Parliamone.doc

22 aprile 2003
Pubblicato da

di Aldo Nove

Non so se è meglio farmi seghe o scrivere
Poesie. In entrambi i casi sto seduto
Davanti al mio computer Omnibook
Xe3 Hp e in entrambi i casi
Non è che cambio il corso della storia.

Ad essere sincero se mi faccio
Le seghe sul momento sono più
Contento ma nessuno poi mi viene
A dire bravo ma che bella sega
Che ti sei fatto. Invece (ed è per questo
Che si scrive poesia) se a un certo punto
Tiro su le mutande, chiudo i siti
Porno e mi indigno contro questa guerra
Sparandomi una raffica di versi
(Solitamente uso endecasillabi),
Aspetto che c’è una lettura e leggo,
Voi che ascoltate dite oh sì com’è
Indignato contro la guerra ed io
Lo avverto che voi siete dalla mia
Parte e apprezzate come sono bravo
A esprimermi con questi endecasillabili.
Diciamo che il poeta è un segaiolo
Deviato e voi soltanto dei guardoni,
Però non è così. Non c’è “voi” ma
Soltanto “noi,” perché il pubblico della
Poesia è costituito solo dai
Poeti e dalle gentili poetesse
Che si ascoltano a vicenda attendendo
Di eiaculare i propri enjambements
Addosso agli altri. No, non è così.
Ho esagerato. Quello che pensavo
E’ altro. Quello che io credo è che
Con la poesia si manifesta Dio,
Si fermano le guerre, si migliora
La qualità dell’esistenza a Baghdad,
Diciamocelo, questa sera, amici,
Parliamone, scambiamoci le e-mail.

Tag: ,



indiani