Articolo precedenteStorie di ordinaria ipocrisia
Articolo successivoLa menzogna di Manganelli

Storie di classe

di Antonio Sparzani

Prima storia.

Quando per la prima volta, nella terza classe della scuola elementare ‘Euclide’, l’insegnante mostra ‘ufficialmente’ un triangolo, lo disegna sulla lavagna e dice “questo è un triangolo”. Allora tutti gli allievi copiano il disegno sul loro quaderno e pensano di aver copiato lì, e quindi di avere sotto i propri occhi “il triangolo disegnato alla lavagna”. Non stanno certo a porsi il problema se sia ‘lo stesso triangolo’ in un qualche più sottile senso. Tutti e ventidue i bambini della classe fanno questo e si hanno così complessivamente ventitré triangoli disegnati nella classe.

L’insegnante presumibilmente prosegue elencando alcune proprietà elementari del triangolo, per esempio che ha tre angoli interni la somma delle cui misure è 180 gradi, che ogni lato è minore della somma degli altri due e maggiore della loro differenza e simili. Ogni allievo/a cerca di comprendere, sia guardando la figura alla lavagne, sia – indifferentemente – guardando quella che ha copiato sul proprio quaderno, il significato delle proposizioni enunciate.

E tutto questo è naturale e normale. Se però l’insegnante cominciasse ad elencare, tra le proprietà del triangolo disegnato alla lavagna, il fatto che il vertice A del triangolo disti 1,40 m da un certo angolo della cattedra, o che ogni lato del triangolo abbia consumato 1 mm di lun-ghezza del gesso usato per tracciarlo, gli allievi comincerebbero a preoccuparsi di guardare soltanto il triangolo disegnato sulla lavagna, perché le proprietà di questo secondo tipo non sarebbero più vere per i triangoli disegnati sui rispettivi quaderni.

L’insegnante certo si guarda bene dal proporre proprietà di questo secondo tipo e tutto fila liscio e tranquillo. Ogni allievo si abitua a pensare che le proprietà interessanti, quelle cui val la pena di dedicare attenzione, sono quelle del primo tipo, e che dunque il triangolo disegnato sulla lavagna, in un punto o l’altro di questa non importa, e il triangolo disegnato sul quaderno, sono – in una qualche non ancora ben capita buona sostanza – lo stesso triangolo.

Questa procedura era ovvia e comune tanto ai tempi di Aristotele quanto lo è ai giorni nostri. Essa è naturalmente confortata dalla circostanza che di fatto, se ciascun allievo esegue dei controlli e delle misure sul proprio triangolo, constata la validità delle affermazioni enunciate dall’insegnante, e vien fatto di interrogarsi su cosa accadrebbe se così non fosse, se cioè, ad esempio, a seconda del banco su cui si trovi il quaderno, la somma degli angoli interni risultasse 185, 173, 206 o 168 gradi. Se così fosse normalmente, nessuno probabilmente si stupirebbe e quella proprietà non sarebbe tra quelle che l’insegnante proporrebbe come interessanti.

Questa storia dovrebbe suggerirci i seguenti fatti:

i. ci sono proprietà delle figure geometriche che vengono considerate proprietà delle figure tout-court, indipendenti da dove si trovino e da come siano orientate le figure. Chiamiamole proprietà di categoria A.

ii ci sono poi proprietà delle figure, chiamiamole di categoria B, che dipendono fortemente da altri fatti, ad esempio da dove le figure sono situate.

*****************************************************************

La Gilda, mentre pregava Iddio, divorava col guardo un giovane bello e fatale. E ciò tutte le feste, al tempio. Quel giovine, ch’era un duca, in un primo atto l’amò, in un secondo la piantò.
Questa favoletta ne susurra: che il fare un pasticcio di Dio e del giovane bello e fatale è operazione priva di rigore logico.

