En amitié fidèle

En amitié fidèle
Serata per Roland Barthes

lunedì 15 marzo 2010 h. 20.30

partecipano:
Alberto Arbasino
Umberto Eco

in occasione della pubblicazione di
Riga 30 – Roland Barthes
a cura di Marco Consolini
e Gianfranco Marrone
marcos y marcos editore
saranno presenti i curatori
ufficiostampa@marcosymarcos.com

teatro franco parenti
via pier lombardo 14, milano
+39 02 59995258
info@teatrofrancoparenti.it

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. che bel post!
    è di articoli così che abbiamo bisogno, di un periodare semplice e di pensieri chiari, comprensibili a tutti
    e di curatori sempre presenti, anche

  2. Fragments d’un discours amoureux, un saggio che leggo e rileggo.

    bello il titolo; en amitié fidèle.

  3. ho appena preso il suo ultimo libro quello sulla madre. mi piacerebbe molto esserci, peccato la distanza.

  4. Grande imprescindibile Fm, indefettibile memoria critica e storica: indispensabile nella marmellata dell’eterno presente. E sì che un Roland Barthes, grande semiologo, nella società attuale avebbe continuato a frullare letture strepitose. Ci prova Marco Belpoliti con IL CORPO DEL CAPO, e da molti viene completamente letto all’incontrario, come se avesse fatto una esaltazione del capo, e non dei meccanismi che legano la mediocrità dell’uomo medio di massa a identificarsi con il Corpo del Capo, appunto, che di quella mediocità si fa specchio…Ah, se avessero letto un po’ di Roland Barthes ! Con l’augurio che almeno Alan Fard ci sia andato alla Serata per Roland Barhes.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Quando i pesci hanno i piedi

di Romano A. Fiocchi
La copertina è così: accattivante ma nuda, senza titolo, né autore, né editore. Che sono però sul dorso con caratteri che sembrano il loro riflesso tremolante nell’acqua.

Un editore rompitascabile

di Romano A. Fiocchi
Era il 29 novembre 1938. Angelo Fortunato Formiggini, uno dei più geniali editori del XX secolo, italiano «di sette cotte» ma di origini ebraiche, dopo aver sopportato le già pesanti ingerenze del regime, rifiuta di accettare l’estremo affronto delle leggi razziali. Da Roma, dove risiedeva, torna alla sua Modena, sale sulla torre Ghirlandina e si lancia nel vuoto urlando «Italia! Italia! Italia!»

La mantide

di Francesca Ranza
Quell’estate una mantide decapitata cadde giù dal cielo. Eravamo in piscina e parlavamo della coscienza, perché parlare della coscienza andava molto di moda. Non eravamo andati da nessuna parte in vacanza. Lui diceva che Milano in agosto era bellissima e io, anche se a Milano in agosto non ci ero mai stata prima, gli avevo creduto.

Racconti del postmitologico

di Romano A. Fiocchi
L’eleganza del linguaggio di Santoro, che è la sua cifra, contribuisce a proiettare questi brevi e brevissimi racconti – che variano da un massimo di sette pagine a un minimo di mezza paginetta – in un tempo tra il mitologico e il postmitologico.

Soldi soldi soldi

di Romano A. Fiocchi
Poema sinfonico, inteso quale intreccio di liriche di varie misure dove le parole si ripetono come motivi musicali, ogni volta modellati diversamente e sempre più vicini al perfezionamento dell’immagine.

L’orgoglio della modestia

di Gianni Biondillo
Per i razionalisti il tema era, a parità di risorse a disposizione, progettare una casa decorosa per tutti. Indipendentemente dal censo o dalla classe sociale. Era una questione etica non estetica.
gianni biondillo
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Ha vinto il Premio Scerbanenco (2011), il Premio Bergamo (2018) e il Premio Bagutta (2024). Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: