Articolo precedenteLa morte e la città di B.
Articolo successivoBUSCA CHE ?

KURT SCHWITTERS “An Anna Blume”

Anna Blume: Dichtungen (1919)

Ad Anna Blume
Merzpoesia I

O tu amata dei miei ventisette sensi, io a te
    amo! tu di te te a te, io a te, tu a me. – Noi?
Ma questo (detto fra parentesi) non c’entra.
Chi sei tu, innumerevole femmina? Tu sei… sei tu?
    – la gente dice, che saresti, – lasciala dire, non
   sa come sta in piedi un campanile.
Porti il cappello sui tuoi piedi e cammini sulle
    mani, sulle mani tu cammini.
Ehi, i tuoi vestiti rossi, segati in pieghe bianche.
Rossa io amo Anna Blume, rossa, io amo a te! Tu di te te
a te, io a te, tu a me. – Noi?
                            
Questo (detto fra parentesi) sta meglio nella fredda brace.
Rosso fiore, rossa Anna Blume, come dice la gente?
Indovinello: 1. Anna Blume ha un grillo.
                      2. Anna Blume è rossa.
                      3. Che colore ha il grillo?
Blu è il colore dei capelli gialli.
Rosso è il tubare del tuo verde grillo.
Tu ragazza schietta nel vestito di casa, tu cara verde bestiola,
   io amo a te! – Tu di te a te, io a te, tu a me;
    – Noi?
Ma questo sta meglio (detto fra parentesi) nella cassetta della brace.
Anna Blume! Anna, a-n-n-a, io sgocciolo il tuo nome. Il tuo
    nome gocciola come morbido sego di bue.
Lo sai, Anna, lo sai già?
Ti si può leggere anche da dietro, e tu, tu la più splendida
fra tutte sei da dietro come davanti: “a-n-n-a”;.
Sego di bue gocciola accarezzare sulla mia schiena.
Anna Blume, tu bestiola, gocciolone, io amo a te.

 

[ trad. Arturo Schwarz ]

 

9 Commenti

  1. aggiungo, per chi non fosse familiare con il gotico corsivo, che sul frontespizio si legge il nome dell’autore Kurt Schwitters e, in alto, il nome della serie, die Silbergäule (qualcosa come “ronzini d’argento”), collana di libri pubblicati da Paul Steegemann Verlag, Hannover (ultima riga in basso) nell’autunno del 1919; questo era il volume 39/40. Non sarà poi secondario che Blume, in tedesco sostantivo femminile, voglia dire fiore. Sotto il nome di Anna Blume è scritto dichtungen, che significa “poesie”. Grazie assai Orsola per questa preziosità.

  2. …quando si dice che la traduzione conta (no perché l’altra volta, con altro brano poetico sempre in tedesco, non ricordo l’autore né il traduttore, mi sono messo a piangere, ma colpa della traduzione perché il brano si capiva che era valido)

    qui, invece, è musicale tutto, come piace a me, bel ritmo e… mi piace vah

  3. grazie

    sarebbe bello che qualcheduno traducesse e pubblicasse tutto il romanzo dada di Schwitters

    la traduzione di Schwarz in effetti fila ed è musicale all’apparenza
    ma è comunque misterioso come abbia deciso di tradurre

    Anna Blume hat ein Vogel

    con

    Anna Blume ha un grillo

    visto che Vogel sarebbe uccello
    e che grillo è Grille
    mah….

    nella traduzione in Inglese fatta da Schwitters stesso
    è wheels… ruote

    Eve Blossom,

    Kurt Schwitters’ own translation of “An Anna Blume”

    Oh thou, beloved of my twenty-seven senses, I love thine! Thou thee
    thee thine, I thine,
    thou mine, we?
    That (by the way) is beside the point!
    Who art thou, uncounted woman, Thou art, art thou?
    People say, thou werst,
    Let them say, they don’t know what they are talking about.
    Thou wearest thine hat on thy feet, and wanderest on thine hands,
    On thine hands thou wanderest
    Hallo, thy red dress, sawn into white folds,
    Red I love Eve Blossom, red I love thine,
    Thou thee thee thine, I thine, thou mine, we?
    That (by the way) belongs to the cold glow!
    Eve Blossom, red Eve Blossom what do people say?
    PRIZE QUESTION: 1. Eve Blossom is red,
    2. Eve Blossom has wheels
    3. what colour are the wheels?
    Blue is the colour of your yellow hair
    Red is the whirl of your green wheels,
    Thou simple maiden in everyday dress,
    Thou small green animal,
    I love thine!
    Thou thee thee thine, I thine, thou mine, we?
    That (by the way) belongs to the glowing brazier!
    Eve Blossom,eve,
    E – V – E,
    E easy, V victory, E easy,
    I trickle your name.
    Your name drops like soft tallow.
    Do you know it, Eve?
    Do you already know it?
    One can also read you from the back
    And you, you most glorious of all,
    You are from the back as from the front,
    E-V-E.
    Easy victory.
    Tallow trickles to stroke over my back
    Eve Blossom,
    Thou drippy animal,
    I
    Love
    Thine!
    I love you!!!!