[Carlo Emilio Gadda, favoletta 95 da il primo libro delle favole]

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

armi, armi, armi

di Antonio Sparzani
Nell’anno 1990, presidente del Consiglio il divo Giulio (Andreotti), ministro di grazia e giustizia Giuliano Vassalli, socialista, fu approvata un’ottima legge, n° 185, sul controllo da parte dello stato della vendita di armi a paesi terzi. L’articolo 1 di tale legge riguarda il controllo dello Stato e i suoi punti 5 e 6 suonano così: 5. L'esportazione ed il transito di materiali di armamento, nonché la cessione delle relative licenze di produzione, sono vietati quando

Come continua il fascismo: il primo dopoguerra

di Antonio Sparzani
Franco Ferraresi era mio grande amico, direi intimo amico, della fanciullezza e dell’adolescenza. Nella molto remota ipotesi che qualcuno ricordi una piccola serie di post che pubblicai su questo blog una dozzina di anni fa e che aveva un titolo comune “Le storie di Fiorino”, Franco era l’Ernesto di queste storie...

“Funzione” è più facile di “formula”, meno spavento, però . . .

di Antonio Sparzani
Esplorando le parole che stanno alla base della matematica (e anche alla base delle scienze che ne dipendono fortemente, quali ad esempio la fisica), affrontiamo un'altra parola chiave, la parola funzione: come si è formata quell’idea di funzione che...

Una formula matematica? Che spavento!

di Antonio Sparzani
Voi cosa pensate quando vedete scritta sulla carta una formula matematica? Il primo pensiero andrà forse a ricordi di scuola, complicazioni, cose per specialisti, scritture criptiche inventate per comunicare dei segreti che non si vuole diventino troppo condivisi...

Perché Erwin Schrödinger torna all’antica Grecia

di Antonio Sparzani
Nel 1996 la Cambridge University Press pubblica per la prima volta, riuniti in un unico volume, due scritti di Erwin Schrödinger (Vienna 1887-1961), Nature and the Greeks, pubblicato la prima volta nel 1954 e l’altro, Science and Humanism, pubblicato già nel 1951. Io comprai questa edizione della CUP una ventina di anni fa,

Amor, ch’a nullo amato amar perdona

di Antonio Sparzani
Quando trovo un libro che mi piace molto, il mio istinto di rozzo e incapace recensore sarebbe di gridare semplicemente: “lasciate cadere quello che avete in mano e correte subito a comprare il libro tale e leggetelo tutto d’un fiato”.
antonio sparzani
Antonio Sparzani, vicentino di nascita, nato durante la guerra, dopo un ottimo liceo classico, una laurea in fisica a Pavia e successivo diploma di perfezionamento in fisica teorica, ha insegnato fisica per decenni all’Università di Milano. Negli ultimi anni il suo corso si chiamava Fondamenti della fisica e gli piaceva molto propinarlo agli studenti. Convintosi definitivamente che i saperi dell’uomo non vadano divisi, cerca da anni di riunire alcuni dei numerosi pezzetti nei quali tali saperi sono stati negli ultimi secoli orribilmente divisi. Soprattutto fisica e letteratura. Con questo fine in testa ha scritto Relatività, quante storie – un percorso scientifico-letterario tra relativo e assoluto (Bollati Boringhieri 2003) e ha poi curato, raggiunta l’età della pensione, con Giuliano Boccali, il volume Le virtù dell’inerzia (Bollati Boringhieri 2006). Ha curato due volumi del fisico Wolfgang Pauli, sempre per Bollati Boringhieri e ha poi tradotto e curato un saggio di Paul K. Feyerabend, Contro l’autonomia (Mimesis 2012). Ha quindi curato il voluminoso carteggio tra Wolfgang Pauli e Carl Gustav Jung (Moretti & Vitali 2016). È anche redattore del blog La poesia e lo spirito. Scrive poesie e raccontini quando non ne può fare a meno.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: