Articolo precedenteLe scimmie… (15)
Articolo successivoLe scimmie… (17)

Le scimmie… (16)

di Dario Voltolini

sotto la linea del tetto
delle lastre di pietra del cornicione screpolato
qualcuno cominciava a correre di fretta
altri dinoccolati manager vincenti leader
di stagioni politico-aziendali decotte
strafatte strapiene straziate
ostentando indifferenza a mazzi
e gli sconchiati
ritardando il rientro serale
per non salire subito
nell’alloggetto dirimpetto all’olmo che con i rami
strafalciava la luce alla finestra
la luce del lampione dondolante
nel buio non molto profondo dei viali
eravamo ovviamente animali non si sa
cosa cercassimo davvero in quei bidoni
di provenienza multinazionale
forse qualcosa che togliesse la forma residuale
dell’ultimo nostro pensiero razionale
la facesse stingere come un colore
lavato male
chi lo sa
e per fortuna la tenaglia della noia scattava alla gola
ma non fu così per tutti
e se ne vedono in giro ancora oggi
di quelli che si erano fatti infine gabbare
mi sembrano parenti di quelli
che per diffidenza ancestrale
se ne stavano alla larga in generale
e nella strada che non finiva mai
ciondolavano in un vero metro quadro
mica sono loro quelli giusti
non vorrei che si riuscisse a fraintendere
era giusta la curiosità come la noia
tic tac
con orgiastica
controcantica
masturbandosi sul fieno
se ne stava per ore in silenzio
seduta e concentrata
muovendo
pareva
solo le mani
anzi solo ogni tanto qualche dito
là in punta
sul grembo
poi infine si alzava soddisfatta
avendo sciolto anche stavolta
un complicatissimo
nodo
pesce persico olistico temolo
gli estranei
vedendo questo mio stato penoso
sosteranno un poco al mio capezzale?
nemmeno posso dire di sentire male

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Nella città più fredda, di Elisa Davoglio

Ho in mano un libro sul collasso del clima, sul crollo di un mondo personale, sullo straniamento emergenziale, sull'alienazione da conformismo, sulla scrittura? Prose in prosa dell'apocalisse? Cosa è accaduto alla città morbida, al suo tepore?

ALICE VENTURA morta il 5.3.1945 a Ravensbrück “… per il suo ideale partigiano“

di Orsola Puecher
... è una storia piccola, di un piccolo eroismo, un piccolo gesto di normale umana solidarietà, che la portò a esaurire al Campo di Concentramento di Ravensbrück i giorni di una vita bellissima e inconsueta.

L’Anno del Fuoco Segreto: L’Ombelico dell’Arno

La descrizione del progetto L’Anno del Fuoco Segreto, si può leggere QUI. di Andrea Zandomeneghi Conoscevo crackomani che si preoccupavano (seriamente) per la mia...

Da “solchi”

di Jacopo Mecca
Alcuni testi tratti dalla plaquette d'esordio "solchi" (Fallone editore, 2021).

Fotoromanzo urbano

di Gianni Biondillo
Il racconto di un piccolo desiderio, forse un po' puerile, nato dopo aver visto e ammirato le bellissime fotografie di Sofia Mangini.

Quella violenza non la dimenticheremo mai – Peter Genito

di Peter Genito
Timore, paura, terrore. Ma siamo sicuri che la nostra paura sia del virus? Siamo sicuri che sia stato così sin dall'inizio? E non di chi, in quel momento e ora, comandava e comanda il gioco?
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: