J’accuse e altre poesie

di Aharon Shabtai

shabtai_aharon.gif

poesie tradotte dall’ebraico da Davide Mano

Questo Stato

Questo Stato messo su da cooperative di lavoratori e pionieri.
Questo Stato nato accanto a una fetta di pane e marmellata.
Ora viene venduto come salsiccia a uomini d’affari
E accaparratori di capitale.
Domani dopodomani questo capitale se ne andrà, tra tre giorni Sarà come se non ci fosse mai stato.
Nel frattempo i privatizzatori accumulano titoli e si lavano
Il culo nello champagne.
Quanto ai privatizzati, alcuni saranno poliziotti o mercenari
Al servizio di imprenditori assicurativi,
Altri saranno cacciati di fabbrica, licenziati, faranno scioperi.
E la sera rivedranno se stessi in tivvù:
Chi dalla parte dei picchiatori, chi da quella dei picchiati.

(da “J’Accuse”, 1997)

Rosh ha-Shanah

Neanche dopo l’omicidio del piccolo Muhammad
A Rosh ha-Shanah
La carta si è fatta nera,
Nei giorni in cui
I franchi tiratori si lavano la divisa
Io mi metto su una pasta,
Verso dell’olio d’oliva
Ci faccio rosolare delle bacche di ginepro
Cucino il tutto per un paio di minuti
Aggiungo qualche pomodoro essiccato,
Dell’aglio tritato, e un pugno di erbe aromatiche
E mentre mangio appare
In tivvù il nostro dottor ministro
Degli affari esteri e della polizia,
E appena finisce
Io mi metto a scrivere una poesia,
Perché è sempre stato così,
Gli assassini uccidono
L’intellettuale si vanta
E il poeta canta.

(da “J’Accuse”, 2001)

Pasqua

Invece di far bollire
Pentole e piatti
Sfregatevi i cuori
Con lana di acciaio.
Voi che leggete
Il racconto pasquale
Come maiali,
Che appena vi si serve da mangiare
Vi mettete a grattare il fondo del piatto,
Che vi sia sedano o polpette.
Ma la Pasqua è più forte di voi.
Uscite fuori, guardate:
Gli schiavi si stanno sollevando,
Una mano coraggiosa sta seppellendo
Nella sabbia l’oppressore,
Ecco il vostro Faraone
Crudele e stupido,
Che spedisce truppe e carri,
Ed ecco il mare della libertà
Che li inghiotte.

(da “J’Accuse”, 2002)

Io amo Pasqua

Io amo Pasqua
Perché allora torni prima.
E come ogni anno
Andremo a Kiriat-Mozkin
E tra i calici di vino
E le bottigliette del charoset
Zvi racconterà
Della “marcia della morte”.
Poi torneremo a Tel Aviv,
E mentre guiderai con il buio,
I vetri dell’auto
Saranno coperti di vapore,
Allora io poserò la mano
Sul tuo ginocchio.
Appena rincasati ci metteremo a letto
E festeggeremo il nostro
Seder pasquale privato.
Io mi vedo che
Accosto le labbra al tuo ventre
E penso al miele,
Mentre giù in strada
Si aggira ancora il nostro angelo.

(da “J’Accuse”, 2002)

Poesie recenti

Io non odio il popolo

Io non odio il popolo
In gran parte sono solo cetrioli
Che van bene per l’insalata
O come sottaceti
Si vendono sempre a buon mercato.
Gli intellettuali si gonfiano
Fino a diventare zucchine,
Zucche, meloni,
Hanno poco zucchero
E tanta acqua.
I soldati che ho visto
Al posto di blocco di Sufa
Sono stati portati in jeep a Rafi’ah
Come bottiglie di birra
O scatolette di carne.
Che una volta svuotate
Saranno buttate assieme con noi
Sullo stesso mucchio.
E dovrei forse arrabbiarmi
Per una bottiglia scaduta
O per una scatoletta vuota?

(2004)

Quattro blocchi stradali

A chi prende l’Ariel
Capiterà di vedere
All’imbocco di ognuna delle quattro magre
Diramazioni che portano ai villaggi
Un’opera d’arte israeliana:
Un blocco stradale fatto con un cumulo
Di spazzatura e pietrame.
Uno a Marda,
Uno sulla strada per Zeita,
Tra Tapuach e Ya’asuf,
E sotto il ponte
Di Iskaka.
Io li ho portati tutti
A casa da me,
Ed ora prima di addormentarmi
I quattro blocchi
Sono davanti ai miei occhi
Tra il letto
E il guardaroba.
Su quello di Iskaka
E’ appesa la carcassa
Di un lupo,
Il blocco di Zeita invece
È fatto di cinque
Cubi di cemento
Ordinati con freddezza
Perfettamente allineati
Ed equidistanti tra loro
Come le braccia del candelabro di Hanukkah.

