Articolo precedenteLe scimmie… (48)
Articolo successivoQuando l’inconscio è reazionario

Le scimmie… (49)

di Dario Voltolini

e ora dondola eccola che dondola per via del refolo di vento
tiepido che arriva dalle parti della strada
là dove c’è il ciliegio e dove i meli di notte osservano
le macchie scure andare venire
in cerca di cibo
sul terreno
appena appeso il ricevitore ti vengono in mente le cose che avevi
da dire all’amico che conosce molto della situazione a te ignota
che è stato nei posti e parla la lingua
e ha visto e conosciuto almeno qualcuno di quella gente
ma il vento è tiepido
e c’è un’obiezione da fare
qui
perché per dire che il vento negli alberi
fa quell’unico rumore che si vorrebbe udire
nel posto in cui si è venuti a abitare
bisogna essersi dimenticati
il mare
la bottiglia è sul tavolo
il bicchiere riflette un raggio
il lino della tovaglia
fa una piega all’angolo
e una brezza la muove
il pane è nel cesto
anche il fiasco è sul tavolo
il piatto è bianco
il coltello ha il manico di legno
la forchetta ha quattro rebbi
il cucchiaio riflette un raggio
la finestra è aperta
si vedono le montagne
dietro le montagne c’è un lago
l’acqua è fredda
nell’acqua c’è un’alga
sembra che il lago sia rosso
è per via dell’alga
un fenomeno che non si vede mica sempre
attorno al lago altre montagne
sulle vette c’è la neve
dall’aereo i laghi sembrano tutti neri
l’aereo atterra con un sobbalzo
la donna con il bagaglio a mano esce dalla porta automatica
un uomo la sta aspettando
si abbracciano e poi escono
salgono in macchina

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Sì, va bene, tutto quello che vuoi, ma il senso dell’operazione mi sfugge. e come a me, sfugge a un sacco di gente. I commenti sono ridicolmente o a favore – ma senza nerbo – o contro. E chi se ne frega? Qual è il merito della questione, non si sa. Nessuno lo tira fuori. Lucio dice che Voltolini gli è simpatico, ma che è meglio lasciar perdere. L’altro dice che invece va bene. io dico che non va bene. Mi ci metto in mezzo anche io: di cosa stiamo parlando? Boh. Poi si tirano fuori robe del tipo che il blog è un servizio oppure non lo è. Ma chi se ne frega dinovo! Tutta ‘sta cosa di parlare a vuoto, io non so…

  2. Io sono felice di non essere antipatico a Lucio, poiché Lucio non è antipatico a me, tutt’altro. Mi chiedo invece che rapporto abbia questo “tergo” con tutti noi che parliamo qui dentro. Chi sei, cuccuma niet, cosa è che vuoi?

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

LIGURIA MON AMOUR

di Dario Voltolini (illustrazioni di Marco D'Aponte e adattamento di Andrea B. Nardi; da un romanzo di Marino Magliani) È...

Berenice e il tabù

di Dario Voltolini (Sempre perseguendo l'intento di far conoscere ai nostri lettori qualcosa della storia più significativa di Nazione Indiana,...

Lo “Shōbōgenzō” di Sergio Oriani disponibile online

, titolo sotto cui sono comunemente raccolti molti scritti di Dōgen (1200-1253). Su richiesta dell'amico Dario riposto qui quell'intervista,...

Su Pacific Palisades, dal libro alla scena

di Mario De Santis Avevo letto Pacific Palisades prima di vederne la mise en scene fatta con la regia e...

“Pacific Palisades”. Un testo al confine

di Stiliana Milkova Pacific Palisades, il nuovo libro di Dario Voltolini, è appena uscito da Einaudi. Pacific Palisades racconta una...

waybackmachine#03 Roberto Saviano “Su Gustaw Herling”

3 marzo 2008
ROBERTO SAVIANO ”Su Gustaw Herling”

In un unico amarissimo sorso, dovrebbe essere bevuto Un mondo a parte di Gustaw Herling che riappare presso Feltrinelli in edizione economica. Leggere tutto in una volta, subendo un pugno nelle viscere, uno schiaffo in pieno volto, sentendo la dignità squarciata, la paura di poter crollare prima o poi nello stesso girone infernale descritto nelle pagine.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: