Blog Notes: Magritte, les belges, Libero e i cavalli scossi


di Francesco Forlani

1.lo stupro costante delle nostre menti

Quando passi attraverso le case, le luci, i cieli, soprattutto i cieli, delle opere esposte, qui, nel museo Magritte, è tutta una successione di ricordi e sogni sognati. Una realtà che rimane tale per pochi attimi, l’affiche acquistata al Pompidou vent’anni prima e che si stacca dal muro trascinando con sé un pezzo di intonaco insieme alle due strisce di scotch, a croce, nel mezzo della cameretta. Sono soprattutto i colori delle gouaches appese ai titoli, onirici e rreali del ” saboteur tranquille”: la voix du sang, la lettrice spaventata, chambre d’écoute, e provi estrema dolcezza di visione dall’utopia sospesa del fantastico Château des Pyrenees. “J’aime l’humour subversif, les taches de rousseur, les genoux, les longs cheveux de femme, le rêve des jeunes enfants en liberté, une jeune fille courant dans la rue.” Magritte scrive di amare l’ Humour sovversivo, le guance arrossite, le ginocchia, i capelli lunghi delle donne… Per questo il piccolo quadro, in bianco e nero, le viol, – una parola che è una beffa, dolce come un colore, leggera da evocare volo – è un inferno. Un’opera che nessun Maurizio Costanzo Show – ricordate le copertine magrittiane usate durante le trasmissioni per i consigli per gli acquisti?- avrebbe potuto mettere a fuoco e in pasto ai famosi milioni, di telespettatori. Pensi a Munch, Goya, con quel volto, faccia che diventa corpo, i seni sono occhi pestati, il naso ritratto nel volto, affossato da un pugno, e la bocca, cucita a silenzio, un orifizio muto.

2. La vie secrète des belges


(Bruxelles National Airport) Il sogno di uno scrittore è di ritrovare il proprio libro tra gli scaffali della libreria di un aeroporto.

3. Libero di correre (ma non per Libero, oh!)

Ospite di Stefano Balassone, a Redtv, tra le varie cose che ci siamo detti, alla sua domanda su chi fossero oggi i soldati blu e chi gli indiani, (le immagini mostravano le rispettive cavallerie) a proposito delle recenti polemiche scoppiate su questo blog, m’è venuto di rispondere che Nazione Indiana, per me, era, erano i cavalli scossi.

E i sogni si allontanano
come i cavalli scossi,
caduti i sognatori;
bocconi tra le fragole, ma
più dolci e più rossi,
ridotti a dolenti spifferi.
E docili incompetenti
nella lotta incerta
tra il ridire e il fare
l’amore colloquiale.

Print Friendly, PDF & Email

10 Commenti

  1. e il video di redtv si può vedere?
    Francesco io aspetto ancora la seconda parte dell’incontro di roma, c’è un continua che urla nell’altro post

  2. Come dire: ceci n’est pas une femme.

    Per me, Magritte é soprattutto “La corda sensibile”: la nuvola nella coppa di champagne…leggerezza e pesantezza.

  3. se è falsa la bugia che mi vede pirata incapace di navigare in alte acque è verissimo che forlani è sempre forlani.
    quando viaggia
    (nello spazio e nel tempo usando i non luoghi come veri luoghi di ritrovo: avete mai fatto una camminata con lui in una stazione? il suo sguardo “misura” anche le dimensioni dei sassi “morti” nello scartamento dei binari)
    quando usa i suoi tre occhi.
    (due biologici e uno meccanico, quello in cui nessuno deve-può guardare…almeno secondo le non regole di questo cinema poco contemporaneo ma vicino a noi che lo guardiamo)
    quando parla.
    ( c’è qualcosa di anomalo e curioso al tempo stesso.
    pare di ascoltare e guardare una marionetta antica e affascinante mossa dalle mani callose di un vecchio seduto dietro il teatrino, e il tutto è spettacolare ma non artificioso)
    quando vive.
    (perchè c’è più vita in Forlani che in tutti pirati che ho incontrato vagando per isole e isole che ho smesso di contare.)

    blabla83@virgilio.it

  4. Se è vero quanto diceva Martin Heidegger nel 1926 che il linguaggio è la casa dell’essere nessuno avrebbe immaginato che la si sarebbe arredata con mobili ikea (francesco forlani)

    F.A.V.O.L.O.S.O! notevole e spassosa intervista, sei veramente bravo :-)

  5. Che bellissimo momento con effeffe, il comunista dandy:
    si respira fantasia mescolata alla “follia” belga.

    Eleganza, poesia, ricordi, indiani scossi; Agnes B, Nunziatella,
    basette, scrittura, sognatori; Moresco…

    GRAZIE

  6. F. F. traduce “taches de rousseur” con “guance arrossite” : ???

    la parola significa “lentiggini”

    Verificare in un dizionario a volte non nuoce…

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Rêveries

di Mirco Salvadori
Il diario di bordo di una due giorni dove è questione di pratica di gioventù e di trasmissione generazionale. Un'esperienza tradotta in uno scritto che speriamo incontri con piacere i lettori di Nazione Indiana. M.S.

Memento Moro

Poesie di Alida Airaghii
Come nei Sillabari di Goffredo Parise, dove sono i luoghi a fare le persone e le persone i titoli dell'abécédaire in questa raccolta è il tempo a definire l'ordine, e la storia a sconvolgere la cronologia mutando la semplice successione degli anni- le poesie sfilano come date precise, giorno, anno...

Les nouveaux réalistes: Luigi Macaluso

di Luigi Macaluso
Narrano le cronache non scritte di Trizzulla, paese dell’entroterra madonita, che all’indomani della legge Merlin l’arrivo del nuovo parroco don Basilicò fu accompagnato dalla presentazione d’un prodigio: la nipote Lina, meglio nota alla memoria dei fedeli come l’Ovarola o la Moglie del Serpente.

Avanguardia Vintage: l’intervista

a cura di di Nadia Cavalera
"C’è un brano di Kafka che dice che la scrittura deve essere come un’ascia, che rompe uno strato di ghiaccio. Per cui, sostanzialmente, al povero lettore gli diamo, come dire, delle botte sulla testa."

Deus ex Makina: Maniak

di Francesco Forlani
Da un po'sto collaborando con Limina Rivista, con delle autotraduzioni dal francese di piccoli assaggi ( essais) letterari pubblicati in oltre vent’anni sulla rivista parigina l’Atelier du Roman diretta da Lakis Proguidis. Dopo Philip K Dick, Franz Kafka, Anna Maria Ortese, Charles Dickens è stata la volta di Boris Vian. Qui una nota a un libro indispensabile.

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: