Articolo precedentePiccoli torinesi coraggiosi
Articolo successivoVacanza

The Ancient Egyptian

dessin_de_Desnos4.jpgdi Michel Leiris

(Inedita fino ad oggi in Italia, questa poesia è apparsa per la prima volta nel 1929 nella rivista “Documents” diretta dall’amico George Bataille. Essa ha dato per altro origine alla moda del “gothique-égyptien” tranto sfruttato, in seguito, da alcuni surrealisti. A. I.)

Avez vous vu des pyramides ?
Avez vous vouvoyé des pyramides ?
Avez vous dedans vous des pyramides ?
Avez vous essayé de vanter des pyramides ?
Qu’avez vous foutu des pyramides ?
Seriez-vous une invention des pyramides ?
Combien de pyramides dans une cabine téléphonique ?
Combien de cabanes dans un cabinet de pyramides ?
Mettriez-vous fin à la croissance des pyramides ?

Avez vous vu un ancien égyptien ?
Avez vous vouvoyé un ancien égyptien ?
Avez vous en vous un voyou égyptien ?
Vanteriez vous avoir inventé l’égyptien qui est en vous ?
Vous mettez-vous parfois dans la peau mate d’un ancien égyptien?
Serions nous tous des étoffes de rêves et visions d’un ancien égyptien ?
Combien d’égyptiens pour faire une machine à coudre ?
Combien de machines pour coudre à l’ancienne un égyptien ?
Mettriez-vous fin à cette histoire d’ancien égyptien ?

Avez vous vu le vidage de masque d’une momie ?
Avez vous fourvoyé la vietnamisation d’une momie ?
Avez vous en vous la charogne vivable d’une momie ?
Mourriez-vous d’envie de manger la main sans vie de la momie ?
Envieriez-vous le violeur qui baise tant la mamie que la momie ?
Serions nous quatre-vingt dix pour cent substance de momie ?
Combien de mamies faut-il s’envoyer en l’air pour valoir la moitié d’une momie ?
Combien de momies faut il avaler pour gagner l’estime d’une mamie ?
A quoi bon rétorquer qu’en tout temps il y a eu virevolte de momies ?

Qu’avez vous voulu voir dans cette voltige de vestiges ?
Voulez vous voltiger sur la carcasse du bon sens ?
Comme des vautours en vol sur le crâne de prestige
du pharaon qui est en vous, qui a inventé tous vos sens ?

(immagine di Desnos)

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Perché è importante leggere David Graeber

di Lorenzo Velotti
Il suo pensiero può essere d’aiuto a chi non si rassegna alla naturalizzazione del capitalismo, del patriarcato e delle burocrazie statali coercitive

Il tornello dei dileggi

di Massimo Salvatore Fazio
Se non ti trasformi, resisti e vivi. E se resisti e vivi non è detto che non anneghi. E se anneghi, di fattori liquidi ne escono pure dall’anticamera del basso bacino, ed è normale come quando passeggi in una qualunque città e sui muri stanno scritte e stanno sempre stampati i soliti simboli.

Peninsulario

di Marino Magliani
Oltre Sorba, nascosto nella campagna perché raggiungere la città in quel buio era impossibile, Secondo attese l’alba. Giunse a casa verso mezzogiorno, stanco, accaldato, perché più di una volta aveva perso la strada, come all’andata.

Il Mondo è Queer. Festival dei Diritti

Il Mondo è bizzarro, imprevedibile, queer. Le sue stranezze ne costituiscono la ricchezza. Con queste iniziative vogliamo tenere vivo il dialogo sull’idea di persona, collettività e famiglia planetaria, promuovendo attenzione e consapevolezza verso questioni di genere, fragilità invisibili e il nostro rapporto con il pianeta in un momento critico degli equilibri conosciuti.

Crimes of the future, di David Cronenberg

di Mauro Baldrati
Già, perché in quel futuro remoto, l'arte consiste nell'aprire i corpi, infliggere ferite, tagliuzzare le facce, nell'assenza del dolore, che nessuno prova più, e nella scomparsa del sesso tradizionale, sostituito dalla chirurgia senza anestesia.

Morire, un anno dopo

Mi sono chiesta a lungo cosa sarebbe successo: come avrei reagito alla notizia – piangendo? con sollievo? –, come sarebbe stato il dopo – un senso di solitudine perpetua o, a un certo punto, un’abitudine? – e, sopra ogni altra cosa, che significato avrebbe avuto, per me, per noi, per tutti, la morte.
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: