Il vangelo secondo precario

promo film vangelo precario Un film che parla di storie di ordinaria flessibilità doveva ovviamente essere prodotto in modo precario, e così è stato. Stefano Obino, Stefano Cella e Francesco Pensabene hanno finanziato Il vangelo secondo precario con il metodo della produzione dal basso, vendendo dei future sui DVD del loro film. Ora che è finito si può vedere, a Milano al cinema Anteo il 24 ottobre alle 20.30 e alle 22.30 (gratis) e nel resto d’Italia presto, consultando il sito del film.

In Nazione Indiana si è parlato di precarietà del lavoro, per esempio Andrea Bajani qui:

E mi vengono in mente anche Le avventure della stagista in casa editrice, di Giulio Mozzi su Vibrisse.

jan reister

Sono responsabile del progetto web di Nazione Indiana. Mi interessa parlare di: privacy, anonimato, libertà di espressione e sicurezza; open source, software e reti; diritti civili e democrazia; editoria digitale ed ebook; alpinismo e montagna. Collaboro (o collaboravo) come volontario ai progetti: Tor. anonimato in rete come traduttore per l'italiano; Winston Smith scolleghiamo il Grande Fratello; OneSwarm privacy preserving p2p data sharing - come traduttore per l'italiano; alfabeta2- rivista di interento culturale per l'edizione web ed ebook. Per contatti, la mia chiave PGP. Qui sotto trovi gli articoli (miei e altrui) che ho pubblicato su Nazione Indiana. 

  1 comment for “Il vangelo secondo precario

  1. andrea bajani
    21 ottobre 2005 at 09:13

    Il film di Stefano Obino è semplicemente geniale. Ne ho visto qualche scampolo a Roma in maggio quando la lavorazione era ancora agli inizi. Caustico e intelligente.

Comments are closed.