Articolo precedenteIstruzioni per l’uso di miracoli e tamburi
Articolo successivoCatalunya #2

sartorius

di Massimo Bonifazio

che mi arrivi con crepitii di radio a galena: la sua voce,
dal fondo di depositi calcarei, tufi, che giustifica a fatica
il suo ritorno qui; come se fosse più facile,
esaurita la spinta dell’ossigeno, trasformato
quel poco di carbonio e scissa ogni sua cellula
in elementi estranei, corpi; come se fosse più facile,
così: esplorare, prendere visione.
………………………………………………..la sua voce,
che mi arriva a fiotti: col calore di sorgive termali,
acqua poggiata sulle argille, che filtra fra le rocce,
sfiora nuclei di calore, assorbe; può una voce
avere odore? che mormora, sommessa,
e in quei fiotti, colate,
……………………………..appare in superficie
non è molta la differenza fra basalti e marne,
da questa prospettiva così conclusa in sé
che solo la mia voce registra ancora i moti
delle faglie


……………..sì, è una distanza smisurata,
un mare lavico coperto dalla neve, quella
da cui modulo ancora le parole, senza boati
sotterranei colonne di fumo
………………………………………la sua voce:
che ha perso ogni cadenza, che capisce, capirebbe
ora ogni altra voce, dialetto, e smarrisce fra le auto
direzioni e sentieri, stupita che non ci siano muli,
e avvezza al loro odore: come fate, dunque,
per quelle strade poco più che piste, trazzere ma ora
nella polvere non c’è più la polvere, ma gas, petrolio
– fu a molinazzo, un olio minerale volatile
che irrorava
………………….il suo mormorare, un fiume ininterrotto,
una colata, litania – 1381, mi ripete, 1669, 18-
65, 69, lì fui testimone, l’altezza media del fronte lavico,
quanto poco interessante adesso che il fuoco
non scalda, che il freddo
………………………………il freddo. che non è la lava
a ingrottarsi, ma il freddo
…………………………………….e ritorna sempre
alla magnifica escursione, quando anche il giovane
quanto poco importa ora il suo nome passando
dai paesi con un tempo eccellente
arrivammo al cratere e cosa abbiamo visto
desolazione e sublimati, concrezioni: cloruro
di sodio, di potassio, e rame (ciò che spiega
il colore verdastro), dalle crepe trasversali,
e poi nella casa, rifugio, un unico gesto inatteso:
e la faglia sotto i nostri piedi, spalancata

– non acquista la vita forma cristallina,
piuttosto incapsula, contiene, come insetti nell’ambra,
fossili, conchylien, resti frantumati o semplici
nuclei rocciosi, che non dicono nulla, conglomerati,
si ingrotta, e resta vuota al centro: ma nulla vi trascorre,
non l’acqua, non la luce
………………………………….ma che in lui già la malattia
senza che io ne sapessi nulla lavorava, e l’ascensione
solo avrebbe accelerato, me lo raccontarono
altri, in altri viaggi, ora le loro voci si alternano
in strati alla mia, si mescolano, confondono,
…………………………………………………………………sedimentato
ogni gesto, e irrecuperabile come un ninnolo
caduto sul fondo di un vulcano, o trascinato
da un grandissimo fiume di nero, e strepitoso fuoco:
ma che sia alta ogni voce che recupera un gesto,
e cristallina, ben udibile al di sopra
di crepitii e boati.

Il vulcanologo tedesco Sartorius von Waltershausen pubblicò alcune opere fondamentali sulla geologia e la topografia dell’Etna intorno alla metà del XIX secolo; il verso in corsivo è ripreso da una cronaca da lui citata. Il «giovane» è un naturalista dal nome Maier.

[Il testo è apparso nell’ultimo numero di SUD]

6 Commenti

  1. Bella la lingua, l’occhio da litologo, che dice.

    E la persona-correlativo, da Thomas Stearns, da ”The Journey of the Magi”.

  2. … ricorda forse, in alcuni punti, Kenneth White, poeta che amo molto, e la sua geopoetica… ma forse mi sbaglio…

  3. “ma che sia alta ogni voce che recupera un gesto,
    e cristallina, ben udibile al di sopra
    di crepitii e boati.”….

    Non poteva esserci conclusione più degna e “significante”.
    Bravissimo Bonifazio, grande capacità mitopoietica, e di mimesi. Presti la voce a Sartorius in modo molto convincente. Spesso la poesia “arriva” là dove il racconto in prosa latita….

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.

Intervista a Italo Testa su “Teoria delle rotonde”

di Laura Pugno e Italo Testa   Laura Pugno: Vuole una tesi forte che molta della migliore poesia italiana contemporanea –...

da “Somiglianze di famiglia”

di Matteo Pelliti   Essi   Essi, loro i pronomi della lontananza, della distanza, della genealogia, della progenitura, gli antenati, gli spettri evocabili, avi, trisavoli, siamo noi...

Due descrizioni di quadri

  di Andrea Inglese   Una carta moschicida dorata – certo che no – (potrebbe essere un’ocra, allora, a quest’ora, che lo guardiamo molto...

Corrosioni

di Arben Dedja    Lo stuzzicadenti   Ah sì lo stuzzicadenti me lo ricordo eravamo in quel tal ristorante i telegiornali tuonavano i giornali con titoli in...

Progetto per una casa

* di Giulio Marzaioli ⊕ In primo luogo sarebbe opportuno possedere una casa. Quindi abbatterla, avendo cura di salvaguardare intatte alcune porzioni...
Avatar
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.