Articolo precedente
Articolo successivo

Gradazioni di Viola

aaca_1
di
Viola Amarelli

( necessità)

Sarà polvere, e brezza, e cerchio in goccia
o in ombra,
e cenere, e fumo di spirali e afa
pioggia e verde, e odore di muschio
e gran silenzio,
e fiamme e rombi e razzi cadenti di scie striate arcobaleni
argenti, fissi, immoti tristi
allegri sfingi
sarà l’acqua e l’aria e il fuoco con la terra
fino a una supernova
pura materia e spirito
iustum in perpetuum vivet, basta e avanza
al cuore.

Print Friendly, PDF & Email

16 Commenti

  1. Sarà il nucleo vivo
    della poesia,
    particelle
    di un estate incendio
    un silenzio immenso
    cosmico,
    una stella
    esplosa
    nel cielo malva
    viola
    della lettura
    un’anima
    di grazia
    acqua
    nuda
    in me
    raggiunta.

  2. voilà viola:

    vìola la violenza viola volando
    la purezza sua di canto: d’incanto
    la ‘viola d’amore’ usa l’esperanto
    di sòno dissono ma sol levando

    nota accorda con sòno consono
    capo volto teatro di necessità
    diversa – dì versa nell’infinità
    della notte quel che pèrdono

    non per dono né perdono dèi metro
    nomi misura verbi analfabeta
    origine la fine d’incompleta

    ora fine ignora pietà di vetro
    diaccio l’addio a dio cuore s’impetra
    petra tua nei penetrali penetra

  3. una volta un signore si accorse che il suo feudo era troppo piccolo per la fame di onori che lo divorava, così s’inventò un luogo virtuale dove tutti potessero baciargli la mano e visto che mi trovo di passaggio, anch’io mi prostro e lascio il mio omaggio.
    la poesia è bella, è l’ossequio che disgusta soprattutto visto ciò che ricorda

  4. viola, sarà che quando ti leggo non vorrei commentare
    nessuna parola serve
    bastano le tue

    però commento per dirti che ti ho letta
    e che sono contenta di averlo fatto
    ancora un tassello, prezioso

    “sarà che sei viola” :)

  5. il titolo la dice lunga sulla pasta di cui è fatta la viola, signora dalle vaste letture filosofiche che ben sa che nel “nullo ninnolo d’inanità sonora” s’invera il dire l’impossibile (necessario) di cui è fatto il mondo…
    bravà!
    r

  6. m’inchino di fronte a tante e cotali immagini…mi piacciono (la grazia è sempre Chiara, il nulla è davvero un ninnolo, Vian è Vian- per nostra fortuna e ancora àncora è gioia delle parole), un abbraccio,V.
    ps. siamo tutti gleba, e servi servorum dei…, basta saperlo..

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.

Les nouveaux réalistes: Pierangelo Consoli

di Pierangelo Consoli
Per questo, quando mia madre divenne Alberta, tramutandosi in qualcosa di più collettivo, io non soffrii tanti cambiamenti, almeno per quello che riguardava la gestione delle faccende, perché erano già molti anni che me ne occupavo. Usciva pochissimo, come ho detto, eppure il giorno dei morti restava, nel suo calendario, un rito al quale non poteva rinunciare.

Colonna (sonora) 2024

di Claudio Loi
15 album in rigoroso ordine alfabetico per ricordare il 2023 e affrontare le insidie del quotidiano con il piglio giusto. Perché la musica, quella giusta, è la migliore medicina che si possa trovare sul mercato. Buon ascolto!

Les nouveaux réalistes: Annalisa Lombardi

di Annalisa Lombardi
Per questa nuova puntata dei nouveaux réalistes, un polittico di esistenze minime perdute tra i massimi sistemi della vita e della storia. Come nei Racconti con colonna sonora di Sergio Atzeni, la voce dei personaggi è incisa sulla musica di fondo delle cose. (effeffe)

Cose da Paz

di Massimo Rizzante
Partiamo da qui: la poesia, l’arte in genere, non ama ripetersi. Ciò non significa che non possa ripetersi. Ecco la mia teoria: quando la poesia non si accorge che si sta ripetendo, la Storia inevitabilmente si ripete. Ciò se si crede, come io mi ostino a credere che, a differenza della poesia di Omero, nessuno studio storico potrà mai dirci qualcosa di essenziale su chi sono stati gli antichi Greci.

I poeti appartati: Enzo Campi

di Enzo Campi
Da quando lo conosco, da più di trent'anni, ho sempre percepito nella "manifattura creativa" di Enzo Campi, che si trattasse di teatro o di poesia, il tentativo di dialogo tra la mano che fabbrica e quella che pensa. La selezione di poesie tratte dalla sua silloge, Sequenze per cunei e cilindri  che il lettore di NI potrà leggere conforta, credo, quella mia percezione dell'origine. effeffe
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: