Articolo precedente
Articolo successivo

Siamo vivi, bastardi!!!

interzone.gif

Alla faccia di Pietro Citati siamo vivi e vegeti. E come se non bastasse funzionano pure i commenti.
Ringraziamo volentierissimo, per l’apporto tecnico, Max e Claudio, di Interzone (che sono poi questi qui: www.interzone.it). Caffè pagato!

In quanto ai nostri amici, lettori, troll e compagnia cantante: forza, scateniamoci!

Print Friendly, PDF & Email

14 Commenti

  1. Che noi discutere sempre delle stesse cose…Citati ha ragione quasi in tutto ma dimentica una cosa: la “Letteratura” non è mai esistita.
    Esistete voi, io, noi, esistono storie e narrazioni.

  2. Brindo ai bentornati commenti su nazione indiana! non perché si debba necessariamente incoraggiare il protagonismo di noi lettori, ma perché la vitalità di una community a me pare che si misuri anche dal livello delle discussioni in coda a ogni intervento. La media qualitativa dei post è sempre rimasta alta, ma l’ammutolimento coatto del “resto” della nazione aveva intristito e ingrigito non poco il tutto. Evviva, insomma…

  3. Yuppiiiiiiiiiii!
    Detto tra parentesi la letteratura italiana dal 2001 in poi è la migliore del mondo. E anche la letteratura disegnata sta facendo passi da gigante, vedere per esempio Gipi e Corona. Io sono un lettore felice.

  4. Guido, i’vorrei che tu te n’accorgessi
    che parli solo, e dentro a un cimitero:
    giammai c’entrammo, noi; ché sono dessi
    che intombati e infossati vedon nero.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Lo spettro della solitudine

di Romano A. Fiocchi
Qual è il tema portante di questo romanzo psicologico? Credo sia la nevrosi di colui che è poi il protagonista assoluto, Paolo. Nevrosi causata dall’episodio terribile a cui ha assistito da bambino.

Le ripetizioni

Gianni Biondillo intervista Giulio Mozzi
Ne "Le ripetizioni" c’è un episodio di reviviscenza della memoria che si dimostra fallace. Mario, il protagonista, ricorda perfettamente una cosa falsa: è una metafora della letteratura? Vero e falso non hanno significato, sono solo scrittura?

Ci vogliono poveri, Momar

di Romano A. Fiocchi
La scelta della forma ‘romanzo’ e la collaborazione di due autori dalle origini culturali differenti è la formula ideale per coniugare caratteristiche altrimenti in contrasto tra loro, come ad esempio il rigore della ricostruzione storica degli anni Settanta – periodo in cui si svolge la vicenda – con la semplicità quasi primordiale del linguaggio.

Ciao ciao Clarissa

di Francesca Ranza
A Clarissa non importa di uscire bene in foto e la giornalista è preoccupata, molto preoccupata: con questo atteggiamento menefreghista non andrà da nessuna parte.

Parlare col culo

di Daniela Besozzi
Daniela ironizzava spesso sull’ipotesi che io fossi affetta dalla sindrome di Tourette, ma io vi giuro che la mia mente è sana. La ricerca scientifica congettura che la coprolalia sia un indizio di sincerità.

Sotto il cielo del mondo

Gianni Biondillo intervista Flavio Stroppini
Uno dei temi fondamentali del tuo libro è la paternità. Quella all'apparenza negata ad Alvaro, il tuo protagonista, quella che dovrà vivere lui, essendo il tuo romanzo una lettera indirizzata alla figlia che verrà. Credi che oggi sia necessaria una ridefinizione del ruolo paterno?
gianni biondillo
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Ha vinto il Premio Scerbanenco (2011), il Premio Bergamo (2018) e il Premio Bagutta (2024). Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: