Occhi sulla graticola in tascabile: COPIE DIFETTOSE

Cari amici, perdonate se faccio un annuncio che riguarda la mia attività (per “stile di comportamento” condiviso, qui su Nazione Indiana evitiamo sempre di farlo).
E’ uscita oggi in libreria l’edizione economica di Occhi sulla graticola (tascabili Einaudi, pp. 113, euro 8,50). Purtroppo questa edizione presenta un errore di stampa: la pagina 102 viene riprodotta tale e quale a pagina 109. Quella che avrebbe dovuto essere pagina 109 (l’inizio del capitolo 28) è scomparsa. Si tratta fra l’altro di una pagina chiave per comprendere la storia. Le copie attualmente in commercio sono da considerarsi quindi non corrispondenti al testo che ho scritto.
L’ho scoperto stamattina acquistandone una copia in libreria.
Scusate se ho approfittato di questo luogo per dare la notizia, ma mi sembrava giusto avvertire gli eventuali acquirenti e lettori.

Tiziano Scarpa

articoli correlati

Salire al Pian dei Ciliegi

di Paola Ivaldi
Finalmente decido di partecipare a un ritiro di meditazione Vipassana, non sapendo nulla di meditazione Vipassana

Venezia 78_Il capitano Volkonogov è scappato

di Giulia Marcucci
"Il capitano Volkonogov è scappato" di Merkulova e Čupov si inserisce appieno in una tendenza che caratterizza anche la letteratura russa contemporanea: guardare al passato sovietico dal presente

Marco Zapparoli: in Italia la saggistica resta indipendente

di Matteo Bianchi   Il mercato del libro non è entrato in crisi a causa della pandemia, ma del processo di...

Overbooking: Chiara Cataldi

di Romano A. Fiocchi Kabul tra macerie e giardini di rose. Questo è il titolo con cui nel 2012 l’avevo recensito...

«L’OCEANO DELL’INFANZIA». SU “LINEA INTERA, LINEA SPEZZATA” DI MILO DE ANGELIS

di Carlangelo Mauro Un dialogo con la morte e con gli spettri, una discesa nell’oceano dell’inconscio attraverso la forza del...

DAVID FOSTER WALLACE legge “Una storia ridotta all’osso della vita postindustriale” [1999]

Quando vennero presentati, lui fece una battuta, sperando di piacere. Lei rise a crepapelle, sperando di piacere. Poi se ne tornarono a casa in macchina, ognuno per conto suo, lo sguardo fisso davanti a sé, la stessa identica smorfia sul viso.