    ,\\’

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

DAVID FOSTER WALLACE legge “Una storia ridotta all’osso della vita postindustriale” [1999]

Quando vennero presentati, lui fece una battuta, sperando di piacere. Lei rise a crepapelle, sperando di piacere. Poi se ne tornarono a casa in macchina, ognuno per conto suo, lo sguardo fisso davanti a sé, la stessa identica smorfia sul viso.

MUSICA PER GIORNI DISPARI #01 Steve Reich “WTC 9/11” [2010]

di Steve Reich
Il pezzo inizia e finisce con il primo violino che raddoppia il forte segnale acustico di avviso (in realtà un FA) emesso dal telefono quando viene lasciato sganciato. Nel primo movimento ci sono voci d'archivio dei controllori del traffico aereo del NORAD, allarmati dal fatto che il VOLO 11 americano fosse fuori rotta.

DANIELE DEL GIUDICE “levare a ogni frase la terra sotto i piedi“

"Le storie, i sentimenti, i personaggi, la descrizione: riuscire a renderli totale provvisorietà; levare a ogni frase la terra sotto i piedi, levarle il fondamento, col gesto stesso con cui ci sforziamo di affidarla a una stabilità."

MUSICA PER GIORNI PARI #01 Gregorio Allegri “Miserere”

di Orsola Puecher
E' Mercoledì 11 Aprile 1770: Johann Georg Leopold Mozart e suo figlio, il quattordicenne Wolfgang Amadeus, esibito fin da bambino nelle le corti d’Europa in sfiancanti tournée musicali, arrivano a Roma.

cinéDIMANCHE #24 KEN RUSSELL Amelia and the Angel [1957]

di Orsola Puecher
... l'organetto a manovella che gira il suo disco di metallo traforato insieme al cerchio delle bambine, figurine danzanti di un carillon, ci fa subito capire che stiamo entrando in una dimensione delicata e parallela.

25 aprile 2021 Canteremo ancora… [tracce di un’altra vita]

La piccola targa di ottone è ancora là, incastonata nel marciapiede, lo è stata nel silenzio e nella solitudine delle strade deserte e del lockdown. Testimonia lo stesso e rende onore a chi tomba e sepoltura non ha potuto avere.
orsola puecherhttps://www.nazioneindiana.com/author/orsola-puecher/
,\\' Nasce [ in un giorno di rose e bandiere ] Scrive. [ con molta calma ] Nulla ha maggior fascino dei documenti antichi sepolti per centinaia d’anni negli archivi. Nella corrispondenza epistolare, negli scritti vergati tanto tempo addietro, forse, sono le sole voci che da evi lontani possono tornare a farsi vive, a parlare, più di ogni altra cosa, più di ogni racconto. Perché ciò ch’era in loro, la sostanza segreta e cristallina dell’umano è anche e ancora profondamente sepolta in noi nell’oggi. E nulla più della verità agogna alla finzione dell’immaginazione, all’intuizione, che ne estragga frammenti di visioni. Il pensiero cammina a ritroso lungo le parole scritte nel momento in cui i fatti avvenivano, accendendosi di supposizioni, di scene probabilmente accadute. Le immagini traboccano di suggestioni sempre diverse, di particolari inquieti che accendono percorsi non lineari, come se nel passato ci fossero scordati sprazzi di futuro anteriore ancora da decodificare, ansiosi di essere narrati. Cosa avrà provato… che cosa avrà detto… avrà sofferto… pensato. Si affollano fatti ancora in cerca di un palcoscenico, di dialoghi, luoghi e personaggi che tornano in rilievo dalla carta muta, miracolosamente, per piccoli indizi e molliche di Pollicino nel bosco.