En amitié fidèle

En amitié fidèle
Serata per Roland Barthes

lunedì 15 marzo 2010 h. 20.30

partecipano:
Alberto Arbasino
Umberto Eco

in occasione della pubblicazione di
Riga 30 – Roland Barthes
a cura di Marco Consolini
e Gianfranco Marrone
marcos y marcos editore
saranno presenti i curatori
ufficiostampa@marcosymarcos.com

teatro franco parenti
via pier lombardo 14, milano
+39 02 59995258
info@teatrofrancoparenti.it

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. che bel post!
    è di articoli così che abbiamo bisogno, di un periodare semplice e di pensieri chiari, comprensibili a tutti
    e di curatori sempre presenti, anche

  2. Fragments d’un discours amoureux, un saggio che leggo e rileggo.

    bello il titolo; en amitié fidèle.

  3. ho appena preso il suo ultimo libro quello sulla madre. mi piacerebbe molto esserci, peccato la distanza.

  4. Grande imprescindibile Fm, indefettibile memoria critica e storica: indispensabile nella marmellata dell’eterno presente. E sì che un Roland Barthes, grande semiologo, nella società attuale avebbe continuato a frullare letture strepitose. Ci prova Marco Belpoliti con IL CORPO DEL CAPO, e da molti viene completamente letto all’incontrario, come se avesse fatto una esaltazione del capo, e non dei meccanismi che legano la mediocrità dell’uomo medio di massa a identificarsi con il Corpo del Capo, appunto, che di quella mediocità si fa specchio…Ah, se avessero letto un po’ di Roland Barthes ! Con l’augurio che almeno Alan Fard ci sia andato alla Serata per Roland Barhes.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Audio Doc Sound: parti sonore, video invisibili

di Pietro D'Agostino Normalmente alla base della produzione di un film, di un documentario o comunque di una serie di...

Invisibilità e autorialità a proposito di Elena Ferrante

di Viviana Scarinci   Il 29 agosto scorso in occasione dell’uscita de La vita bugiarda degli adulti in trentacinque Paesi, Elena...

Lampi, premonizioni, attriti: i versi visionari di Simonetta Giungi

di Piergiorgio Viti Negli ultimi anni pubblico e critica hanno riportato in auge autori ingiustamente finiti nel dimenticatoio, o addirittura...

Un’intervista su (((

Gianluca Garrapa: la scrittura cuneiforme è basata sulla ripetizione di una forma unica    una serie di vettori a quanto pare...

La città bambina: scuole aperte

Di seguito una proposta per l'anno scolastico 2020-2021 al momento indirizzata alla Regione Toscana e alla provincia di Pistoia,...

Se il virtuale trabocca nel reale

di Mariasole Ariot Forse ai nostri giorni l'obiettivo non è quello di scoprire che cosa siamo, ma di rifiutare quello...
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Nel 2011 il romanzo noir I materiali del killer ha vinto il Premio Scerbanenco. Nel 2018 il romanzo storico Come sugli alberi le foglie ha vinto il Premio Bergamo. Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.
Print Friendly, PDF & Email