Articolo precedenteWim Wenders e i luoghi della terra
Articolo successivoAmore mio padrone

Un paio di settimane fa

di Mattia Paganelli

Un paio di settimane fa sui giornali inglesi è comparsa la notizia di una nuova scoperta scientifica: dalle cellule staminali è possibile sviluppare spermatozoi atti in tutto e per tutto alla fecondazione.

Più tardi un amico, porgendomi una pinta di bitter, ha commentato la notizia: “Da oggi gli uomini sono inutili. Buoni solo per la poesia.”

78 Commenti

  1. Single

    Che ridere mi fate!
    Dalle mamme a centrifugare mutande che sanno di latte…
    Asettici nei vostri bar a guardare il vuoto dei bicchieri
    Un preservativo e una pillola scaduti in tasca
    Mi fate proprio ridere!

    Zitella

    Già…ora ti sei emancipata…
    Facile allargare le gambe e ridere
    Scimmiotti un pene che non ti appartiene
    Quello vero è con un’altra…

    Coppia

    Aperta
    Chiusa
    Scoppiata
    Scambista

    Coppia d’Assi

    Ora
    Giochiamoci

    …un due di briscola…

  2. io trasecolo per la pinta di sanbittèr: fatemela bere e poi sfido qualsiasi femmina a battermi nella gara di rutti! (l’utilità marginale degli uomini è inestinguibile…)

  3. Roberto, come d\’accordo ho tolto questo lungo intervento
    metti un link se preferisci.

    grazie
    mattia

  4. Roberto, una torre così diventa davvero illegibile. Da dove proviene? Perché non mandarci direttamente al link? Perché non farne un pezzo? (io manco l’ho letto, spaventato!)
    Cerchiamo di non uccidere i commenti, te ne prego, con questo eccesso di zelo. Ciao, G.

  5. senza rancore roberto, ma sono d’accordo con lucy van pelt e biondillo.
    il discorso è nato nelle retrovie, tra appassionati, e non puoi imporlo così, son sicura che non fosse nelle tue intenzioni, ma con questo crossposting imho hai fatto un torto anche a paganelli, perché l’ effetto è spam, insomma sembra opera di un troll. Propongo di cancellarlo, e di inserire, se proprio vuoi, il link alla discussione originaria.
    ciao

  6. l’importante è che durante la donazione naturale gli uomini sappiano ancora rendersi indispensabili negli scambi neuronali,
    dalla cintola in su’ e dalla cintola in giu’.
    che ci frega degli spermatozoi.
    siamo donne emancipate, di cultura, non solo di natura :-)

  7. Donne e poesie; ripesco un pezzo vecchio e per me divertente, ovvimente in tema:

    “…Il massimo sarebbe una poesia. Ma, a meno che non sappiate scrivere molto bene, evitate. Le poesie d’amore dei dilettanti quando si rileggono, dopo un po’ di tempo, diventano ridicole. Quindi o siete certi, assolutamente certi, delle vostre qualità letterarie oppure evitate. Ed evitate sempre, come la peste bubbonica e la candida, di mandarle una poesia copiata da qualcuno spacciandola per vostra. Prima o poi ve ne chiederà un’altra e potreste non essere nella condizione di scriverla.

    Un amico. Anche lui puttaniere professionista. Ne aveva imparate alcune a memoria e le utilizzava. Recitando, in modo magistrale, che fossero scritte da lui. Le scriveva, volutamente, con alcuni errori. Poi le correggeva. In diretta. Di fronte all’amata di turno. Un maestro. Le aveva riprese da un vecchio libro, oramai in disuso, di un poeta bulgaro. Nessuno più le pubblica e sono diventate la sua arma segreta. Ma se non avete l’animo, la memoria e soprattutto la faccia di bronzo di un puttaniere professionista evitate. Accuratamente. Il vostro patetico tentativo finirebbe sicuramente male. …”

    Che altro dire: che si facciano gli spermatozoi con le staminali e mi lascino i poeti bulgari dimenticati ;-)

    Buona serata. Trespolo.

  8. poi la poesia(quello stile di vita)è piu’ ingravidante.
    è da tempo che cerco inutilmente degli anticencezionali adeguati contro poesie indesiderate.

  9. Ma,
    esiste solo la generazione?
    o esistono pure il piacere,
    gli abbracci, gli amplessi, le coccole
    le carezze,
    due o tre tenerezze,
    una roba che senti la pelle dell’altra e ti commuovi,
    una certa solidarietà, o no ?
    Boh?
    MarioB.

