco

è il precipizio della fine

i ricordi ricompongono spettri che non abbiamo sepolto

non ho voglia di sentire il loro alito

per salvarci dovremo immaginarci nel Medioevo;

non so cosa avremmo venerato laggiù

di sicuro molto sangue e poco grano.

 

Tutto quello che esce dalla sua bocca viene dal basso e si trasforma.

Sembra sapere che saremo venti miliardi

sa che non esiste rimpianto prima di nascere

manca poco,

manca l’acqua,

manca l’aria

in tutto questo mi resta di umano una vena serpentesca

una safena gonfia che si avvinghia alla caviglia e sale

mi annoda all’ego

L’unico da abbandonare

mi lega alle ossessioni

il dolore non ha perso il vizio.

 

Uno sciame di api che abbiamo già incontrato fa ritorno dal sogno

oscura l’unica porzione di cielo che riusciamo a vedere:

venti miliardi…

 

Quel giorno piovvero spine.

***

 

Giulia Bocchio è scrittrice e giornalista. In poesia ha pubblicato le raccolte Harmattan Poetico (Ass. Talento) e Il vento del vanto (Genesi). Nel 2016 esce il saggio L’Olimpo nero del sentire (Marsilio) e nel 2020 il romanzo La febbre dell’io (Il Ponte Vecchio). È direttrice editoriale di Poetarum Silva. Suoi articoli sono usciti su minima e moralia, Il Fatto Quotidiano, Vernice e altre riviste e blog online. Scrive per Il Piccolo.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Contro il Tempo. La tradizione di Zolla e l’enigma dei nostri giorni

di Ludovico Cantisani I.   Thomas Alexander Harrison, Solitudine, 1893, olio su tela, cm 105×171, Musée d’Orsay, Parigi Fuori dal Tempo. È a...

Con sale di rabbia

  «O la resurrezione delle stelle, o la morte universale!» Auguste Blanqui,  L'eternità viene dagli astri   Parla l'Asino:   «Oggi che la pace è...

Il fraintendimento del reale

Il fraintendimento del reale, tra pressapochismo e mancata autocritica: l’anteprima del numero 4 (anno III) del semestrale “Laboratori critici”,...

Maurizio Salabelle: «da quando sono nato»

di Elena Frontaloni Patrizio Rhuggi nasce otto giorni dopo un dissesto finanziario della sua famiglia (perdita di duemilioni) e sin...

Da poeta a traduttore: la memoria vivificante di Seamus Heaney

  Di Matteo Bianchi Seamus Heaney fu affine a Giovanni Pascoli ancora prima di conoscerne l’opera. A testimoniarlo con una sinestesia...

Silvia Calderoni: un dente strappato come il ricordo

  Un dente strappato come il ricordo; tutto si tiene, tutto traballa: «nonostante che le persone e i luoghi citati...
Giorgiomaria Cornelio
Giorgiomaria Cornelio
Giorgiomaria Cornelio è nato a Macerata nel 1997. E’ poeta, regista, curatore del progetto “Edizioni volatili” e redattore di “Nazione indiana”. Ha co-diretto insieme a Lucamatteo Rossi la “Trilogia dei viandanti” (2016-2020), presentata in numerosi festival cinematografici e spazi espositivi. Suoi interventi sono apparsi su «L’indiscreto», «Doppiozero», «Antinomie», «Il Tascabile Treccani» e altri. Ha pubblicato "La consegna delle braci" (Luca Sossella editore, Premio Fondazione Primoli, Premio Bologna in Lettere) e "La specie storta" (Tlon edizioni, Premio Montano, Premio Gozzano Under 30). Ha preso parte al progetto “Civitonia” (NERO Editions). Per Argolibri, ha curato "La radice dell'inchiostro. Dialoghi sulla poesia". La traduzione di Moira Egan di alcune sue poesie scelte ha vinto la RaizissDe Palchi Fellowship della Academy of American Poets. È il direttore artistico della festa “I fumi della fornace”. È laureato al Trinity College di Dublino.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: