s000t000d

s000t000d.jpg di Filippo Rosso

[lessia n.26]
Le stampelle dovevano essere appese tutte nello stesso verso. Gli dava fastidio che fossero sfalsate. Così ogni settimana spendeva un po’ di tempo a raddrizzarle.
Ne valeva la pena – pensava – perché conferiva al guardaroba un buon senso di ordine. Non aveva alcuna motivazione pratica, o meglio l’aveva solo per sé. Era una sorta di miglioramento meccanico della sua giornata.
Un giorno (quando sarebbe morto) quei vestiti sarebbero entrati a far parte della tattilità di qualcun altro. Ma finché era vivo, il suo guardaroba doveva restare così. Un sistema variabile se non per le aggiunte di nuovi acquisti.
Non buttava via niente. Negli ultimi anni si era convinto che la vita si potesse ricapitolare negli oggetti. E in particolar modo nei vestiti, i maglioni le camicie i bottoni i risvolti le cuciture, le tasche. Erano tutti luoghi che aveva vissuto e che gli appartenevano, la collezione dei suoi frammenti. […]

[lessia n.37]
Arrivò a Santa Monica Boulevard e la percorse tutta. Tagliando Westwood, mentre fiancheggiava i distretti meridionali di Beverly Hills, si accorse che le prime automobili cominciavano a circolare in strada […].
Aveva intravisto le colline di Hollywood per la prima volta mentre andava in direzione nord-est sull’autostrada. Mentre girava a sinistra per Belden e passava attraverso il parcheggio di un centro commerciale, Hamilton si ricordò che poco più avanti era possibile vedere una buona parte di Los Angeles. In realtà non c’è un punto in cui si riesca a percepire l’estensione completa di quel mucchio di villoni che rende l’intera città una fabbrica del vuoto.
Decise di proseguire. Le strade che lo avevano condotto ai piedi di Hollywood adesso erano state sostituite da un dedalo di vie molto più strette e contorte. Da lì, impossibile avamposto della città reticolare e infinita, capì che Hollywood è anch’essa un ammasso di alture senza centro.
– A questo punto tanto vale – pensò – prendere la prima strada che capita.

s000t000d_1.jpg

[lessia n.38]
Una strada saliva e girava poco dopo. Intorno non c’era nessuno. Stava macinando miglia senza accorgersene, si sporgeva con la testa dal finestrino e dava colpetti leggeri di clacson prima di ogni curva.
Andava piano. Le ville intorno erano una attaccata all’altra, tutte con i cancelli chiusi. Che cosa nascondevano?
Prima di ogni incrocio ecco un segnale di stop, l’insegna della via che passa. Cartelli blu di metallo. Palme e banani. C’era da impazzire pensando che Hollywood si può girare per ore, scendendo a vortice dalle strade scoscese, risalendo infinite volte come in un gioco, una girandola, un gomitolo.

N.d.A.: Roma, città della memoria e Los Angeles, megalopoli reticolare senza centro, formano un’unica scena di personaggi anonimi e vicende apparentemente sconnesse, che rimandano il lettore alla ricostruzione di un percorso possibile attraverso déjà-vu e analogie. Un’opera prima (scritta nel 2002) che vuole essere una domanda aperta sulla natura della narrativa ipertestuale.
La versione completa è consultabile sul sito dell’autore.

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Un pezzo interessante perché dà la visione originale di un viaggiatore.
    Amo che il testo narrativo trova un’illustrazione.
    Los Angeles sembra non avere passato, è solo in superficie, è già abitata con i fatasmi del cinema. Si delinea il profilo di Marilyn Monroe, il ricordo del passato d’ore, tracciato nelle lettere oggi sbiadite “Hollywood”.
    Los Angeles ha un passato di scenario svuoto, artificiale: palme e banani illuminati da colori vistosi, un luogo falso.

  2. Sono un po’ turbata dal fatto che io ho lo stesso rapporto maniacale del protagonista con il mio guardaroba. E per di più l’autore è un quasi omonimo di mio padre…

    Frivolezze a parte, leggendo mi sono tornati in mente il Chandler de “Il Grande Sonno” e il Fante di “Chiedi alla Polvere”. Modi differenti di raccontare Los Angeles, eppure vi sono delle similitudini.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Nostalgie della terra

di Mauro Tetti Ogni cosa vissuta o immaginata continuava a ingannarmi trascinandomi dabbasso in qualche buco sconosciuto della vita. Sentimento...

Un tuffo al cuore: Gigi Spina

Tuffo in lungo di Gigi Spina       Il tuffo in lungo è una specialità olimpica. Lo praticavano gli dèi dell’Olimpo. Non fu mai...

Nota di lettura su “Unità stratigrafiche” di Laura Liberale, Arcipelago Itaca, 2020.

di Carlo Giacobbi
La morte, dunque. E la si pronunci questa parola, se ne indaghi anzitutto il significato letterale-biologico, se ne prenda atto: questo pare essere l’invito del dettato poetico dell’autrice, il motivo della sua ars scribendi.

Su «Quando tornerò» di Marco Balzano

di Antonella Falco
Un romanzo di grande impatto emotivo. Mediante una scrittura asciutta, ma nello stesso tempo calvinianamente “leggera”, racconta la fatica di vivere

Sporcarsi le mani con Dostoevskij

di Claudia Zonghetti
Questa è la sfida per i traduttori attuali e futuri di Dostoevskij: sporcarsi le mani con la pasta sonora e sintattica della sua lingua plastica e veemente

L’odore dell’arrivo

(Per gentile concessione della casa editrice Ferrari Editore, che qui volentieri ringrazio, pubblico uno stralcio del nuovo romanzo di...
Andrea Raos
andrea raos ha pubblicato discendere il fiume calmo, nel quinto quaderno italiano (milano, crocetti, 1996, a c. di franco buffoni), aspettami, dice. poesie 1992-2002 (roma, pieraldo, 2003), luna velata (marsiglia, cipM – les comptoirs de la nouvelle b.s., 2003), le api migratori (salerno, oèdipus – collana liquid, 2007), AAVV, prosa in prosa (firenze, le lettere, 2009), AAVV, la fisica delle cose. dieci riscritture da lucrezio (roma, giulio perrone editore, 2010), i cani dello chott el-jerid (milano, arcipelago, 2010), lettere nere (milano, effigie, 2013), le avventure dell'allegro leprotto e altre storie inospitali (osimo - an, arcipelago itaca, 2017) e o!h (pavia, blonk, 2020). è presente nel volume àkusma. forme della poesia contemporanea (metauro, 2000). ha curato le antologie chijô no utagoe – il coro temporaneo (tokyo, shichôsha, 2001) e contemporary italian poetry (freeverse editions, 2013). con andrea inglese ha curato le antologie azioni poetiche. nouveaux poètes italiens, in «action poétique», (sett. 2004) e le macchine liriche. sei poeti francesi della contemporaneità, in «nuovi argomenti» (ott.-dic. 2005). sue poesie sono apparse in traduzione francese sulle riviste «le cahier du réfuge» (2002), «if» (2003), «action poétique» (2005), «exit» (2005) e "nioques" (2015); altre, in traduzioni inglese, in "the new review of literature" (vol. 5 no. 2 / spring 2008), "aufgabe" (no. 7, 2008), poetry international, free verse e la rubrica "in translation" della rivista "brooklyn rail". in volume ha tradotto joe ross, strati (con marco giovenale, la camera verde, 2007), ryoko sekiguchi, apparizione (la camera verde, 2009), giuliano mesa (con eric suchere, action poetique, 2010), stephen rodefer, dormendo con la luce accesa (nazione indiana / murene, 2010) e charles reznikoff, olocausto (benway series, 2014). in rivista ha tradotto, tra gli altri, yoshioka minoru, gherasim luca, liliane giraudon, valere novarina, danielle collobert, nanni balestrini, kathleen fraser, robert lax, peter gizzi, bob perelman, antoine volodine, franco fortini e murasaki shikibu.
Print Friendly, PDF & Email