Articolo precedenteLeggere variazioni di rotta
Articolo successivoScriverei anche di un sasso

Per Sante Bernardi

La non facile vita di Sante Bernardi è illustrata nel suo blog, che già  qui ho menzionato, e sul quale si possono trovare ulteriori notizie e aggiornamenti, interessanti anche per capire qualcosa di più sul funzionamento della sanità in Italia. Si è pensato ora, visto che Sante riesce comunque a utilizzare il suo PC, di fargli arrivare dei testi che gli facciano compagnia, nella sua infermità. Chi volesse del tutto liberamente farlo può inviarli a Fabrizio Centofanti (fabrizio.centofanti@gmail.com), che lo ha aiutato, lo aiuta, e che gli ha organizzato questa attività. Grazie. a.s.

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Bianca Battilocchi: il ritmo che ritorna

    «Territori dell'esplorazione / li legge chi corre / distante dalle pagine» Il ritmo che ritorna di Bianca Battilocchi è il quinto...

Qui nessuno dice niente. Un anno di scuola tra i carcerati – Domenico Conoscenti

Brani dalla ristampa del libro di Domenico Conoscenti (il Palindromo, 2021)  pubblicato da Marietti nel 1991: il diario di insegnamento...

La voce di chi scrive

di Davide Gatto Sa molto di accademia proporre oggi una riflessione sul narratore, su questa sfuggente entità di cui si...

L’Anno del Fuoco Segreto: Verso Montsalvat

La descrizione del progetto L’Anno del Fuoco Segreto, si può leggere QUI. di Andrea Morstabilini Era nato, come il re suo nonno, il 25...

Il silenzio

di Fiorella Malchiodi Albedi Mi sono alzato storto. Tutto mi dava noia, una specie di nausea mentale, non riuscivo a...

ANDREA ZANZOTTO [1921-2021] Vera figura, vera natura, slansada in ragi come’n’aurora…

"[…] il discorso visivo di Fellini ha risvegliato per me alcune risonanze entro una certa aura linguistica da dirsi veneta (veneziana solo in parte) sia per eccesso che per difetto. Mi è capitato davanti un parlare perso nella dicronia e nella sincronia veneta, fino al paradosso ed all’irrealtà di una citazione paleoveneta, un parlare un po’ inventato […] "
antonio sparzani
Antonio Sparzani, vicentino di nascita, nato durante la guerra, dopo un ottimo liceo classico, una laurea in fisica a Pavia e successivo diploma di perfezionamento in fisica teorica, ha insegnato fisica per decenni all’Università di Milano. Negli ultimi anni il suo corso si chiamava Fondamenti della fisica e gli piaceva molto propinarlo agli studenti. Convintosi definitivamente che i saperi dell’uomo non vadano divisi, cerca da anni di riunire alcuni dei numerosi pezzetti nei quali tali saperi sono stati negli ultimi secoli orribilmente divisi. Soprattutto fisica e letteratura. Con questo fine in testa ha scritto Relatività, quante storie – un percorso scientifico-letterario tra relativo e assoluto (Bollati Boringhieri 2003) e ha poi curato, raggiunta l’età della pensione, con Giuliano Boccali, il volume Le virtù dell’inerzia (Bollati Boringhieri 2006). Ha curato due volumi del fisico Wolfgang Pauli, sempre per Bollati Boringhieri e ha poi tradotto e curato un saggio di Paul K. Feyerabend, Contro l’autonomia (Mimesis 2012). Ha quindi curato il voluminoso carteggio tra Wolfgang Pauli e Carl Gustav Jung (Moretti & Vitali 2016). È anche redattore del blog La poesia e lo spirito. Scrive poesie e raccontini quando non ne può fare a meno.