  10. D’accordo con te Mario.
    Voglio aggiungere che Nicolini (mio ginecologo durante la gravidanza) è una gran brava persona e un ottimo medico. Per dire.
    Ciao Mag :-)

  11. Io sono nato in epoca di Talomide o Talidomide ma mia madre credeva nella naturalità degli inconvenienti della gravidanza e così sono nato con tutte le dita e di misura proporzionata.
    Il post è delizioso, con grazia ci immerge in un’apocalisse anestetizzata, viviamo in una fogna globale prossima alla scadenza e a colpi di bisturi e provette si pareggiano i conti biblici tra uomo e donna.
    Speriamo che questi tagli di appendici inutili producano vagoni di poesia.
    E’ così triste far tutto da se.

  12. @a Mario
    abbracci? carezze? amplessi? coccole?
    se lo ricorda l’orgasmometro di woody allen?
    ecco.
    si prepari e intanto aprofitti il più possibile.

    mi sa che ci stanno incastrando.
    non so ancora come. ma mi sa.
    sento puzzo di fregatura
    un saluto
    paola

  13. la poesia penale……comincia con un acronimo che solitamente è costituito dalle iniziali della persona che su quel totem ha stabilito la sua propietà: puo’ essere GN, MT, CCV, FCDV, ma per curiosità e inquietudine intellettuale, puo’ capitare a volte di voler indagare riguardo l’identità del propietario/a e inevitabilmente si cerca in vari modi di estendere le inziali ivi scritte e svelare l’arcano.
    Il piu’ interessante che mi è capitato : CFVM che risolto è stato: contessafracazzadavelletrisignoradelmontefeltro.

  14. chi ha la propietà della tua poesia “penica” ci ha inciso sopra il suo nome segnando il territorio? se si, che nome è? ugo? lea? o mariamaddalenacontessadivattelapesca? :-) nel 3 caso, sei un poeta interessante-

  15. Guardi, Signora Magda, essendo al momento agli arresti e pieno di real pene, posso sbilanciarmi solo rivelandole che la proprietà della mia poesia l’ha una certa iniziale che si trova tra la lettera A e la lettera G.

    Poi le dirò ancora – modestia a parte, giacché sono in anonimato – che sì, sono un poeta interessante.

  16. no per me Caterina è una persona ironica, tanto nessun intervento di quelli fatti sin’ora è stato serio.sarebbe comico che lo fosse il suo :-)

    veramente è una settimana che qui si cazzeggia! allora? per quanto tempo avete intenzione di fare vacanza? :-)

  17. Io ringrazio il Mio uomo perchè non gli ho mai sentito dire niente di banale.
    Di questo gli sarò sempre riconoscente.

    (aspetto ancora che si cimenti con la poesia)

  18. ma anche il silenzio in quei momenti è poesia…..mica si fa solo con le parole, la poesia….pensa ai pensieri telepatici, per non dire poi quando i pensieri telepatici hanno conseguenze telecinetiche.

  19. e allora io cosa dovreeeeeeeeeeiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii, diiiiiiiiiiiiii…..hhhhhhhh…..r…..rrrrrrrr eeeeeee?
    aaaaaah
    no basta non pensatemi cosi intensamente per favore che non ho piu’ l’età per queste emozioni forti.

  20. si insomma…..adesso pero’ non sopporto l’idea che si fumi la sua sigaretta sopra ai miei capelli arruffati o peggio che cominici a russare.

    geniale la soluzione telecinetica, sicura, protetta, asciutta, indolore, incolore, direi un modello di civiltà pelvica.

    anche oggi abbiamo imparato una cosa nuova.

    grazie indiani, non dovete neppure riportarmi a casa.

  21. Sondaggio: …pene…e apErta o e chiusa? Non come si dovrebbe dire, ma come lo dite. Secondo me molti lo dicono con la e chiusa per pudore.

    P.S. Se la gara si svolge in discesa so mica chi vince…

  22. diciamo che è un sostantivo piuttosto inusuale, infatti
    “testa di pene”
    “ma che pene me ne frega”
    “non hai capito un pene”
    “che faccia da pene che hai”
    oppure quando ti si buca una ruota, ti entrano i ladri in casa, o trovi tua moglie in situazioni inequivocabili dici:”oh pene!”

    sono cose che non si sentono mai dire, pero’ se mi dite che è piu’ corretto e scientifico, da domani le diro’.
    a patto pero’ che anche i camionisti cambino la loro terminologia e dicano ad esempio” gran pezzo di vulva”
    è importante quello che si dice, questione di stile.

    anche io scherzo, ci mancherebbe

  23. “ma con questo crossposting imho hai fatto un torto anche a paganelli, perché l’ effetto è spam, insomma sembra opera di un troll”.
    Nel mondo contemporaneo qualcosa di rilevante mi sfugge, altrimenti capirei che c’è scritto qui sopra.

