Articolo precedenteMore Moore (tu chiamale, se vuoi…)
Articolo successivoRaccontare i luoghi

Rithy Panh al Cinema Gnomo

Mercoledì inizia la retrospettiva di filmmaker, quest’anno dedicata a Rithy Panh, l’autore di S21, uno dei più scovolgenti film degli ultimi anni.
Di seguito il programma. Panh venerdi pomeriggio terrà un seminario.

FILMMAKER
presenta

Rithy Panh, la memoria ostinata,
Cinema Gnomo, via Lanzone 30/A
Milano.
25-28 novembre 2004.

“Per me il cinema è testimonianza. Un lavoro fondato sull’ascolto, inquadrato all’altezza di ogni individuo. Non una risposta o una dimostrazione, ma un modo per porre delle domande.” Così Rithy Panh, nato nel 1964 a Phnom Penh, in Cambogia, descrive il suo lavoro di scavo nella storia recente del suo paese. Un’operazione dolorosa e necessaria affondata nell’esperienza personale del regista, che giovanissimo subì i rigori della dittatura sanguinaria dei Khmer Rossi e che oggi offre il suo contributo di verità e di passione alla ricostruzione del suo paese.

PROIEZIONE SPECIALE al Centro Culturale Francese di Corso Magenta 63 Milano

Mercoledì 24 novembre
Ore 20.00 inaugurazione della retrospettiva “Rithy Panh, la memoria ostinata” – Incontro con James Burnet, collaboratore di Rithy Panh in Cambogia

S21. La machine de mort Khmere Rouge (La macchina della morte dei khmer rossi, Fr/Camb 2002, col. 105′)

Fra il 1975 e il 1979, nel campo S 21 i Khmer Rossi hanno ucciso più di 15.000 uomini, dopo aver cercato di azzerarne ogni tratto di umanità. Rithy Panh porta la sua macchina da presa dentro la struttura ormai smobilitata e mette a confronto alcuni sopravvissuti con gli antichi carcerieri. Un film che riesce a guardare in faccia all’orrore.

Giovedì 25 novembre
Ore 18.30 Site 2. Aux abords des frontières (Sito 2. Nei dintorni delle frontiere, Germ/Camb1989, 90′, col.) video

Ore 20.30 Souleymane Cissé (Fr/Camb 1992, 53′, col.) video

Ore 22.00 Les gens de la riziere (Gente della risaia) (Fr/Camb 1993-94, 130′, col.)

Venerdì 26 novembre

Ore 15.00 – 19.00 Workshop con Rithy Panh

(Iscrizione obbligatoria 10 euro)

Venerdi 26 novembre

ore 20.00 I FILM DELL’ATELIER VARAN-CAMBODGE:

Ary est partie a la ville (Ary è partita per la città) di Dy Sethy (Cambogia 1994-95, 20′, col.) video

J’ai quitté la guerre (Ho abbandonato la guerra) di Prôm Mésar (Cambogia 1994-95, 26′, col.) video

Moi une fille comme les autres (Io, una ragazza come le altre) di Cheeng Savanna (Cambogia 1994-95, 30′, col.) video

Thnoat chroum di Roeun Narith (Cambogia 1994-95, 23′, col.) video

ore 22.00 Lumières sur un massacre – 10 films contre 110 000 000 de Mines (Luci su un massacro – 10 film contro 100 milioni di mine antiuomo) (Fr 1997, 5′, col.)

Bophana, une tragédie cambodgienne (Bophana, una tragedia cambogiana, Fr/Camb 1996, 60′, col.) video

Sabato 27 novembre

Ore 16.00 Un soir après la guerre (Una sera dopo la guerra, Fr/Ch/Be/Camb 1996-97, 105′, col.)

Ore 18.00 La Terre des âmes errantes (La terra delle anime erranti, Fr/Camb 2000, 100′, col.) video

Ore 20.00 Que la barque se brise, que la jonque s’entrouve (La barca si rompa, la giunca si spacchi, Fr/Camb 2000, 87′, col.) video
Ore 22.00 S21. La machine de mort Khmere Rouge (Fr/Camb 2002, 105′, col.)

Domenica 28 novembre

Ore 16.00 Les gens d’Angkor (Fr/Camb 2003, 90′. col.) video

Ore 18.00 Bophana, une tragédie cambodgienne – replica

Ore 20.30 S21. La machine de mort Khmere Rouge – replica

Ore 22.00 Un soir après la guerre – replica

Tutti i film sono in lingua originale con sottotitoli in italiano.

Proiezioni presso Cinema Gnomo

Via Lanzone 30/A – 20123 Milano

Tel 02.804125

Biglietto 4,1 euro

INFO: Filmmaker

Via Aosta 2/c – 20155 Milano

T +39.02.3313411 – Mob +39.335.6641795 – e-mail fmkmi@tiscali.it

www.filmmakerfest.org

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Riserva naturale dell’assenza

di Dario D’Amato
Un giorno d’estate, ad agosto a Roma, ho fatto questa cosa morettiana. Ho preso lo scooter e ho cominciato a documentare con foto e riprese video tutti i cinema chiusi

Essere madre e figlia insieme. Su “Petite maman” di Céline Sciamma

di Ornella Tajani
Ho fantasticato varie volte di conoscere mia madre da bambina, di poterla incontrare al di fuori dello schema madre-figlia, in una cornice di parità [...] Così, quando diversi mesi fa ho saputo del film Petite maman di Céline Sciamma (2021), ho pensato che volevo assolutamente vederlo

Ariaferma

Elisabetta Bucciarelli intervista Leonardo Di Costanzo
Ariaferma è un lungometraggio uscito nelle sale alla fine del 2021. Parla di carcere, di rapporti umani, di cambiamento profondo, di empatia, punizione e controllo. Elisabetta Bucciarelli ne parla con il regista Leonardo Di Costanzo.

Dopo il contagio

di Alberto Brodesco
Entrare in un cinema, salire in cabina di proiezione, far partire Woodstock, sedersi in poltrona e guardare il film da unico spettatore in sala.

Le architetture del desiderio nel cinema di Céline Sciamma

di Ilaria A. De Pascalis
Il nome di Céline Sciamma si è imposto da diversi anni come imprescindibile nei discorsi relativi al cinema europeo

Il Desiderio che combatte il Moralismo: Bad luck banging or loony porn di Radu Jude

di Daniele Ruini
Vincitore dell’Orso d’oro all’ultimo Festival di Berlino, Bad luck banging or loony porn ha il merito di pungolare con sarcastica lucidità alcuni nervi scoperti delle odierne società globalizzate e iperconnesse.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: