Torna Metromorfosi (dopo la pausa estiva)

Metromorfosi 27

infocritica free-magazine

musica, cinema, teatro, arte, scrittura, tic

in distribuzione gratuita in oltre 100 punti a Roma e dintorni

è anche leggibile e scaricabile su www.metromorfosi.com

In questo numero:

Peter Murphy

Adius, Piero Ciampi e altre storie

Premio Via Vittoria

Autunno all’Opera, aspettando Muti

Tornano Greco e Kyliàn al Teatro Valle

Viaggio nella coscienza del rock

Masculin Féminin

Il Cinecontorsionista

Romics

Il cattivo tenente di Werner Herzog

Masked – Legami di sangue

Intervista ai Santasangre

Campolungo – L’orizzone sensibile del contemporaneo

La corsa – Villa Pamphili

Scrapper!

e l’underground, la classica-contemporanea, il jazz, la danza, il cinema, il teatro,l’arte a Roma e dintorni

Metromorfosi è pubblicato da Tic Edizioni

www.metromorfosi.com

Dall’ultima pagina:

PUNTO DI FUGA

di Emanuele Kraushaar

MIO NONNO aveva un’energia incredibile. Pochi mesi prima di morire era venuto a trovarci a Roma. Era rimasto una sola settimana. Abbastanza per mettere a soqquadro mezza casa, conoscere una signora sulla settantina (prontamente invitata a cena da noi), farsi mordere dal cane del vicino. Il giorno della partenza, che arrivammo in ritardo alla stazione, per prendere il treno in tempo saltò sul carrello e, mentre si teneva in equilibrio, io lo portai alla sua carrozza. E quella fu anche l’ultima volta che lo vidi, dato che un male improvviso se lo portò via quella stessa estate. A parte ieri che rideva riflesso in una pozzanghera, mentre una macchina gli passava sopra e mi schizzava addosso acqua e fango. Ma è proprio dalla sua morte che mi sono cominciate quelle strane allucinazioni. L’altra sera il mio gatto, che a mala pena miagola, ha parlato. “È ora di dormire, spegni quella maledetta televisione!” ha detto, mentre addosso mi calava tutto l’incomprensibile mistero dell’universo.

articoli correlati

Una passeggiata ad Avalon

di Francesca Matteoni
La magia del nome Avalon evoca la visione di una terra perduta; un meleto incantato; un territorio della Dea, essenza trasformatrice del mondo. Ne è via d’accesso...

L’Anno del Fuoco Segreto: Foresta d’Ali

L'Anno del Fuoco Segreto di Edoardo Rialti e Dario Valentini Suonando invisibile per il giovane Ferdinando che si aggira sulla spiaggia...

Diario d’autunno. Poesie, alberi, animali

di Francesca Matteoni Nel mese di agosto ho cambiato casa e vita. Le prime settimane sono state occupate dal trasloco...

Testimone di passaggio

di Francesca Matteoni Come suona il presente? Forse come uno spettro, che mentre lo guardiamo è già altrove, una fotografia...

Scrivere la natura. Note su Antropologia del turchese

di Francesca Matteoni Negli ultimi mesi mi sono trovata, per scelta e destino, in vari sensi spaesata, ovvero ho perso...

Immaginare la fine. Nota su Trilogia della catastrofe

di Francesca Matteoni Come il libro di cui mi accingo a scrivere anche il titolo di questa recensione non è...
francesca matteonihttp://orso-polare.blogspot.com
Sono nata nel 1975. Curo laboratori di tarocchi intuitivi e poesia e racconto fiabe. Fra i miei libri di poesia: Artico (Crocetti 2005), Tam Lin e altre poesie (Transeuropa 2010), Acquabuia (Aragno 2014). Ho pubblicato un romanzo, Tutti gli altri (Tunué, 2014). Come ricercatrice in storia ho pubblicato questi libri: Il famiglio della strega. Sangue e stregoneria nell’Inghilterra moderna (Aras 2014) e, con il professor Owen Davies, Executing Magic in the Modern Era: Criminal Bodies and the Gallows in Popular Medicine (Palgrave, 2017). I miei ultimi libri sono il saggio Dal Matto al Mondo. Viaggio poetico nei tarocchi (effequ, 2019), il testo di poesia Libro di Hor con immagini di Ginevra Ballati (Vydia, 2019), e un mio saggio nel libro La scommessa psichedelica (Quodlibet 2020) a cura di Federico di Vita. Il mio ripostiglio si trova qui: http://orso-polare.blogspot.com/