  24. imho=profondo

    @ lino ventura
    ora eseguirò un sortilegio a gratis x tutta la Nazione, sì lancerò la famosa maledizione della baronessa e… lo spamm pynchonesco scomparirà!
    Non ringraziatemi, vi amo tutti.

  25. (tash:
    crossposting: utilizzo creativo di questo http://www.urbandictionary.com/define.php?term=cross-posting
    nello urban dictionary trovi anche tutto il resto (imho, troll, spam. E per restare in topic:), anche questa (nona) definizione di S.P.E.R.M

    “S.P.E.R.M. is a system of classifying causes and effects in historical study. The classifications are Social, Political, Economic, Religious, Military and sometimes Scientific. Virtually every event or idea can be classified in one of these six ways. Sometimes a single event, especially more complex events, can be classified in more than one way.

    Use S.P.E.R.M. to classify the various causes of the rise of Islam. Be sure you consider all of the facets.”)

  26. seme animale: sperma (la cosa seminata, sparsa)

    seme o polvere vegetale: polline (fior di farina che si agita e si separa dalla crusca, ciò che si scuote, che si agita)

    tra poco non si scuoteranno nè campi, nè peni.
    R.I.P.
    e finalmente entropia seminale
    alleggerimento addominale
    svestizione fallica
    e finalmente l’assunzione siderale del pene
    tutto l’apparato genitale s’affiancherà al sole
    come esso vorticherà eternamente in un globo discreto e sudato
    e impasterà solo occasionali meteore.
    (o è già accade?)

    un saluto
    paola

  27. e da allora in questo conatus spinoziano ai confini tra il panteismo e l’empirismo, ogni volta che gli uomini si sentiranno contrariati, annoiati, adirati, sapranno cosa significa una grande roteazione satellitare arbitante attorno al pianeta fallico.

  28. cara polvere è già accaduto e si chiama panspermia : gira che ti rigira:), la vita sulla terra vien dallo spazio

  29. e tutti sono attratti inevitabilmente dai buchi neri, immersi e risucchiati da assenza gravitazionale, che per i gravi, è davvero una sublimazione liberante. non ci sarebbero piu’ attrazioni verso il basso e le cose che pesano, eviterebbero di cadere. che sollievo…..e che fallimento per la montedison e i suoi derivati plastici.

  30. come un macigno:). opto per il combinato disposto panunto(dal signore) pannolone (incontenibile) e panòplon (all’arme!)

  31. contidential OT:
    ma mio marito oggi è incazzato nero come una bestia.
    avrà letto le mie “acute” asserzioni formato caserma?
    uhm….dovro riprendere a trattare di saggi e sofismi

  32. @magda
    ecco cicatrizzami.
    farai in modo che persino i miei sogni cannibalici non restino su un piano meramente empirico.
    sto solo aspettando il la.
    eheheh

  33. @magda
    e che importa?
    anche ken è piatto.
    ho sempre desiderato avere un amplesso piatto con lui.

  34. O torniamo davvero a “pensare col cazzo e con l’utero”, rispettivamente – e dico proprio PENSARE, non semplicemente andar-dietro-a – o tutti fottuti!

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Overbooking: Lucio Saviani

  Nota di lettura di Cristiana Bullita   Nell’autorevole citazione che introduce il saggio di Lucio Saviani “L’esercizio della filosofia”, Jankélévitch invita i filosofi...

Poesia, azione pubblica (Milano 25-26 settembre, Teatro Litta)

 MTM - Manifatture Teatrali Milanesi all’interno del Festival di teatro indipendente HORS - House of the Rising Sun presenta LA...

Il gelo e la verità

di Sergio Pandolfo
Solo tredici chilometri, il romanzo scritto da Giovanni Accardo e Mauro De Pascalis (Edizioni alpha beta Verlag, p. 360), è uno di quei legal thriller che

Dalla scatola di scarpe a via Vigevano: andata e ritorno

di Marina Massenz Le poesie di Angelo Lumelli, Milano, edizioni del verri, 2020, pp. 147 Per parlare di questo libro si...

Salire al Pian dei Ciliegi

di Paola Ivaldi
Finalmente decido di partecipare a un ritiro di meditazione Vipassana, non sapendo nulla di meditazione Vipassana

Venezia 78_Il capitano Volkonogov è scappato

di Giulia Marcucci
"Il capitano Volkonogov è scappato" di Merkulova e Čupov si inserisce appieno in una tendenza che caratterizza anche la letteratura russa contemporanea: guardare al passato sovietico dal presente