(2004)

La cultura ebraica

La cultura ebraica assomiglia
A due sorelle
Di buona famiglia,
Entrambi maritate
A soldati,
Ufficiali di carriera.
La prima a Pinki,
La seconda a Bugi.
Di primo mattino
Pinki e Bugi s’alzano.
Il primo scorrazza in giro
Con i suoi carri armati,
Va a seminare morte
Nei quartieri poveri,
A distruggere case
Davanti a vecchi e bambini,
Mentre il secondo scruta
Da dietro gli occhiali
E dopo un esame attento
Prende di mira interi villaggi
Di piantagioni in fiore,
Trasforma intere città
In campi di concentramento.
A venti chilometri di distanza
Nulla si sente più
Se non il ronzio di un innaffiatore.
I libri sono tornati
Al loro posto sullo scaffale
Dentro le loro belle copertine,
E le due sorelle
Possono dedicarsi alle loro ricette,
Si mettono a cucinare.
La prima prepara un gulash per Bugi,
La seconda una pasta per Pinki.

(2004)

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

  1. Cavolo è da pubblicare immediatamente in Italia…sono versi e pensieri cruciali, indispensabili, necessari.

  2. mi farebbe piacere sapere se scrive direttamente in inglese o in israeliano… l’ironia è tagliente ma il suo orizzonte culturale mi pare più anglosassone che ebraico. almeno a quanto pare dai pochi saggi qui proposti!

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

L’intellettuale marxista Franco Fortini

di Velio Abati
Eppure, le parole pacate di Muraca generano attrito; irrompono da un altro tempo. In effetti la critica intervenuta ci ha via via consegnato approfondimenti filologici, meritori studi accademici che mentre valorizzavano e precisavano la figura di poeta e di letterato fino alla posizione di classico, sfuocavano la funzione intellettuale e segnatamente militante, politica di Fortini.

Il romanzo enciclopedico

di Marco Drago
Il 26 maggio sarà in libreria "Ferrovie del Messico" di Gian Marco Griffi. Il romanzo, ambientato nel febbraio del 1944, racconta l’avventura di Cesco Magetti, un milite della Guardia nazionale repubblicana ferroviaria che riceve l’ordine di compilare una mappa delle ferrovie del Messico. Riproduciamo qui la postfazione di Marco Drago.

Post in translation: Rim Battal

di Rim Battal
tradotte dal francese da Angelo Vannini
e tratte dalla raccolta L’eau du bain, Éditions Supernova, 2019.
Puzza di bruciato
Sono giorni che puzza di bruciato ma non c’è alcun fuoco. Puzza di bruciato e non nella mia testa e non un’immagine.

Questo stratificarsi di gesti e tempi. Cinque fotogrammi di madri e figlie

di Chiara De Caprio
La foto, allora, dovrebbe consentirmi di capire che cosa trattiene la mia attenzione e fa scorrere un’emozione impercettibile e lontana, a cui non so, in prima istanza, assegnare un nome

L’amore viene prima

di Andrea Bajani
Ecco un altro figlio della luna, dice
il dottore entrando in sala parto.
Fino a ieri il reparto era semivuoto,
in sei ore si sono rotte sette acque,
sette donne sono già in travaglio.

Overbooking: Qui non possiamo più restare

di Romano A. Fiocchi
È anche una storia di sentimenti, di relazioni che si instaurano e si dissolvono. Tant’è che il lettore finisce per innamorarsi di Marcenda, con quel suo gesto di toccarsi il petto per calmare la tachicardia del suo piccolo cuore.
helena janeczek
Helena Janeczek è nata na Monaco di Baviera in una famiglia ebreo-polacca, vive in Italia da trentacinque anni. Dopo aver esordito con un libro di poesie edito da Suhrkamp, ha scelto l’italiano come lingua letteraria per opere di narrativa che spesso indagano il rapporto con la memoria storica del secolo passato. È autrice di Lezioni di tenebra (Mondadori, 1997, Guanda, 2011), Cibo (Mondadori, 2002), Le rondini di Montecassino (Guanda, 2010), che hanno vinto numerosi premi come il Premio Bagutta Opera Prima e il Premio Napoli. Co-organizza il festival letterario “SI-Scrittrici Insieme” a Somma Lombardo (VA). Il suo ultimo romanzo, La ragazza con la Leica (2017, Guanda) è stato finalista al Premio Campiello e ha vinto il Premio Bagutta e il Premio Strega 2018. Sin dalla nascita del blog, fa parte di Nazione Indiana.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: