Articolo precedenteLe scimmie… (38)
Articolo successivoLe scimmie… (40)

Le scimmie… (39)

di Dario Voltolini

in certe valli non lontane
di gente così se ne trova quanta se ne vuole
in ogni caso
Fukkomukko
con tutte le sue storie
che è bene fare in modo
che se ne restino il più possibile
lì all’interno del mondo fukkomukkiano
un ambiente isolato è più adeguato
in questo tipo di esercizi di finzione
ma veniamo alla popolazione
sentite questa storiella
poi mi direte
dunque c’era una ragazza
che lavorava in un ufficio

sull’altopiano di Fukkomukko
un giorno questa ragazza
parlando con un suo nuovo collega
gli disse
vuoi andare da un benzinaio veramente onesto?
e il collega rispose

la ragazza allora disse
vai dal mio benzinaio
è onestissimo
pensa che l’altro giorno sono andata a fare il pieno
e lui mi ha fatto pagare molto meno del solito
e allora io gli ho chiesto
cosa fai?
e lui mi ha fatto l’occhiolino
e mi ha detto
che avrebbe arrotondato la cifra col cliente successivo
cioè avrebbe caricato lo sconto fatto a me sulla groppa di quello
che sarebbe arrivato dopo
non ti sembra onestissimo?
te lo consiglio
vacci
e il collega allora le fece notare che non poteva essere veramente chiamato
onesto
quel benzinaio
insomma era evidente che no
no?
ma la ragazza guardava il collega che faceva le sue osservazioni
lo passava ai raggi-x del suo sguardo
e mentre lo squadrava e quello parlava
la ragazza prendeva in faccia una smorfia di disgusto
disgusto per la stupidità che il suo nuovo collega dimostrava
commentando in quel modo deficiente
la questione del benzinaio
ma come?
e lei che addirittura glielo aveva consigliato?
ora non veniva nemmeno ringraziata?
la ragazza non aspettò nemmeno che il suo collega finisse di parlare
e si rimise a lavorare

Print Friendly, PDF & Email

10 Commenti

  1. I

    Perchè tu ti dici poeta?
    Tu non sei un poeta.
    Tu non sei che un piccolo fanciullo stracciapalle.
    Vedi: non hai che du’palle da offrire al Silenzio.
    Perchè tu ti dici: poeta?

    [da “Desolazione del povero poeta sentimentale”]

  2. A Voltolì, tempo fa te scrissi che avevi sfrantumato i tre quarti, ora te dico ch’hai sfrantumato i sette ottavi de ste para de coioni!!!
    A ripigliate!

  3. Verrà un giorno che diremo:
    “ti ricordi di Nazione Indiana?”
    “Gesù, quanti anni….”
    “Ci fu quella volta di Scarpa che litigò con i blogger…”
    “Ah già, e poi quella di quel tipo col nome tedesco che pigliava in giro la Mazzantini…”
    “Che risate.”
    “E di Voltolini? Te lo ricordi Voltolini?”
    “Quello delle scimmie? Come faccio a dimenticarmelo…”
    “Povero Voltolini, non faceva male a nessuno.”
    “Lo odiavano tutti.”
    “Era una brava persona, c’era poca tolleranza da quelle parti.”
    “Già. poveretto… perché lo abbiamo impiccato e poi abbiamo mangiato il suo cuore?”
    “Perché rompeva le palle!”
    “Ti sembra una ragione sufficiente?”

  4. Metti che a Voltolini venga in mente di pubblicare su Naz.Ind., a pluri-puntate quotidiane, una sua riscrittura della Bibbia, pensi che la webzine ne guadagnerebbe in vivacità?
    Secondo me si addormenterebbe anche il gatto della Lambocconi.
    A questo punto il buon Dario farebbe meglio ad aprirsi un sito ad hoc tutto suo e ficcarci il malloppone per intero in una volta sola.
    La puntata di oggi, peraltro, con la storia del benzinaio onesto/disonesto, mi pare abbastanza melensa:-/

  5. ‘Sta storia di scimmie & polemiche mi fa schiantare, gente… grande il redivivo Corazzini, assolutamente grande. Ora voglio stare a vedere dove andrete a parare. Saluti. Scimmieschi.

  6. corazzini? ma chi è? perchè nun se parla der corazziere? so piccoletto ma come diceva giuditta saltarini, rendo…

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

LIGURIA MON AMOUR

di Dario Voltolini (illustrazioni di Marco D'Aponte e adattamento di Andrea B. Nardi; da un romanzo di Marino Magliani) È...

Berenice e il tabù

di Dario Voltolini (Sempre perseguendo l'intento di far conoscere ai nostri lettori qualcosa della storia più significativa di Nazione Indiana,...

Lo “Shōbōgenzō” di Sergio Oriani disponibile online

, titolo sotto cui sono comunemente raccolti molti scritti di Dōgen (1200-1253). Su richiesta dell'amico Dario riposto qui quell'intervista,...

Su Pacific Palisades, dal libro alla scena

di Mario De Santis Avevo letto Pacific Palisades prima di vederne la mise en scene fatta con la regia e...

“Pacific Palisades”. Un testo al confine

di Stiliana Milkova Pacific Palisades, il nuovo libro di Dario Voltolini, è appena uscito da Einaudi. Pacific Palisades racconta una...

waybackmachine#03 Roberto Saviano “Su Gustaw Herling”

3 marzo 2008
ROBERTO SAVIANO ”Su Gustaw Herling”

In un unico amarissimo sorso, dovrebbe essere bevuto Un mondo a parte di Gustaw Herling che riappare presso Feltrinelli in edizione economica. Leggere tutto in una volta, subendo un pugno nelle viscere, uno schiaffo in pieno volto, sentendo la dignità squarciata, la paura di poter crollare prima o poi nello stesso girone infernale descritto nelle pagine.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: